Norman Vincent Peale, il padre del cosiddetto ‘pensiero positivo’, era massone

normanvincentpeale_story_19

Norman Vincent Peale (1898-1993), che fu per 52 anni pastore della Marble Collegiate Church che è una Chiesa Riformata (affiliata alla Reformed Church in America) di New York City, e che è considerato il padre del cosiddetto ‘pensiero positivo’, era massone.

Appare tra i massoni sul sito massonico (http://freemasonry.bcy.ca/) della ‘Grand Lodge of British Columbia and Yukon’ e sulla rivista massonica ‘Scottish Rite Journal’ (pubblicata dal Supremo Consiglio del Rito Scozzese Antico ed Accettato 33° Grado –http://scottishrite.org/srjournal/).

peale-journal

Inoltre ecco la foto di una lettera presente nel libro massonico ‘Transactions, The Supreme Council 33º 1975′ a pagina 48. Lettera scritta nel 1975 da Norman Peale all’allora Sovrano Gran Commendatore del Rito scozzese per esprimergli le sue congratulazioni per un suo libro diabolico che aveva scritto. Notate sotto la firma di Peale la dicitura 33° che indica il grado massonico di Peale (http://www.theforbiddenknowledge.com/). Continua a leggere

La storia e gli obbiettivi dell’ordine degli Illuminati

gli-illuminati-settaL’Ordine degli Illuminati è il nome di una società segreta bavarese del secolo XVIII. Venne fondato a Ingolstadt (Germania) il 1 maggio del 1776 dal Gesuita Johann Adam Weishaupt (1748-1830 – di origine ebraica e quindi convertito al Cattolicesimo), che era docente di diritto canonico all’Università dei Gesuiti di Ingolstadt, assieme agli studenti Anton von Massenhausen (1758-1815) e Max Merz (1758-1807). Adam Weishaupt professava idee occulte infatti sosteneva che «ogni uomo capace di trovare in se stesso la Luce Interiore… diventa eguale a Gesù, ossia Uomo-Re…», e che Dio è ogni cosa: «…tutte le religioni si fondano sull’impostura e le chimere, che tutte finiscono per rendere l’uomo debole, strisciante e superstizioso, che tutto, nel mondo, è materia e che Dio e il mondo non sono che un’unica cosa». La società subì una riorganizzazione con l’affiliazione nel 1780 del barone Adolf von Knigge (1752-1796), il quale conosceva i rituali massonici e suggerì quindi a Weishaupt una riorganizzazione. L’organizzazione della setta era simile a quella massonica, aveva struttura piramidale e diversi gradi di iniziazione a cui corrispondeva una consapevolezza progressiva dei segreti della setta e un maggiore potere. Solo gli adepti dei gradi superiori erano a conoscenza dell’ultimo scopo dell’Ordine, del vero illuminismo, questi capi parlavano di questo scopo agli altri adepti, senza mai dire in che cosa consistesse. Questa massoneria illuminata aveva anche tre gradi inferiori a cui potevano accedere tanti adepti che in realtà non venivano iniziati sui veri segreti della setta, ma allo stesso tempo costituivano quella parte dell’Ordine che si infiltrava dappertutto nella società. La maggior parte dei membri appartenevano già ad altre società segrete e ricoprivano posizioni di prestigio nel clero, nella nobiltà, nella magistratura, nell’esercito, in ambito culturale, oppure erano rinomati avvocati. Anche molti personaggi illustri si associarono all’Ordine degli Illuminati. Pare che tra gli Illuminati figurava anche il compositore massone Wolfang Amadeus Mozart, il cui Flauto Magico è pieno di allusioni massoniche e illuministiche, essendo un’opera pro-Illuminati. Continua a leggere

Massoneria, poteri criminali, finanza e magistratura

massoneria-mafia-finanza-magistraturaHo deciso di introdurre in questo mio libro anche una parte dedicata ai rapporti tra la Massoneria e i poteri criminali, perchè credo che sia importante conoscere a grandi linee le collusioni tra Massoneria e criminalità organizzata in Italia, per avere un quadro il più possibile chiaro sulla Massoneria. Citerò soprattutto delle informazioni presenti nel libro Fratelli d’Italia scritto dal giornalista Ferruccio Pinotti, che ritengo molto utile per capire questo aspetto della Massoneria, o meglio di una parte della Massoneria perchè non tutti i Massoni accettano o sono d’accordo con la presenza di criminali mafiosi nella Massoneria anche perchè l’ingresso di un criminale o di un mafioso nella Massoneria viola uno dei requisiti essenziali che deve avere il ‘profano’ per entrare nella Massoneria, cioè quello di essere di buoni costumi, che nel linguaggio massonico significa che il ‘profano’ per essere ammesso nella Massoneria ‘deve essere buon genitore, buon cittadino, rispettoso delle leggi, della morale comune e della libertà altrui; avere uno stile morale di vita, se non irreprensibile, almeno superiore alla media quanto a serietà, saggezza, discrezione e prudenza. Insomma non l’uomo perfetto, ma un uomo che mediamente, nel giudizio dei più, in una certa società ed in un determinato periodo, sia considerato persona onesta ed affidabile, corretto nelle relazioni umane, rispettoso delle leggi e degli altri. Dovrebbe essere questo l’individuo di “buoni costumi” del quale dobbiamo andare in cerca’ (http://www.esonet.it/News-file-print-sid-731.html). Tratterò anche brevemente i legami della Massoneria con la finanza, perchè esistono e sono anche forti. Ed infine farò un accenno anche ai legami che esistono tra la Massoneria e certi ambienti della magistratura. Continua a leggere

‘La Massoneria smascherata’ on-line

massoneria-on-line1

Il libro ‘La Massoneria smascherata’ ora si può leggere on line a questo indirizzo: http://www.lanuovavia.org/massoneria/text/index.html Ideale da consultare anche per chi abbia un tablet o uno smartphone.

Satanismo, Magia ed Esoterismo nella Massoneria

carducci-inno-a-satana

Foto: Il massone Giosuè Carducci e il suo ‘Inno a Satana’

Il Satanismo Massonico

Come abbiamo visto prima, Satana nella massoneria viene visto e presentato come il simbolo del Libero Pensiero e il portatore della cosiddetta Luce massonica. Possiamo quindi dire che nella Massoneria esiste una forma di Satanismo. I massoni naturalmente cercano di confondere le menti dei ‘profani’ con dei ragionamenti molto complessi, con i quali vorrebbero far capire che il loro Satana non è il Satana della Bibbia, che è malvagio e nemico di Dio, ma analizzando bene le loro parole non si può che arrivare alla conclusione che il loro Satana è invece proprio il diavolo di cui parla la Bibbia. Non dimenticatevi che i Massoni sono autorizzati a mentire pur di non rivelare i segreti della vera Massoneria, quella cioè degli alti gradi.

A conferma di ciò, cioè dell’esistenza di questa forma di Satanismo nella Massoneria, vi propongo questo interessante scritto, che fa parte di uno studio dal titolo Iniziazione, Esoterismo e Luciferismo nella Massoneria del GOI, a cura di Paolo M. Siano che è un cattolico (e quindi in esso troverete talvolta espressioni ‘cattoliche’). Ci tengo a precisare che faccio questo perchè lo studio di questo cattolico contiene delle informazioni molto importanti ai fini dello smascheramento della Massoneria, che è lo scopo di questo libro, e che naturalmente il mio giudizio sulla Chiesa Cattolica Romana – giudizio che ho ampiamente espresso nel mio libro ‘La Chiesa Cattolica Romana’ – non è cambiato. Questo discorso vale anche per qualsiasi altra citazione presa da altri scritti di cattolici. Questo giusto per evitare fraintendimenti di qualsiasi genere. Continua a leggere

Metteteli alla prova

attenti-predicatore-lupo-massoneIl massone – sia quello con il grembiule che quello senza grembiule – odia Gesù Cristo e i suoi veri discepoli: egli “parla con dissimulazione; ma, dentro, cova la frode. Quando parla con voce graziosa, non te ne fidare, perché ha sette abominazioni in cuore. L’odio suo si nasconde sotto la finzione, ma la sua malvagità si rivelerà nell’assemblea” (Proverbi 26:24-26).

