I Talloni di Achille dell’Evoluzione – 15 scienziati con dottorato mostrano le debolezze della teoria dell’evoluzione

i talloni di achille dell'evoluzione
Il documentario lungo 96 minuti intervista 15 scienziati con un dottorato di ricerca sulle debolezze più importanti della teoria dell’evoluzione moderna. Questi scienziati in campi diversi di specializzazione hanno ricevuto i loro dottorati dalle stesse università secolari dei loro corrispettivi colleghi evoluzionisti, ma con storie diverse e tempi diversi si sono accorti che la teoria dell’evoluzione semplicemente non regge all’indagine scientifica. Il grande pubblico vede tipicamente solo una faccia del dibattito sulle origini, ma con stupende animazioni ed un filmato drammatico, “I talloni di Achille dell’evoluzione” presenta una potente critica all’evoluzione ortodossa da manuale.

Inoltre scoprirai quanto questo dibattito impatta il modo in cui vedi te stesso ed il mondo che ti circonda.
Temi trattati:
  • La selezione naturale
  • La genetica
  • L’origine della vita
  • La storia dei fossili
  • La colonna geologica
  • La datazione radiometrica
  • La cosmologia
  • Le implicazioni etiche

Cliccando sull’immagine si aprirà una nuova finestra dove potrete guardarvi il documentario gratuitamente sul sito degli Avventisti del Settimo Giorno. Il documentario è bellissimo. Più unico che raro. Però, bisogna aggiungere, che i traduttori, essendo Avventisti, credono a diverse eresie dottrinali. Per maggiori info visitate il seguente link: http://lanuovavia.org/avvindice.html

talloni-dachille

Secondo la Chiesa Cattolica Romana l’uomo discende dai bruti; secondo la Bibbia NO

evoluzione_R375Dottrina papista

Pio XII (1939-1958) nell’enciclica Humani Generis (1950) affermò quanto segue: ‘Il Magistero della Chiesa non proibisce che in conformità dell’attuale stato delle scienze e della teologia, sia oggetto di ricerche e discussioni, da parte dei competenti in tutti e due i campi, la dottrina dell’evoluzionismo, in quanto cioè essa fa ricerche sull’origine del corpo umano, che proverrebbe da materia organica preesistente (la fede cattolica ci obbliga a ritenere che le anime sono state create immediatamente da Dio)’. Come potete vedere in questa enciclica l’evoluzione non venne affatto condannata, ma venne implicitamente ammessa sia pure come ipotesi e con prudenza. Il fatto che anche i teologi furono incoraggiati a fare delle ricerche e a discuterne dimostrò certamente un certo favore della chiesa cattolica verso questa teoria dell’evoluzione. Sono passati quasi cinquanta anni da quella enciclica; come stanno oggi le cose? Stanno che la chiesa cattolica romana insegna l’evoluzione dell’uomo cioè che l’uomo deriva da esseri inferiori o da bruti. Ma non è un evoluzione che esclude l’atto creativo di Dio ma un evoluzione che presuppone la creazione. Ecco infatti quanto ha affermato Giovanni Paolo II in un Simposio su Fede cristiana e teoria dell’evoluzione: ‘Una fede rettamente compresa nella creazione e un insegnamento rettamente inteso dell’evoluzione non creano ostacoli (…) L’evoluzione infatti presuppone la creazione; la creazione si pone nella luce dell’evoluzione come un avvenimento che si estende nel tempo – come una creatio continua – in cui Dio diventa visibile agli occhi del credente come creatore del cielo e della terra’ (L’Osservatore Romano 27 Aprile 1985).

