La donna Melluso è sempre al passo con i tempi

Il calzaturificio Melluso è stato fondato nel 1945 da Alfonso Melluso (1928-2012), ed è una azienda molto conosciuta a livello nazionale. Il suo fondatore – da quanto riporta Alessandro Iovino nel suo libro ‘Alfonso Melluso. Il giovane saggio del pentecostalismo italiano’ (libro che ha la prefazione del massone già «Maestro Venerabile» Giancarlo Rinaldi) – si convertì al Signore Gesù Cristo da adolescente e diventò ‘pastore’ prima della Chiesa ADI di Moschiano (AV) nel 1973-74, e poi della Chiesa ADI di Secondigliano (NA) nel 1981 (Alessandro Iovino, Alfonso Melluso. Il giovane saggio del pentecostalismo italiano, Edizioni GBU, 2014, pag. 56-57). Inoltre, il Melluso è stato membro del Comitato di Zona Campania-Molise delle ADI, ricoprendo la carica di segretario dal 1983 al 2005 (Ibid., pag. 60). Attualmente la Melluso è diretta da Beniamino Melluso, fratello di Alfonso. E anche Beniamino risulta essere un ‘pastore’ di una Chiesa ADI (Assemblee di Dio in Italia).

Dunque, non stiamo parlando di una azienda qualsiasi, ma di un’azienda fondata da un uomo che si professava un Cristiano, non solo, ma che era riconosciuto anche come pastore di una Chiesa, e che diresse la sua azienda fino alla sua morte (‘ha lavorato in azienda fino a pochi mesi prima della sua scomparsa’, Ibid., pag. 77). E azienda che viene tuttora diretta da qualcuno che dice di essere un Cristiano e un pastore.

Perchè dico questo? Perchè anche nel campo lavorativo da uno che si dice Cristiano ci si aspetta una condotta coerente con la sua professione di fede, nel senso che ci si aspetta che egli glorifichi Dio anche tramite il suo lavoro in quanto la Scrittura afferma: “Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun’altra cosa, fate tutto alla gloria di Dio” (1 Corinzi 10:31). Che cosa significa questo? Che un Cristiano anche con il lavoro che compie deve promuovere la gloria di Dio, e quindi deve onorare la dottrina di Dio affinché il nome di Dio sia glorificato anche tramite il suo lavoro, il che significa implicitamente che questo mondo di tenebre deve vedere la luce anche nel lavoro che il Cristiano compie. Per cui il Cristiano non può tramite il suo lavoro partecipare alle opere infruttuose delle tenebre, secondo che è scritto: “Non siate dunque loro compagni; perché già eravate tenebre, ma ora siete luce nel Signore. Conducetevi come figliuoli di luce (poiché il frutto della luce consiste in tutto ciò che è bontà e giustizia e verità), esaminando che cosa sia accetto al Signore. E non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre; anzi, piuttosto riprendetele” (Efesini 5:7-11). Dunque, proprio perché i Cristiani sono luce nel Signore in quanto sono “la luce del mondo” – come ha detto Gesù (Matteo 5:14) – devono mostrare in ogni area della loro vita il frutto della luce che consiste in tutto ciò che è bontà, giustizia e verità. I Cristiani devono condursi da figli della luce, e non come quelli della notte che invece essendo nell’ignoranza seguono l’empietà e le mondane concupiscenze, e questo perché – come dice l’apostolo Paolo a Tito – “la grazia di Dio, salutare per tutti gli uomini, è apparsa e ci ammaestra a rinunziare all’empietà e alle mondane concupiscenze, per vivere in questo mondo temperatamente, giustamente e piamente, aspettando la beata speranza e l’apparizione della gloria del nostro grande Iddio e Salvatore, Cristo Gesù” (Tito 2:11-13). Continua a leggere

Arriva per le Chiese evangeliche corrotte il nuovo tormentone «Harlem Shake»

harlem-shake-balletto

Le Chiesa evangeliche corrotte tenendosi a passo con il ‘presente secolo’ hanno copiato l’ennesimo tormentone. Questo tormentone si chiama l’«Harlem Shake», che è un nuovo balletto demenziale esploso recentemente su Internet, il cui inventore sarebbe un certo Filthy Frank, sulla base di un pezzo dance del dj Baauer!

Queste persone che si dicono Cristiani non hanno un briciolo di timore di Dio. Neanche gli increduli si comportano in questa maniera. C’è gente che non è Cristiana che ha più dignità di loro.

