Alcune parole per Michela Marzano

Signora Michela Marzano, salve. Dopo avere ascoltato quello che lei ha detto in risposta alla domanda «Perché le religioni odiano gli omosessuali?», voglio dirle le seguenti cose.

http://video.repubblica.it/embed/rubriche/rispostarep/rispostarep-perche-le-religioni-odiano-gli-omosessuali/243192/243230&width=570&height=321

Sappia che in quanto Cristiani (da voi etichettati come integralisti e fondamentalisti) non manifestiamo nessuna forma di odio o persecuzione verso gli omosessuali, infatti non facciamo loro alcun male e non li insultiamo e neppure li deridiamo come invece fanno tanti. Ma ciò detto, sappia anche questo, che gli omosessuali agli occhi di Dio, che è il Creatore di tutte le cose, sono dei peccatori in quanto violano la sua santa legge che afferma: “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole” (Levitico 18:22), e, come ha detto Gesù Cristo, il Figlio di Dio, “chi commette il peccato è schiavo del peccato” (Giovanni 8:34), e quindi in quanto peccatori essi devono ravvedersi e credere nel Vangelo di Cristo, per essere liberati dai loro peccati ed ottenere la remissione dei loro peccati. Questa è la ragione per cui noi li esortiamo a ravvedersi, convertirsi dai loro peccati, e credere nel Signore Gesù Cristo. E’ odio questo? E’ persecuzione questa? Non mi pare proprio! Anzi è l’amore di Cristo che ci costringe ad annunciare anche agli omosessuali questo messaggio, che è l’unico messaggio salvifico che esiste. Sì, proprio l’amore di Cristo, perché il nostro desiderio e la nostra preghiera è che essi siano salvati, e non solo dai loro peccati, ma anche dalle fiamme dell’inferno dove sono diretti; e solo mediante la fede nel Vangelo di Cristo (e quindi nella morte espiatoria e nella resurrezione di Cristo) si può ottenere la salvezza. E sì, perché coloro che muoiono nei loro peccati (tra cui ci sono oltre agli omosessuali, pure i fornicatori, gli adulteri, i ladri, gli omicidi, gli idolatri, gli effeminati, gli ubriachi, gli oltraggiatori, gli stregoni, gli ingiusti e altri) vanno nelle fiamme dell’inferno, che è un luogo di tormento nel cuore della terra. Quindi, noi da Dio non siamo chiamati ad avere alcun rispetto o sentimento di accettazione verso l’omosessualità, in quanto è peccato, è qualcosa di abominevole agli occhi di Dio. Come si può accettare un comportamento che conduce le anime all’inferno? Lungi da noi il fare una tale cosa. Ma l’amore verso il prossimo che noi nutriamo – e che si manifesta anche annunciandogli il ravvedimento e il Vangelo – viene da molti scambiato per odio, e questo perché il mondo in cui viviamo è un mondo di tenebre, sotto la potestà del diavolo, che è il seduttore di tutto il mondo, che induce il mondo a credere che noi odiamo gli omosessuali. Ma, vede, signora Marzano, noi odieremmo gli omosessuali se dicessimo loro che Dio li accetta così come sono e che quindi Dio non li condannerà, perché li inganneremmo e dimostreremmo così di non avere a cuore la loro salvezza! Ma dato che abbiamo a cuore la loro salvezza, come anche la salvezza di tutti gli altri peccatori, noi continueremo a dirgli: “Ravvedetevi dunque e convertitevi, onde i vostri peccati siano cancellati” (Atti 3:19).

La saluto cordialmente.

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

Chi è a favore dei loro cosiddetti diritti li odia

diritti-odioChi è a favore dei cosiddetti diritti delle unioni civili e delle coppie di fatto, non desidera che gli omosessuali e i fornicatori siano affrancati dal peccato ma che continuino ad essere servi del peccato, non desidera che essi vadano in cielo ma che vadano all’inferno, non desidera il loro bene ma il loro male.

Quindi egli nutre odio sia verso gli omosessuali che verso i fornicatori. Non ha l’amore di Dio in lui, per questo procaccia il male di questi uomini e di queste donne che sono schiavi del peccato, fortificando le loro mani affinché non si convertano dalle tenebre alla luce e dalla potestà di Satana a Dio.