Questo tipo di evoluzione sostenuto dalla chiesa romana è chiamato evoluzionismo antropologico mitigato e si differenzia dall’evoluzionismo antropologico radicale di Lamarck, di Darwin e di Haeckel e professato da molti biologi, perché esso afferma che l’evoluzione è ristretta solo all’origine del corpo umano (giacché l’anima è creata direttamente da Dio) mentre quello radicale afferma che l’evoluzione dell’uomo comprende anche l’anima. Ma nella sostanza che cosa dice questo tipo di evoluzionismo sostenuto dalla chiesa romana? Questo; che Dio mediante uno speciale intervento sia causa principale del corpo umano, ma si è servito di un bruto come di materia e strumento. In altre parole, come dice Fiorenzo Facchini, ‘l’uomo è frutto, a un tempo, dell’evoluzione biologica e di un concorso particolare creativo di Dio’, perché si è evoluto da un essere inferiore creato da Dio. Uno studioso cattolico, per spiegare questo concetto, ha affermato: ‘Non discendiamo dai bruti, ma ascendiamo da essi’. Quindi a distanza di circa mezzo secolo dall’enciclica Humani Generis di Pio XII l’evoluzione non è più una semplice ipotesi ma una verità da abbracciare a braccia aperte che non si deve mettere in dubbio: ecco come recentemente Giovanni Paolo II ha posto fine ad ogni dubbio: ‘L’Enciclica Humani generis considerava la dottrina dell’’evoluzionismo’ un’ipotesi seria, degna di una ricerca e di una riflessione approfondite al pari dell’ipotesi opposta (…) Oggi, circa mezzo secolo dopo la pubblicazione dell’Enciclica, nuove conoscenze conducono a non considerare più la teoria dell’evoluzione una mera ipotesi. E’ degno di nota il fatto che questa teoria si sia progressivamente imposta all’attenzione dei ricercatori, a seguito di una serie di scoperte fatte nelle diverse discipline del sapere’ (L’Osservatore Romano, 24 Ottobre 1996). Continua a leggere

La Genesi e la scienza moderna

Articoli correlati:

Le teorie scientifiche inventate da Massoni accettate dalle ADI

libro-squadra-compasso1Come ho detto in precedenza, Ernesto Nathan (1845-1921), Ebreo di origine inglese primo sindaco di Roma, che fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia (lo fu dal 1896 al 1903 e dal 1917 al 1919), in un suo famoso discorso pronunciato a Torino nel 1898, intitolato al «Compito massonico», ebbe a dichiarare: ‘E però siamo associazione educatrice. Perono le religioni, vive immortale la religione, quel sentimento che, nella lenta evoluzione delle razze, ispira gli uomini a muoversi innanzi e risalire le vette inesplorate della civiltà, alla ricerca delle leggi che li governa. Base e fondamento d’ogni fede, non isterilità, permane nel cuore umano la conoscenza, la sete dell’idea e, che, attraverso la scoperta della scienza e le manifestazioni della natura, lo martella e persegue. Là gli eroi nostri del risorgimento attinsero la forza per subire persecuzioni e martiri, e il martirio più d’ogni altro doloroso, l’opera persistente, sconosciuta, calunniata: là il gran coro greco del popolo ignoto trasse ispirazione e lena per morire, senza speranza di riconoscenza o di guiderdone, in cento attentati, in cento, in cento campi di battaglia; là pensatori e poeti trovarono le forti ispirazioni che scossero le coscienze e sollevarono le sante ire e i santi odii. Risvegliare nelle anime assopite quelle sante ispirazioni, informandole alle esigenze odierne di riscatto morale; temprare le coscienze col sentimento del dovere civile all’amore fraterno, alla fraterna difesa contro la ingiustizia; piantare profonde le radici della idealità che, fondendo la fede con la scienza, sollevi in alto l’essere, ecco l’apostolato educatore dell’Italia civile; e per essa, nel desiderio del bene che ci punge, dove altri non comprendano e si incarnino il compito sublime della Massoneria …. un’associazione universale, che non riconosce limiti al progresso, nè ceppi alla pacifica manifestazione del pensiero, mancipia di uomini e gruppi i quali asservono progresso e pensiero a parziali, immediati, determinati fini’ (sul discorso pubblicato in «Garibaldi», numero unico edito dalla massoneria savonese, Savona, 4 Luglio 1907, cfr. L. Fucini, La massoneria nel Ponente ligure, Edizioni Atene, Arma di Taggia 2003). Continua a leggere

“L’uomo è un incrocio tra scimpanzé e maiale”: l’ipotesi shock dello scienziato McCarthy

Secondo l’esperto di ibridazione avremmo molti tratti in comune coi primati, ma anche molti diversi. E parecchie similitudini coi suini nella pelle e negli organi

scimmia

SIAMO un po’ scimpanzé e un po’ suini, originati con un processo di ibridazione in un momento imprecisato della storia umana. Questo il parere di Eugene McCarthy della University of Georgia, uno dei più autorevoli esperti mondiali in ibridazione animale. Che si chiede, sul suo sito: “Siamo ibridi?”. La risposta ancora non c’è ma gli indizi sono molti, secondo il ricercatore.

Secondo lo scienziato, la specie umana sarebbe cominciata da un incrocio fra un suino maschio e una femmina di scimpanzè. Una tesi che sembrerebbe alquanto improbabile, ma a sostenerne l’impianto ci sono alcuni dati rilevanti. Ad esempio, mentre gli umani hanno molte caratteristiche in comune con gli scimpanzè, c’è anche un numero molto grande di caratteristiche distintive che non si trovano negli altri primati.