Foto: Filthy Frank, l’inventore del nuovo balletto

Il suddetto ballo «Harlem Shake» viene svolto in questa maniera. Una sola persona inizia a ballare tra l’indifferenza dei presenti per circa quindici secondi, poi quando il ritmo sale iniziano a ballare anche gli altri con abiti assurdi e improbabili per altri quindici secondi. Continua a leggere

La storia del Flash Mob

Dopo aver fatto degli articoli sulla canzone You Raise me Up e sulla Gangnam Style mi sono sentito di farlo anche sul Flash Mob perché sto notando che sempre più chiese evangeliche mondane vogliono piacere agli uomini utilizzando dei cosiddetti tormentoni per attirare la gente a sé. A quanto pare il loro desiderio è quello di conformarsi al mondo. Non capiscono che ciò porta alla corruzione della Chiesa. La stessa storia ci insegna che ogni volta che si è voluto introdurre nella Chiesa delle pratiche mondane, la Chiesa si è corrotta.

Fin dall’inizio il Signore si è sempre preoccupato del suo popolo avvertendolo di non conformarsi con le pratiche dei popoli pagani perché l’avrebbero corrotto. Infatti nel Levitico sta scritto:

Non farete quel che si fa nel paese d’Egitto dove avete abitato, e non farete quel che si fa nel paese di Canaan dove io vi conduco, e non seguirete i loro costumi.”  (Levitico 18:3)

Come potete ben notare il Signore non voleva assolutamente che il popolo imitasse i costumi e le pratiche di quei popoli. Sicuramente qualche contenzioso obbietterà questa cosa dicendo che era rivolta al popolo di Israele e non ai Cristiani. Nel Nuovo Testamento l’apostolo Paolo dice chiaramente alla Chiesa di Roma: E non vi conformate a questo secolo (Romani 12:2).

La parola conformare significa che ha forma uguale o simile. Paolo esorta i santi di Roma a non essere uguali a quelli del mondo perché il presente secolo è dominato da Satana. Satana essendo nemico di Dio non farà mai qualcosa che sia conforme agli statuti di Dio. La cosa mi sembra molto semplice da capire. I Cristiani devono essere conformi alla Parola di Dio.

Cos’è il Flash Mob?

Il Flash Mob (dall’inglese flash: lampo, inteso come cosa rapida, improvvisa, e mob: folla) è un termine coniato nel 2003 per indicare una riunione, che si dissolve nel giro di poco tempo, di un gruppo di persone in uno spazio pubblico, con la finalità comune di mettere in pratica un’azione insolita. Il raduno viene generalmente organizzato via internet (email, social networks) o telefonia cellulare. Le regole dell’azione possono essere illustrate ai partecipanti pochi minuti prima che questa abbia luogo o possono essere diffuse con un anticipo tale da consentire ai partecipanti di prepararsi adeguatamente. Continua a leggere

La storia della Gangnam Style

Gangnam Style (in coreano 강남스타일) è un singolo K-pop del rapper sudcoreano PSY, pubblicato il 15 luglio 2012. Il singolo ha debuttato nella Gaon Chart alla prima posizione e il video su YouTube è il più visto relativo al suo genere. Ha ricevuto circa 700 milioni di visualizzazioni.

Il video musicale mostra PSY che balla imitando la cavalcata di un equino. Esegue la “danza” in diversi posti tra cui una piscina idromassaggio, una giostra, un ascensore, un garage e la metropolitana.

Chi è PSY?

Park Jae-Sang (Coreano: 박재상; Seul, 31 dicembre 1977) è un rapper, cantante e ballerino sudcoreano, meglio conosciuto con il nome d’arte PSY.

È famoso in Corea per le coreografie comiche e colorate che accompagnano le sue canzoni e per il suo senso dell’umorismo. Ha raggiunto la popolarità a livello globale con la canzone Gangnam Style. Nel video, PSY si esibisce in un ballo che simula una cavalcata, inserendo tale coreografia in vari contesti.

Inoltre si è unito al Rotary International per combattere la polio. La notizia è apparsa sul Masonic Times, che è una pubblicazione massonica (http://masonictimes.blogspot.it/2013/02/psy-joins-rotary-international-in-its.html).

Come avete potuto leggere quest’uomo ha inventato questa canzone con i suoi modi mondani. Adesso vi farò leggere la traduzione della sua canzone che non è  per niente Cristiana. Continua a leggere

Gli Skillet dal vivo

Il gruppo che vedrete esibirsi si chiama Skillet, ed è una rock band ‘cristiana’. Cantano ‘Whispers In The Dark’ e ‘Hero’. Ecco cosa accade quando la Chiesa smette di vegliare e pregare: fa spazio nel suo mezzo a questi cantanti corrotti oltremodo mondani che danneggiano la vigna di Dio.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Per approfondire l’argomento leggete il libro del fratello Giacinto Butindaro sulla musica Rock Cristiana.

Contro la musica rock ‘cristiana’

Articoli correlati: