A titolo informativo

archive-gigliottiPochi giorni fa è stato pubblicato sul sito «Conspiracy Archive (Secret Societies, Cryptocracy and Deep Politics)», un lungo articolo dal titolo «Frank Gigliotti: Minister, Freemason, OSS and CIA» (Frank Gigliotti: Pastore, Massone, OSS e CIA), che è il frutto di due anni di ricerca dell’autore dell’articolo (https://forum.davidicke.com/showthread.php?t=301303).

Sono state riprese diverse informazioni ed anche foto presenti nel mio libro ‘La Massoneria smascherata’. Si parla anche dei pentecostali, delle Assemblee di Dio, del fatto che Gigliotti fece scrivere gli articoli della Costituzione Italiana che assicurano la libertà religiosa, e c’è anche la foto del 1948 dove il massone e agente della CIA Frank Gigliotti è con Umberto Gorietti il primo presidente delle Assemblee di Dio in Italia (ADI). Nell’articolo si parla anche di Licio Gelli (reclutato da Gigliotti) e di Andreotti, come anche della strage di Portella della Ginestra e di tanto altro. In questo articolo vengono fornite su Gigliotti anche informazioni che non trovate nel mio libro. Lo consiglio a tutti coloro che conoscono la lingua inglese.

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

Due domande ai lottatori per la libertà religiosa per tutti

aei-liberta-religiosaCi sono molti che si dicono Cristiani che – mettendosi con altri che non sono Cristiani – lottano per la libertà religiosa dei mussulmani, buddisti, induisti, mormoni, testimoni di Geova, e tanti altri nemici della verità. E questo perchè essi ritengono che tutti costoro hanno il diritto di ingannarsi e ingannare gli altri per trascinarli con loro nelle fiamme dell’inferno, e quindi si impegnano affinchè lo Stato dia loro la completa ‘libertà religiosa’ per professare il loro culto e diffondere quindi le loro eresie di perdizione. Continua a leggere

Risposta a Goffredo Colucci sulla marcia per la libertà religiosa in Brasile

Tratto da http://giacintobutindaro.org/

Ieri ho pubblicato sulla mia pagina facebook il seguente video sulla quinta marcia per la libertà religiosa che si è tenuta in Brasile.

accompagnandolo con il seguente commento:

‘Questa è una marcia tenutasi in Brasile a favore della libertà religiosa. Vi chiedo: ‘Come possono i Cristiani collaborare con i figli del diavolo partecipando a simili iniziative?’ Eppure qui in Italia ci sono tanti che si dicono Cristiani che sono pronti a dire che combatteranno affinchè tutti abbiano il diritto di credere e diffondere le dottrine che vogliono e quindi sono disposti ad aiutare ed appoggiare i figli del diavolo a diffondere le loro menzogne. Quanta stoltezza e malvagità regnano in mezzo alle Chiese Evangeliche. Dimenticavo di dire, che ovviamente dietro simili iniziative c’è sempre dietro la Massoneria con cui peraltro tanti Evangelici vanno d’amore e d’accordo’.
commento-marcia

Un certo Goffredo Colucci ha scritto ad alcuni fratelli dicendo loro che io scrivo menzogne e che in questo video ci sono tutti meno che la chiesa evangelica. Continua a leggere

Due considerazioni sulla collusione dei dirigenti ADI con la Massoneria nel dopoguerra

gorietti-massoniIn questa foto scattata negli USA nel 1948 e apparsa sull’organo ufficiale delle Assemblies of God USA The Pentecostal Evangel (7 Agosto 1948, pag. 11), e presente nel libretto The Fabulous Frank Gigliotti (pag. 6), si può vedere chiaramente Umberto Gorietti (allora presidente delle ADI) assieme ad altri esponenti delle Assemblee di Dio di allora (Dominick Lisciandrello, Anthony Piraino, e Alexander Mauriello, importanti esponenti del ramo italiano delle Assemblee di Dio che era sorto nel Gennaio del 1948 a Syracuse, New York), con i massoni (da sinistra nella foto) Angelo Di Domenica, Frank Bruno Gigliotti, Alberto Tarchiani (ambasciatore italiano negli USA), Charles Fama, e Francis J. Panetta. Continua a leggere

L’Alleanza Evangelica Italiana collabora con il diavolo: ecco in che maniera

Articolo tratto da: http://giacintobutindaro.org/

aei-liberta-religiosa

Nota bene: in Italia la cosiddetta libertà religiosa viene proclamata anche dalla Federazione delle Chiese Evangeliche, dalla Federazione delle Chiese Pentecostali, dalle Assemblee di Dio in Italia, ed altre organizzazioni e denominazioni evangeliche, per cui il discorso che faccio sull’AEI vale anche per tutti gli altri che parlano e ragionano come quelli dell’AEI.