Queste caratteristiche, secondo lo studioso, sono molto probabilmente il risultato di un’origine ibrida in qualche punto della storia evoluzionistica umana. Ma poi ad arricchire il quadro arriva l’elemento suino. McCarthy suggerisce che un animale possiede tutti i tratti che distinguono gli umani dai loro primati cugini, ed è il maiale. Continua a leggere

Lista di scienziati credenti in risposta a coloro che affermano che a causa dei creazionisti la scienza non avanza

sole-nuvoleQUALI SCIENZIATI DEL PASSATO CREDETTERO IN UN CREATORE?

I nomi che verranno di seguito elencati sono nomi di scienziati del passato che avevano una credenza generale nel Creatore IDDIO della Bibbia. Continua a leggere

Evolution Vs. God

Evolution Vs. God

IMPERDIBILE VIDEO CHE CONFUTA L’EVOLUZIONE

Che cosa fanno gli scienziati delle migliori università quando viene chiesto a loro di fornire la prova più convincente a sostegno della teoria dell’evoluzione darwiniana? Questo speciale video contiene alcune delle più esplicite “prove” di oggi che l’evoluzionismo è una fede religiosa vera e propria. La prova viene da interviste di alcuni dei principali discepoli moderni di Charles Darwin! Un aspetto sorprendente di ateismo moderno.

Se credi in evoluzione darwiniana, preparati a una fede dolorosamente in frantumi. Se si crede nella creazione biblica, la tua fede sarà meravigliosamente affermata! Noi appoggiamo pienamente questa fede.

Il produttore di questo film è Ray Comfort. Ray Comfort ha dichiarato: “Se non c’è Dio e noi siamo solo i primati, allora non c’è finale giusto e sbagliato.

C’è una domanda a cui gli evoluzionisti non possono rispondere e che dovrebbe portare loro a riflettere sulle proprie credenze e sulle cose che danno per certo. La domanda è la seguente:

“Sapendo che il metodo scientifico si basa su prove osservabili e testabili, esistono esempi OSSERVABILI di evoluzione darwiniana, ovvero di cambiamento di genere?”

Guardate il seguente video e vedrete come molti evoluzionisti non possono rispondere a questa domanda. (Mettete i sottotitoli in italiano)

Articoli correlati:

La VERA scienza invalida la teoria dell’ evoluzione!

darwin charles“Le tesi di Darwin ebbero una grande influenza nell’ambiente scentifico di quei tempi. Tuttavia, egli era ancora preoccupato, in quanto sapeva che la sua teoria si fondava nelle basi niente affatto solide. Nel capitolo chiamato “le difficoltà della teoria” (PARTE VI), scrisse: “se si dimostrasse che un organo complesso, non può derivare da una catena di cambiamenti, la mia teoria sarebbe distrutta. (Charles Darwin)”.

Successivamente alla morte di Darwin, il botanico australiano Gregor Mendel formulò i principi dell’ereditarietà.

Nel secolo precedente, venne dimostrato con la “genetica”, che quelle che venivano trasmesse alle generazioni successive, non erano le caratteristiche acquisite durante la vita dell’individuo, ma erano i geni.

Dunque, lo scenario dell’originarsi di una nuova specie con l’accumulo delle caratteristiche acquisite nelle diverse generazioni risultava IMPOSSIBILE. […]

Così, la teoria Darwiniana crollò nei primi anni del XX secolo.

Le trascrizioni dal video sono state fatte da Giuseppe Piredda.

Inoltre visitate il blog per vedere altri articoli inerenti a questo tema. Ecco gli articoli:

  1. La teoria dell’evoluzione ha origine massoniche
  2. CIAO DARWIN – Il mito dell’evoluzionismo in frantumi di Paolo Zanotto
  3. Evoluzione: fatto o credenza?
  4. Esiste l’anello mancante tra l’uomo e la scimmia?
  5. New Age: la cospirazione evoluzionista
  6. Evoluzione o Creazione?
  7. Contro la teoria dell’evoluzione
  8. Antony Flew, scienziato ateo, diventa credente

La teoria dell’evoluzione ha origini massoniche

darwinCreazione o Evoluzione?

Evolution vs God

Evoluzione, fatto o credenza?

New Age: la cospirazione evoluzionista

La teoria dell’evoluzione – che nei video qui sopra viene confutata – ha origini massoniche. Qui di seguito ecco la parte del libro ‘La Massoneria Smascherata’ (pag. 343-346) dove Giacinto Butindaro parla di ciò:

‘Uno degli obbiettivi della Massoneria è di unire o fondere fede e scienza moderna. Ascoltate cosa dichiarò Ernesto Nathan (1845-1921), Ebreo di origine inglese primo sindaco di Roma, che fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia (lo fu dal 1896 al 1903 e dal 1917 al 1919), in un suo famoso discorso pronunciato a Torino nel 1898, intitolato al «Compito massonico»: ‘E però siamo associazione educatrice. Perono le religioni, vive immortale la religione, quel sentimento che, nella lenta evoluzione delle razze, ispira gli uomini a muoversi innanzi e risalire le vette inesplorate della civiltà, alla ricerca delle leggi che li governa. Base e fondamento d’ogni fede, non isterilità, permane nel cuore umano la conoscenza, la sete dell’idea e, che, attraverso la scoperta della scienza e le manifestazioni della natura, lo martella e persegue. Là gli eroi nostri del risorgimento attinsero la forza per subire persecuzioni e martiri, e il martirio più d’ogni altro doloroso, l’opera persistente, sconosciuta, calunniata: là il gran coro greco del popolo ignoto trasse ispirazione e lena per morire, senza speranza di riconoscenza o di guiderdone, in cento attentati, in cento, in cento campi di battaglia; là pensatori e poeti trovarono le forti ispirazioni che scossero le coscienze e sollevarono le sante ire e i santi odii. Risvegliare nelle anime assopite quelle sante ispirazioni, informandole alle esigenze odierne di riscatto morale; temprare le coscienze col sentimento del dovere civile all’amore fraterno, alla fraterna difesa contro la ingiustizia; piantare profonde le radici della idealità che, fondendo la fede con la scienza, sollevi in alto l’essere, ecco l’apostolato educatore dell’Italia civile; e per essa, nel desiderio del bene che ci punge, dove altri non comprendano e si incarnino il compito sublime della Massoneria …. un’associazione universale, che non riconosce limiti al progresso, nè ceppi alla pacifica manifestazione del pensiero, mancipia di uomini e gruppi i quali asservono progresso e pensiero a parziali, immediati, determinati fini’ (sul discorso pubblicato in «Garibaldi», numero unico edito dalla massoneria savonese, Savona, 4 Luglio 1907, cfr. L. Fucini, La massoneria nel Ponente ligure, Edizioni Atene, Arma di Taggia 2003). Continua a leggere

Influenze e somiglianze massoniche nelle Chiese

bible_square-and-compass-150x150Nello studiare approfonditamente la dottrina e la morale della Massoneria e confrontandole con la dottrina e la morale di molte Chiese Evangeliche, ho ravvisato delle concordanze o somiglianze nonchè delle evidenti influenze massoniche su queste Chiese. Ve ne voglio dunque parlare, affinchè comprendiate anche voi che esiste in mezzo a tante Chiese un’influenza massonica, e quindi diabolica, che non fa altro che recare dei gravissimi danni alla vita spirituale dei Cristiani.

E difatti in una interessante indagine dei rapporti fra massoneria e religione, contenuta nel libro di John Lawrence Freemasonry – A Way of Salvation?, l’autore, che è un ministro di culto anglicano, afferma: ‘Le mie ricerche mi hanno messo in contatto con molti cristiani, ecclesiastici e laici, i quali affermavano di sentire che la Chiesa è così danneggiata dall’influsso massonico che lo Spirito di Dio viene soffocato, e proprio da uomini sinceri e di buona volontà’ (John Lawrence, Freemasonry – A Way of Salvation? [La Massoneria – Una Via di Salvezza?], Kingsway, Nottingham 1982, p. 23). Questo significa che in tutte quelle Chiese che sono sotto l’influsso massonico, lo Spirito Santo viene fortemente contristato e contrastato e quindi esse o dormono o sono morte.

Non può essere altrimenti, visto che in seno alla Chiesa ci sono tanti massoni o uomini che pur non essendo iscritti a nessuna loggia massonica ragionano e parlano come i massoni (per questo vengono comunemente chiamati ‘massoni senza grembiule’) che con la loro astuzia sono riusciti a portare al suo interno il modo di ragionare e di operare caratteristico dei Massoni. Per cui si può dire che tante Chiese Evangeliche si sono da un lato massonizzate e dall’altro decristianizzate; per cui assomigliano più a delle logge massoniche che a delle Chiese di Cristo. Continua a leggere