Mettete dunque alla prova i conduttori della Chiesa di cui fate parte, e fateli parlare PUBBLICAMENTE sulla Massoneria, domandate loro di condannare PUBBLICAMENTE e CON OGNI FRANCHEZZA la massoneria, e la doppia appartenenza (alla Chiesa e alla Massoneria), e invitateli a dire che quelli che si dicono fratelli ma sono massoni sono FALSI FRATELLI e idolatri e quindi vanno espulsi dall’assemblea dei santi. Se sono massoni non diranno queste cose, e si manifesteranno per quello che sono (facendo dei ragionamenti strani e ambigui, in altre parole alle vostre domande vi daranno delle NON RISPOSTE), ossia degli operai fraudolenti, dei ministri di Satana travestiti da ministri di Cristo. Lo ripeto, METTETELI ALLA PROVA, perché i massoni si nascondono e si camuffano abilmente in mezzo alle Chiese.

E’ ora che saltino fuori e si manifestino apertamente questi operatori di iniquità che hanno portato corruzione e falsità di ogni genere in mezzo alla Chiesa in tutto questo tempo, portando le Chiese ad allearsi con la Massoneria per dei loro motivi interessati.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Leggete il libro del fratello Giacinto Butindaro ‘La Massoneria smascherata’

Riti e Organizzazioni alleate della Massoneria

riti-organizzazioni-alleateA fianco della massoneria esistono vari organismi con essa concordi ed a vario titolo da essa dipendenti.Riti di perfezionamento massonico

I Riti consentono un ‘progresso spirituale’, in genere attraverso gradi successivi al terzo (che è Maestro Massone), secondo percorsi differenti. Ecco alcune notizie su tre di essi: il Rito Scozzese Antico ed Accettato, il Rito di York, e il Rito di Misraim-Memphis, che sono molto conosciuti e diffusi nel mondo.

I gradini della Massoneria

Il Rito Scozzese Antico ed Accettato (R.S.A.A.)

rsaa

Da sinistra: il simbolo che nella maggior parte dei casi viene associato al Rito Scozzese Antico ed Accettato, e la sede del Rito Scozzese Antico ed Accettato a Washington D.C. che è chiamata ‘House of the Temple’

Il Rito Scozzese Antico e Accettato, comunemente conosciuto come ‘Rito scozzese’, è uno dei Riti più conosciuti in tutto il mondo ed il più delle volte si identifica con la stessa Massoneria. Un rito è una serie progressiva di gradi che sono conferiti da varie organizzazioni massoniche o organismi, ciascuno dei quali opera sotto il controllo di una autorità centrale. Nel Rito Scozzese l’autorità centrale è chiamata Consiglio Supremo.

Il Rito Scozzese – con 33 gradi (che includono i primi tre gradi della Massoneria Azzurra) come è oggi – nacque a Charleston (Carolina del Sud, USA), dove fu impiantato il primo Consiglio Supremo, nel 1801 da una rivisitazione del Rito di perfezione in 25 gradi che a sua volta era stato elaborato in Francia nella seconda metà del XVIII secolo. ‘Il Rito di Perfezione’ era un sistema di 25 gradi sorto in Francia nel 1758, i cui primi sei gradi però erano nati nel 1754 nel Collegio Gesuita di Clermont (Parigi) nel 1754 ed erano stati chiamati ‘il Capitolo di Clermont’ che era un ‘Capitolo di Gradi Avanzati’. Per cui il Rito di Perfezione non era altro che l’iniziale Capitolo di Clermont esteso a 25 gradi. Poi ad esso furono aggiunti altri 8 gradi ed ecco il Rito Scozzese Antico ed Accettato come lo conosciamo oggi.

E’ bene però precisare che quando si parla del Supremo Consiglio del Rito Scozzese sorto a Charleston nel 1801, si parla del Supremo Consiglio della Giurisdizione del Sud degli USA con sede a Washington D.C., che è quello più importante e prestigioso in quanto governa il Rito Scozzese in 35 stati degli USA. Esiste infatti un altro Supremo Consiglio negli USA, che è quello della Giurisdizione del Nord, che è sorto nel 1813 e governa il Rito in 15 Stati americani, ed ha la sua sede a Lexington (Massachusetts, USA).

Il Rito Scozzese opera nel rispetto della esclusività giurisdizionale delle Grandi Logge che amministrano i primi tre Gradi simbolici (e che rappresentano il fondamento della Massoneria moderna, che è chiamata Massoneria Azzurra), ed offre attraverso la serie dei suoi Gradi, dal IV al XXXIII, una più profonda interpretazione dei Simboli ed una maggiore ‘illuminazione’ che sprona il Massone nella ricerca della Verità. Il che nella pratica significa che il Rito Scozzese conduce l’adepto ad addentrarsi nella Magia, nell’Alchimia, nella Cabala, nell’Ermetismo, nel Rosacrocianesimo e nel Templarismo, per approfondire dottrine non più o non sempre studiate nelle Logge simboliche. E’ la Cabala però che la fa da padrona tra le materie in cui si addentra il Massone dopo avere conseguito il 3°. Ecco perchè l’autorevole scrittore massone Albert Gallatin Mackey (nato nel 1807 e morto nel 1881, fu un medico statunitense, massone e studioso di Massoneria, nella quale fu Gran Segretario e Grande Oratore della Gran Loggia della Carolina del Sud dal 1842 al 1867 e Segretario Generale del Rito Scozzese Antico ed Accettato per la Giurisdizione del Sud fino all’anno della sua morte) ha detto che si fa molto uso della Cabala ‘negli alti gradi e interi Riti sono stati costruiti sui suoi principi’ (Albert Mackey, Encyclopedia of Freemasonry Part 1 And its Kindred Sciences …, pag. 440). Continua a leggere

Segnali massonici di riconoscimento

squadra-compasso-simboloVoglio approfondire il discorso sul linguaggio usato dai Massoni mostrandovi alcuni segnali di riconoscimento che vengono usati dai massoni facendo uso del corpo quando posano davanti a telecamere, fotografi o ritrattisti. Dovete infatti tenere sempre a mente che nella Massoneria la geometria ha un enorme significato, e quindi anche le forme geometriche che i massoni fanno assumere in foto o ritratti ufficiali al loro corpo, hanno un significato ben preciso. Noi cosiddetti ‘profani’ potremo pure non capirle tutte, ma sicuramente i massoni non fanno assumere alle loro mani, alle loro braccia, e ai loro piedi, pose involontarie quando sono ripresi in situazioni ufficiali, e quindi bisogna prestare la massima attenzione alle pose che assumono davanti a telecamere o fotografi o ritrattisti.

Ci tengo a precisare che qui non stiamo parlando di gesti che chiunque di noi può fare involontariamente ma di segni che i massoni o gente che è data all’occulto e all’esoterismo fa appositamente (sapendo dunque cosa sta facendo) per comunicare un messaggio particolare a chi li vede in un ritratto o in fotografia o in televisione.

1. Il dito che punta verso l’alto. Indica l’approvazione da parte dell’elite dell’intelletto dell’individuo e la sua idoneità alla promozione al successivo livello. Continua a leggere

L’obbiettivo finale della massoneria

temple-freemasonryLa Massoneria ha adottato come simbolo operativo, che ne definisce la finalità, la costruzione del Tempio di Salomone, e ad esso fa riferimento anche nei suoi riti.

Nel linguaggio massonico costruire il tempio di Salomone significa costruire il tempio dell’umanità, ossia unire il mondo sotto l’ombrello della dottrina massonica che insegna che Dio è il padre di tutti gli uomini, che tutti gli uomini sono quindi fratelli, e che l’anima è immortale. I Massoni prevedono il giorno in cui tutte le divisioni religiose e ogni settarismo saranno spazzati via, e comincerà quindi una nuova era di pace universale e fratellanza.

Albert Pike ha affermato che la speranza del Massone è ‘nel definitivo annientamento del male nell’universo e [nel] trionfo finale della Massoneria, che farà di tutti gli uomini una sola famiglia e casa’ (Albert Pike, ‘The meaning of Masonry’, in Little Masonic Library, 5:35). Continua a leggere