Le ciance di Luca Adamo

adamo_luca

Luca Adamo, fondatore del ‘ministero Zoe’ e che ha il titolo di ‘pastore’, insegna delle false dottrine alla luce delle Sacre Scritture, ha un comportamento sconveniente ai santi e principalmente per coloro che si professano ministri dell’evangelo (buffonerie, parlare ripieno di battute, poca serietà, etc..), mente contro la verità, collabora con l’ecumenico Corrado Salmè ed è arrivato persino a manipolare un versetto delle Sacre Scritture.

Ecco di seguito le prove delle cose che dico:

Insegna l’eresia che DIO sotto la grazia non giudica, non castiga, non fa morire e non manda fulmini ma che è il diavolo a farlo.

Ecco gli Screenshot:

luca-adamo-eresie-11

luca-adamo-eresie4

luca-adamo-eresie-2

luca-adamo-eresie31

Come potete vedere dagli screenshot, egli insegna l’eresia che DIO in questo periodo di grazia non giudica e non punisca. DIO punisce e giudica anche sotto la grazia perchè le Scritture ci mostrano in maniera chiara come DIO punisca e giudichi sia i credenti che gli increduli nel caso uno persista a fare il male. I seguenti sono alcuni esempi:

GIUDIZI DI DIO SU ANANIA E SAFFIRA

“Ma Pietro disse: Anania, perché ha Satana così riempito il cuor tuo da farti mentire allo Spirito Santo e ritener parte del prezzo del podere?
Se questo restava invenduto, non restava tuo? E una volta venduto, non ne era il prezzo in tuo potere? Perché ti sei messa in cuore questa cosa? Tu non hai mentito agli uomini ma a Dio.
E Anania, udendo queste parole, cadde e spirò. E gran paura prese tutti coloro che udiron queste cose.
E i giovani, levatisi, avvolsero il corpo, e portatolo fuori, lo seppellirono.
Or avvenne, circa tre ore dopo, che la moglie di lui, non sapendo ciò che era avvenuto, entrò.
E Pietro, rivolgendosi a lei: Dimmi, le disse, avete voi venduto il podere per tanto? Ed ella rispose: Sì, per tanto.
Ma Pietro a lei: Perché vi siete accordati a tentare lo Spirito del Signore? Ecco, i piedi di quelli che hanno seppellito il tuo marito sono all’uscio e ti porteranno via.
Ed ella in quell’istante cadde ai suoi piedi, e spirò. E i giovani, entrati, la trovarono morta; e portatala via, la seppellirono presso al suo marito.
E gran paura ne venne alla chiesa intera e a tutti coloro che udivano queste cose.” (Atti 5:3-11)

Vedete gli effetti dei giudizi di Dio? Gran paura venne alla chiesa intera e anche a tanti altri. I giudizi di Dio fanno bene alla Chiesa, e non male. Si colpiscono alcuni, per fare in modo che anche gli altri imparino. Ma questa scelta la fa Iddio, che è giusto ed è perfetto in tutto quello che fa.

GIUDIZIO DI DIO SOPRA ERODE

“In quell’istante, un angelo del Signore lo percosse, perché non avea dato a Dio la gloria; e morì, roso dai vermi.” (Atti 12:23)

GIUDIZIO SOPRA I CREDENTI DI CORINTO

“Perciò, chiunque mangerà il pane o berrà del calice del Signore indegnamente, sarà colpevole verso il corpo ed il sangue del Signore.Or provi l’uomo se stesso, e così mangi del pane e beva del calice; poiché chi mangia e beve, mangia e beve un giudicio su se stesso, se non discerne il corpo del Signore. Per questa cagione molti fra voi sono infermi e malati, e parecchi muoiono.Ora, se esaminassimo noi stessi, non saremmo giudicati; ma quando siamo giudicati, siam corretti dal Signore, affinché non siam condannati col mondo. Quando dunque, fratelli miei, v’adunate per mangiare, aspettatevi gli uni gli altri. Se qualcuno ha fame, mangi a casa, onde non vi aduniate per attirar su voi un giudicio. Le altre cose regolerò quando verrò.” (1 Co 11:27-34)

