I nomi di Dio nell’Antico Testamento

sole cielo

elohim

Elohim. La forma del nome è al plurale (lett. Dèi), ma il verbo che l’accompagna, quando è riferito a YHWH, è al singolare. Così Genesi 1:1 non dice “Elohim crearono”, ma “Elohim creò”. Elohim deriva da El, che significa forza, potenza ed onnipotenza. Elohim pone quindi l’accento sulla potenza creatrice di Dio, messa soprattutto in evidenza nell’opera della creazione di Genesi 1, dove Elohim ricorre ben 32 volte, In tutto l’Antico Testamento Elohim ricorre 2.312 volte.

yhwh

YHWH o JHWH. Il nome di Dio era scritto in ebraico con le sole consonanti YHWH, il Tetragramma appunto, e ad un certo punto, siccome si era diffusa fra gli Ebrei l’idea che fosse sbagliato anche solo pronunciare il nome di Dio (sul periodo in cui si affermò questa idea c’è grande incertezza e le idee tra gli studiosi variano), il Tetragramma cominciò ad essere normalmente letto Adonay (Signore), o Elohim (Dio) nel caso in cui il Tetragramma era già preceduto da Adonay, per evitare la ripetizione di quest’ultimo termine. Sulle quattro consonanti che formano il Tetragramma vennero poste le vocali di Adonay in maniera che quando il lettore capitava sul Tetragramma pronunciava Adonay. Tra il V e l’VIII secolo dopo Cristo i Masoreti (un gruppo di copisti ebrei) vocalizzarono il Tetragramma con le vocali di Adonay cioè a o a, solo che la prima a, per una legge fonetica ebraica divenne e con le nuove consonanti. Ecco così che il Tetragramma fu reso Ye -Ho -Wa- H. Così il nome di Dio YHWH, nella lingua ebraica, divenne YEHOWAH. Continua a leggere