Il vero amore verso queste persone si dimostra non compiacendole nel male, ma esortandole a ravvedersi e a convertirsi, e a credere nel Vangelo di Cristo.
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Contro la teoria del gender

foto-genderLa teoria del gender in estrema sintesi dice:

«Si diventa uomo o donna a causa di un condizionamento culturale che impone di rivestire un determinato ruolo sociale. Se ogni bambino o bambina fosse davvero libero, sceglierebbe il proprio sesso, potendo arrivare addirittura attraverso tecniche medico-chirurgiche alla riassegnazione del sesso biologico» (https://youtu.be/GsBm4R7ckLU)

Ma questa è una menzogna, una delle tante menzogne generate dal diavolo, il principe di questo mondo di tenebre, che è bugiardo e padre della menzogna. Menzogna che il diavolo con la sua astuzia sta usando per incitare molti a trasgredire i comandamenti di Dio. In altre parole, per incitarli a diventare omosessuali e lesbiche e transessuali. D’altronde il diavolo è chiamato non solo “il seduttore di tutto il mondo” (Apocalisse 12:9), ma anche “quello spirito che opera al presente negli uomini ribelli” (Efesini 2:2). Continua a leggere

Il carattere e il cuore dei sodomiti, mostrati dalla Bibbia e confermati da fatti di attualità

famiglia2_thumbSicuramente molti si sono domandati almeno una volta, se i sodomiti sono persone amorevoli e tranquille, oppure si presentano in altro modo.

La risposta a queste domande, prima di tutto la troviamo nelle sacre Scritture, e poi ne potrete vedere la conferma con dei video che dimostrano chiaramente che cuor abbiano questo tipo di peccatori. Non che siano diversi dagli altri peccatori, ma non si devono considerare assolutamente come persone diverse dalle altre nel cuore e nella malvagità che dimostrano.

Ecco, quindi, quali sono le caratteristiche principali degli omosessuali, come vengono descritte nella Bibbia.

Nella loro vita non c’è amore, ma solo perversione, infatti notate che di amore nel loro carattere non c’è niente, ma solo PERVERSIONE e VIOLENZA:

«Ma prima che si fossero coricati, gli uomini della città, i SODOMITI, circondarono la casa: giovani e vecchi, la popolazione intera venuta da ogni lato; e chiamarono Lot, e gli dissero: ‘Dove sono quegli uomini che son venuti da te stanotte? Menaceli fuori, affinché noi li conosciamo!’ Lot uscì verso di loro sull’ingresso di casa, si chiuse dietro la porta, e disse: ‘Deh, fratelli miei, non fate questo male! Ecco, ho due figliuole che non hanno conosciuto uomo; deh, lasciate ch’io ve le meni fuori, e voi fate di loro quel che vi piacerà; soltanto non fate nulla a questi uomini, poiché son venuti all’ombra del mio tetto’. Ma essi gli dissero: ‘Fatti in là!’ E ancora: ‘Quest’individuo è venuto qua come straniero, e la vuol far da giudice! Ora faremo a te peggio che a quelli!’ E, premendo Lot con violenza, s’avvicinarono per sfondare la porta. Ma quegli uomini stesero la mano, trassero Lot in casa con loro, e chiusero la porta. E colpirono di cecità la gente ch’era alla porta della casa, dal più piccolo al più grande, talché si stancarono a cercar la porta.» (Genesi 19:4-11)

Cari nel Signore, è doveroso considerare che, quando gli omosessuali saranno in maggioranza e governeranno loro nelle nazioni e nel mondo, come era accaduto a SODOMA, ecco cosa aspetterà a tutti gli altri, appunto quel trattamento VIOLENTO e MALVAGIO che hanno manifestato I SODOMITI contro Lot e i suoi ospiti, com’è stato descritto nei passi sopracitati.

Non fatevi impietosire dal coccodrillo, perché appena può esso vi agguanterà e vi triterà nelle sue mascelle con i suoi denti, senza alcuna pietà, perché in loro non c’è pietà, né amore, né carità alcuna, perché sono malvagi di cuore e di mente, e servono il loro dio che è il DIAVOLO, che è omicida fin dal principio.

Guardatevi, dunque, da esprimere commenti in loro favore, anzi, parlate contro di loro e contro il peccato, perché di ogni parola che avremmo detta, in quel giorno ne renderemo conto a Dio.

A conferma del carattere dei sodomiti, è sufficiente vedere le foto delle loro manifestazioni chiamate “gay pride” e guardate anche i video sotto linkati che dimostrano chi sono realmente costoro, che ci fanno capire la loro intolleranza contro i cristiani. E pensare che cercano in tutti i modi di essere accettati dai cristiani, volendo far credere che Gesù li accoglie così come sono, quando non è assolutamente così, e guardate come si comportano contro quei cristiani che li evangelizzano e li esortano a ravvedersi dei loro peccati, per il bene dell’anima loro e non essere scaraventati all’inferno.

Che Dio abbia misericordia di noi e ci liberi dagli uomini malvagi e violenti.