L’Alleanza evangelica italiana (AEI) è un organismo di cooperazione interprotestante italiano. Costituita a Firenze nel 1974, dal 1990 l’AEI ha sede legale a Roma. E’ la diramazione italiana dell’Alleanza evangelica mondiale (WEA), sorta in Inghilterra nel 1846 e che oggi rappresenta oltre 600 milioni di Cristiani Evangelici in tutto il mondo.

Il comitato esecutivo AEI è composto dal presidente Giacomo Ciccone, dal vice-presidente Leonardo De Chirico, e dal segretario generale Gian Piero Marussich. I consiglieri invece sono: per il Distretto Nord-Est, Giuseppe Rizza; per il Distretto Centro-Nord, Ettore Calanchi; per il Distretto Centro e Sardegna, Stefano Bogliolo; per il Distretto Sud-Est, Samuele Russo; per il Distretto Sicilia, Vincenzo Paci. Continua a leggere

Charles Fama: Un potente massone antifascista e agente della CIA

Vediamo ora di dare qualche altra notizia su Charles Fama, il compagno di viaggio di Gigliotti – i due erano amici da molti anni – in Italia durante la primavera 1947. Fama era conosciuto come un importante massone: peraltro grande amico del famoso sindaco di New York Fiorello Henry LaGuardia che era anche lui massone (tanto che nel 1940 in occasione della posa della prima pietra di un locale di culto di una Chiesa Battista Italiana Fama vi si recò come rappresentante del sindaco LaGuardia); Fama era amico anche del massone James Zellerbach, che tra il 1948 e il 1950 fu direttore dell’ECA (Economic Cooperation Administration), ossia l’ente incaricato di gestire i fondi del piano Marshall, come anche ‘di George C. Marshall, segretario di Stato e segretario alla Difesa, padre del piano americano di aiuti per i paesi usciti dalla guerra, anche lui massone, e di Paul Gray Hoffmann, presidente della Studebaker Co., amministratore per l’Europa del piano Marshall membro della loggia Wilshire di Los Angeles, California, dal 1926′ (Gianni Rossi & Francesco Lombrassa, In nome della «Loggia»: le prove di come la massoneria segreta ha tentato di impadronirsi dello Stato italiano: i retroscena della P2, pag. 22). Ma Fama era anche conosciuto come uno zelante antifascista (tanto che alcune volte ebbe bisogno della scorta della polizia per proteggerlo). Qui sotto, nell’articolo di giornale a sinistra c’è una foto di lui mentre parla durante un comizio antifascista per protestare contro l’accoglienza dell’allora ministro degli Esteri Italiano Dino Grandi, comizio finito in una sommossa tra differenti fazioni degli anti Fascisti, e Fama viene definito ‘leader degli anti-Fascisti negli USA’ (Huntingdon Daily News, 18 Novembre 1931, pag. 1), mentre in quello a destra viene definito ‘un Massone importante’ (Le Grand Reporter, 2 Luglio 1926, pag. 6). Dunque Charles Fama era un personaggio pubblico molto conosciuto; sia il suo antifascismo che la sua appartenenza alla Massoneria erano cose ben note. Secondo il giornalista Mario Bariona, Charles Fama era anche lui – assieme a Gigliotti – un agente segreto della CIA (‘Nata una supermassoneria: trama per l’«ordine nuovo»’ in Stampa Sera, 8 marzo 1977, pag. 3).

fama-comizio-antifascista

Per farvi capire quanto fosse potente Charles Fama ai suoi giorni, a livello massonico, vi segnalo questo articolo del Lewiston Daily Sun del 9 Luglio 1931, in cui viene detto che Charles Fama, Presidente dei ‘Difensori della Costituzione’ e Massone, ha annunciato che ‘protesterà presso i dignitari dell’Ordine Massonico contro l’uso del Mecca Temple, una istituzione massonica, per scopi di propaganda fascista’ e che ’100.000 massoni di New York City non permetteranno la dissacrazione di una delle loro istituzioni da parte di persone che sono piegate a suonare l’inno Fascista tra le sue mura’.

fama-protesta

Inoltre Charles Fama fu tra i fondatori nel 1930 di una società massonica antifascista chiamata ‘Fides’ che aveva tra i suoi obbiettivi di aiutare anche i massoni, che durante il regime fascista sappiamo furono perseguitati da Mussolini a partire dal 1925 quando la Massoneria fu messa al bando dal Governo fascista. Dice infatti Marco Novarino: ‘I massoni italiani, infine, contribuirono in modo rilevante al sostegno delle attività antifasciste grazie ai collegamenti, a livello personale e individuale, con i “fratelli” francesi e d’oltreoceano anche se è da ritenersi una montatura del regime fascista l’accusa lanciata alla massoneria internazionale, come istituzione, di essere la finanziatrice occulta dell’antifascismo. Anche in questo caso risultarono fondamentali l’opera e le relazioni di Giuseppe Leti. Dopo un intenso carteggiò con il Sovrano Gran Commendatore, Charles Fama e Arturo Di Pietro costituirono negli USA la società nazionale “Fides”, con chiara influenza massonica tanto che il consiglio direttivo era formato da sette massoni, un repubblicano e un socialista. Oltre alla sovvenzione del bollettino “Italia” sponsorizzato da Francesco Saverio Nitti, Eugenio Chiesa e con Filippo Turati direttore, la “Fides” svolse una intensa propaganda antifascista nella comunità italo americana in particolare e nell’opinione pubblica nord americana in generale, in collaborazione con la sezione di Washington della Lega dei diritti dell’uomo. Per ultimo, ma non per importanza, si impegnò nella raccolta di fondi da destinare all’antifascismo esule in Europa, fondi che, inviati a Leti, vennero gestiti da un comitato composto da tre membri in rappresentanza del Grande Oriente d’Italia, di Giustizia e Libertà e della “Concentrazione Antifascista” (Marco Novarino, Storia della Massoneria in Italia: Hiram in esilio. Rapporti e convergenze tra Massoneria e Repubblicanesimo nell’emigrazione antifascista). Charles Fama – secondo lo storico Mola – presiedeva il comitato generale di questa società (Alessandro Mola, Storia della Massoneria Italiana, pag. 611).
Charles Fama, scrivendo sul Bollettino delle News del Rito Scozzese (quindi un importante organo ufficiale del Supremo Consiglio del Rito Scozzese Antico ed Accettato), nel maggio del 1943, scrisse sull’argomento ‘Ricostruzione in Italia’, ricordando a tale proposito alcuni importanti fatti della recente storia italiana, tra i quali quello che tra le compensazioni e privilegi concessi da Mussolini alla Chiesa o richiesti e ricevuti dalla Chiesa, c’era anche ‘la distruzione di tutte le organizzazioni che la Chiesa contrastava, come la Massoneria, il socialismo, il comunismo, il Giudaismo, il Protestantesimo ecc.’ (in Signs of the Times, 20 Luglio 1943, vol. 70, n° 28 – vedi foto). Vorrei che notaste che Charles Fama mise al primo posto la Massoneria. D’altronde lui era un massone, e nella sua mente aveva come obbiettivo primario il bene dell’Istituzione a cui apparteneva.

fama-signs-times

Charles Fama inoltre scrisse un opuscolo dal titolo ‘La persecuzione di Mussolini contro i Massoni’ (vedi foto), a difesa della Massoneria e contro Mussolini e il suo regime che perseguitavano i Massoni.

fama-trattato

A conferma della potenza massonica di Charles Fama, facciamo presente anche questa cosa, e cioè che anche lui fu coinvolto nel riconoscimento del Supremo Consiglio d’Italia del RSAA da parte del Supremo Consiglio Madre del RSAA con sede a Washington avvenuto nel secondo dopoguerra, in quanto assieme a Frank Gigliotti fu rappresentante di quest’ultimo.
Sulla rivista massonica francese ‘La Chaîne d’Union’ infatti fu riportato quanto segue: ‘Riconoscimento internazionale della Massoneria italiana. Il Supremo Consiglio Madre del R.S.A.A. che risiede a Washington, ha riconosciuto, tramite i suoi rappresentanti, dottor Charles Fama e dottor Frank B. Gigliotti, il Supremo Consiglio d’Italia, con sede a palazzo Giustiniani, il cui capo è il professor Tito Signorelli. Esso mantiene rapporti di fratellanza con il G.O.I. presieduto dal dottor Guido Laj. Questo comunicato apparso sulla stampa italiana è stato trasmesso all’agenzia ANSA dalle autorità massoniche del Supremo Consiglio di Washington. Il Sovr. comm.: “L’alto significato di questo atto che consacra di nuovo nella sua piena regolarità la Comunità universale del R.S.A.A. di giurisdizione italiana, non dove sfuggire a nessuno e noi siamo fieri di aver contribuito a questo evento fondamentale’ (citato in Léon de Poncins, Christianisme et Franc-Maçonnerie, Editions De Chiré, Terza Edizione, 2010, pag. 229-230).

Quindi mentre questi due cosiddetti ‘reverendi’ peroravano la causa delle ADI in Italia e negli USA, si davano da fare per operare a favore della Massoneria italiana.

Dal libro ‘La Massoneria Smascherata’ (pag. 430-433)

L’ombra della massoneria sulle Assemblee di Dio in Italia (ADI) – parte 3

libro-squadra-compasso1CHARLES FAMA: UN POTENTE MASSONE ANTIFASCISTA E AGENTE DELLA CIA

Vediamo ora di dare qualche altra notizia su Charles Fama, il compagno di viaggio di Gigliotti – i due erano amici da molti anni – in Italia durante la primavera 1947. Fama era conosciuto come un importante massone: peraltro grande amico del famoso sindaco di New York Fiorello Henry LaGuardia che era anche lui massone (tanto che nel 1940 in occasione della posa della prima pietra di un locale di culto di una Chiesa Battista Italiana Fama vi si recò come rappresentante del sindaco LaGuardia); Fama era amico anche del massone James Zellerbach, che tra il 1948 e il 1950 fu direttore dell’ECA (Economic Cooperation Administration), ossia l’ente incaricato di gestire i fondi del piano Marshall, come anche ‘di George C. Marshall, segretario di Stato e segretario alla Difesa, padre del piano americano di aiuti per i paesi usciti dalla guerra, anche lui massone, e di Paul Gray Hoffmann, presidente della Studebaker Co., amministratore per l’Europa del piano Marshall membro della loggia Wilshire di Los Angeles, California, dal 1926′ (Gianni Rossi & Francesco Lombrassa, In nome della «Loggia»: le prove di come la massoneria segreta ha tentato di impadronirsi dello Stato italiano: i retroscena della P2, pag. 22). Ma Fama era anche conosciuto come uno zelante antifascista (tanto che alcune volte ebbe bisogno della scorta della polizia per proteggerlo). Qui sotto, nell’articolo di giornale a sinistra c’è una foto di lui mentre parla durante un comizio antifascista per protestare contro l’accoglienza dell’allora ministro degli Esteri Italiano Dino Grandi, comizio finito in una sommossa tra differenti fazioni degli anti Fascisti, e Fama viene definito ‘leader degli anti-Fascisti negli USA’ (Huntingdon Daily News, 18 Novembre 1931, pag. 1), mentre in quello a destra viene definito ‘un Massone importante’ (Le Grand Reporter, 2 Luglio 1926, pag. 6). Dunque Charles Fama era un personaggio pubblico molto conosciuto; sia il suo antifascismo che la sua appartenenza alla Massoneria erano cose ben note. Secondo il giornalista Mario Bariona, Charles Fama era anche lui – assieme a Gigliotti – un agente segreto della CIA (‘Nata una supermassoneria: trama per l’«ordine nuovo»’ in Stampa Sera, 8 marzo 1977, pag. 3). Continua a leggere

L’Alleanza Evangelica Italiana promuove ideali massonici

wea_aeiIn questo video vedrete il resoconto di una manifestazione tenutasi il 19 giugno 2010 a Roma in favore della cosiddetta libertà religiosa: essa fu promossa dall’Alleanza Evangelica Italiana (assieme ai Radicali Italiani capitanati da Marco Pannella!) che è parte dell’Alleanza Evangelica Mondiale.

Siamo disgustati nel vedere come si sono ridotte le Chiese facenti parte della AEI, ma non meravigliati e questo perchè nell’Alleanza Evangelica Mondiale i dirigenti [1] sono guidati e influenzati dallo spirito massonico, e quindi promuovono gli ideali massonici (tra cui c’è appunto la cosiddetta libertà religiosa). Continua a leggere

Libro – La Massoneria smascherata

Fratelli nel Signore, ecco un altro mio libro confutatorio: si intitola ‘La massoneria smascherata: contro l’infiltrazione e l’influenza di questa diabolica istituzione nelle Chiese Evangeliche’. E’ un libro particolare, diverso per certi aspetti da tutti gli altri, e capirete il perchè leggendolo e studiandolo. La sua lettura e il suo studio vi richiederanno parecchio tempo e impegno, ma sappiate che questo è un libro molto importante che ognuno di voi deve leggere. Vi avverto da subito che questo è un libro che contiene informazioni e notizie che produrranno in voi sbigottimento, e tanta rabbia e tristezza. Ma nello stesso tempo sono sicuro che esso vi farà gioire ed esultare nel Signore e vi farà ringraziare Dio perchè smaschera una delle più potenti ed efficaci macchinazioni di Satana contro la Chiesa dell’Iddio vivente e vero, colonna e base della verità.
Un’ultima cosa: molti di voi leggendo questo libro scopriranno di essere stati MASSONIZZATI, in quanto la Chiesa o la Denominazione o l’Associazione di cui fanno parte è sotto l’influenza o il controllo della Massoneria. A costoro dico: Ravvedetevi e separatevi immediatamente da coloro che vi hanno MASSONIZZATI.

La grazia del nostro Signore Gesù Cristo sia con coloro che lo amano con purità incorrotta. Amen.

Giacinto Butindaro

copertina-libro-massoneria-smascherata

Leggi il libro cliccando su ‘continua a leggere’. Continua a leggere