Su Giuda Iscariota

tradimento-giuda

«Sono io quello, Signore?»

Stavo meditando sulle seguenti parole: “E mentre mangiavano, disse: In verità io vi dico: Uno di voi mi tradirà. Ed essi, grandemente attristati, cominciarono a dirgli ad uno ad uno: Sono io quello, Signore?” (Matteo 26:21-22). Notate che i discepoli di Cristo gli chiesero ad uno ad uno ‘Sono io quello, Signore?’ E fu solo quando Giuda Iscariota gli chiese: “Sono io quello, Maestro?”, che gli undici seppero che a tradire il Maestro sarebbe stato Giuda, perché Gesù rispose a Giuda: “L’hai detto” (Matteo 26:25).Il discepolo che divenne poi traditore

Lo Spirito di Cristo aveva detto tramite Davide: “Perfino l’uomo col quale vivevo in pace, nel quale confidavo, che mangiava il mio pane, ha alzato il calcagno contro a me” (Salmo 41:9), e queste parole si adempirono quando Giuda Iscariota levò il suo calcagno contro Gesù Cristo (Giovanni 13:18). Ricordiamoci dunque come viene descritto Giuda prima di diventare traditore (Luca 6:16).

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

Giuda, annoverato tra gli apostoli

L’apostolo Pietro, parlando di Giuda, disse: «Fratelli, bisognava che si adempisse la profezia della Scrittura pronunziata dallo Spirito Santo per bocca di Davide intorno a Giuda, che fu la guida di quelli che arrestarono Gesù. Poiché egli era annoverato fra noi, e avea ricevuto la sua parte di questo ministerio ….  Poiché è scritto nel libro dei Salmi: Divenga la sua dimora deserta, e non vi sia chi abiti in essa: e: L’ufficio suo lo prenda un altro.» (Atti 1:16-17, 20). Da queste parole capiamo molto bene che Giuda era annoverato tra gli apostoli che Gesù stesso aveva mondato mediante la sua Parola, secondo che è scritto: «Voi siete già mondi a motivo della parola che v’ho annunziata» (Giovanni 15:3).

Cancellato dal libro dei giusti

Interessante notare le parole del Salmo che cita Pietro: «Divenga la sua dimora deserta, e non vi sia chi abiti in essa: e: L’ufficio suo lo prenda un altro» si trovano nel Salmo 69:25;

La loro dimora sia desolata,
nessuno abiti nelle loro tende.

Il Salmo di Davide continua dicendo:

Poiché perseguitano colui che tu hai percosso,
e si raccontano i dolori di quelli che tu hai feriti.
Aggiungi iniquità alla loro iniquità,
e non abbian parte alcuna nella tua giustizia.
Sian cancellati dal libro della vita,
e non siano iscritti con i giusti. (v. 26-28)

Il Salmo parla profeticamente del traditore del Messia, Giuda, che a motivo del suo tradimento doveva essere cancellato dal libro della via. Queste parole ci fanno capire che allora Giuda era iscritto nel libro dei giusti, ma fu cancellato in seguito. Ecco perché poi il diavolo entrò dentro di lui. Caso analogo con Anania e Saffira (cfr. Atti 5:1-10) dove Satana aveva riempito il cuor loro per mentire allo Spirito Santo.

Queste meditazioni ci fanno capire che inizialmente Giuda era un vero discepolo, ma che poi si sviò.

Gian Michele Tinnirello

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...