Giuseppe Piredda

Fonte: https://labuonastrada.wordpress.com/

Perché noi Cristiani siamo contro il registro delle unioni civili

registro-comunale-unioni-civiliSul sito del comune di Roma leggiamo a proposito del Registro Municipale delle Unioni Civili: ‘Nel Registro vengono iscritte le forme di convivenza fra due persone, anche dello stesso sesso, legate reciprocamente da vincoli affettivi, economici, di mutua assistenza e di solidarietà, che non accedano volontariamente all’istituto giuridico del matrimonio e/o che siano impossibilitate a contrarlo’ (fonte: http://www.comune.roma.it/).

Come discepoli di Cristo Gesù dunque non possiamo che essere contrari a tale registro perché le convivenze eterosessuali e quelle omosessuali sono peccati agli occhi di Dio, in quanto le prime sono peccato di fornicazione e le seconde peccato di omosessualità, e sia i fornicatori che gli omosessuali non erediteranno il Regno di Dio (1 Corinzi 6:9). E questa è la ragione per cui esortiamo sia i fornicatori che gli omosessuali a ravvedersi e convertirsi dai loro peccati a Dio, e a fare opere degne di ravvedimento. Se dunque li esortiamo a ravvedersi e convertirsi, come possiamo essere d’accordo che essi commettano fornicazione, o commettano uomini con uomini cose turpi? Come possiamo dare la nostra approvazione a ‘unioni’ illecite agli occhi di Dio? Andremmo contro la Parola di Dio se lo facessimo.

Dunque esorto la fratellanza a schierarsi con franchezza CONTRO il registro delle unioni civili, in quanto la Parola di Dio ci comanda di riprendere le opere infruttuose delle tenebre (Efesini 5:11) e non di approvarle o appoggiarle!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

Non si nasce gay, e altre cose che pochi sanno

gemelliUno delle certezze che sostengono le lobby LGBT è che l’omosessualità è una condizione genetica. In realtà recenti studi su coppie di gemelli dimostrano che l’attrazione per persone dello stesso sesso non dipende dal codice genetico ma è qualcosa dovuta a esperienze successive alla nascita.

Il Dott. Neil Whitehead, ricercatore scientifico per il governo della Nuova Zelanda, per le Nazioni Unite e la International Atomic Energy Agency, fa il punto della situazione: i gemelli identici hanno lo stesso codice genetico, sono allevati in condizioni prenatali identiche, perciò se l’omosessualità fosse causata da fattori genetici o condizioni prenatali e uno dei due fosse gay, anche l’altro gemello dovrebbe esserlo. Ma gli studi scientifici rivelano che le cose vanno diversamente. “Se uno dei due gemelli prova attrazione per persone dello stesso sesso le possibilità che l’altro gemello l’abbia sono solo dell’11% per gli maschi e il 14% per le femmine”.

Visto che i gemelli identici sono sempre geneticamente identici, l’omosessualità non può essere dovuta a fattori genetici. “Nessuno nasce gay”, conclude Whitehead. Ciò che produce l’omosessualità, perciò, deve essere dovuto a fattori post nascita, come ad esempio le differenti reazioni personali a eventi o circostanze che hanno un diverso impatto sui due gemelli.
Il primo studio approfondito su gemelli identici è stato effettuato in Australia nel 1991, seguito da un altro negli Stati Uniti nel 1997. Nel 2002 Bearman e Brueckner hanno pubblicato uno studio effettuato su 5.552 coppie di gemelli degli Stati Uniti. L’attrazione per persone dello stesso sesso (Same-sex attraction) tra gemelli identici era comune solo al 7,7% per i maschi e al 5,3% per le femmine. Continua a leggere

L’intervista a Remo Cristallo sulla decisione valdese di benedire le coppie omosessuali

remo-cristallo-fotoEcco l’intervista rilasciata alcuni anni fa da Remo Cristallo (così come apparve sul sito http://www.valdesi.eu/), presidente della Federazione delle Chiese Pentecostali, durante la quale affermò che la decisione del Sinodo Valdese di benedire le coppie omosessuali anche se non va condivisa VA RISPETTATA. Già, va rispettata, perchè lui rispetta le decisioni prese dagli uomini empi contro la Parola di Dio.

 

———————-

Intervista al pastore Remo Cristallo presidente della Federazione delle Chiese Pentecostali in Italia

La recente decisione del Sinodo valdese relativa alla benedizione delle coppie omosessuali ha suscitato diverse reazioni nel mondo evangelico. Il direttore di Oltre, Elpidio Pezzella, ha intervistato il pastore Remo Cristallo, presidente della Federazione delle Chiese Pentecostali in Italia per raccogliere da un esponente autorevole la voce dei pentecostali sull’argomento. Continua a leggere