UN AVVERTIMENTO DI GESU’

“Di poi Gesù lo trovò nel tempio, e gli disse: Ecco, tu sei guarito; non peccar più, che non t’accada di peggio.” (Giovanni 5:14)

Vedete, Gesù guarì quell’infermo, e dalle parole di Gesù si capisce che se avrebbe peccato ancora, gli sarebbe accaduto DI PEGGIO. Gesù dicendo non peccare più, fa capire che quella infermità che lo aveva colpito era a causa del suo peccato, ma Gesù lo esorta a non peccare più, se no gli sarebbe accaduto di peggio.

Quale migliore occasione per mostrare che Dio è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Quell’uomo era infermo da 38 anni, quindi prima di Gesù, a causa della maledizione della legge, ma badate bene, che Gesù gli disse che se avrebbe ancora peccato, anche SOTTO LA GRAZIA, gli sarebbe accaduto di peggio.

Di conseguenza, fratelli, per quanto riguarda le punizioni di Dio, i suoi giudizi, dalla legge alla grazia, non è cambiato nulla.

Potete leggere il seguente studio approfondito secondo le Scritture (nei formati PDF oppure EPUB) dei giudizi di DIO sia nel periodo della legge che nel periodo della grazia:

Scarica il libro di Giacinto Butindaro – Dio castiga, eccome se castiga in PDF

– Insegna che alla donna è permesso insegnare o fare il pastore, infatti sua moglie è ‘pastore’.

Le scritture invece dicono in modo chiaro che alla donna non è permesso insegnare. Cliccate qui per leggere uno studio alla luce delle Sacre Scritture.

lucia-adamo-insegna

Screen tratto da: http://www.adamoluca.org/chi%20siamo.html

– BUFFONERIE, PARLARE SCONVENIENTE E ALCUNE COSE RIPROVEVOLI

Ecco di seguito alcuni video dove si vede in maniera chiara come Luca Adamo mette in mostra la sua buffoneria con un parlare ripieno di battute, privo di serietà e che non si s’addice ad un credente tanto meno ad un ‘pastore’.

– Una predica che ha messo in mostra tanta follia, tanta ignoranza della Scrittura, mancanza di fede in Dio, varie falsità, e altre cose riprovevoli:

[vimeo http://vimeo.com/12870148 w=500&h=280]

Vai anche al link:  [Video] ‘Chi ha dato ha dato; chi ha avuto ha avuto!’, La maniera scandalosa in cui il predicatore Luca Adamo esorta a dare offerte

– MANIPOLAZIONE [MODIFICA/AGGIUNTA] AD UN VERSETTO DELLE SCRITTURE

copertina-luca-adamo-bibbia-manipolata1

Sappiate che quest’uomo non ha timore di DIO arrivando persino a manipolare un versetto delle Scritture. Ecco l’immagine che ha come sua copertina di facebook:

Come potete vedere, lui dice che gli apostoli chiesero a Gesù di mandare un “fulmine” su di loro e cita il passaggio di Lc 9:54-55 scrivendolo così: “Signore, vuoi che facciamo cadere un fulmine su di loro? Gesù li sgridò e disse: “Voi non sapete di quale spirito siete!”

Ma il passaggio di Luca 9:54-55 versione Riveduta non dice così ma invece:

“Veduto ciò, i suoi discepoli Giacomo e Giovanni, dissero: Signore, vuoi tu che diciamo che scenda fuoco dal cielo e li consumi? Ma egli, rivoltosi, li sgridò.” (Luca 9:54,55 Riveduta)

Notare anche la Diodati:

“E Giacomo, e Giovanni, suoi discepoli, avendo ciò veduto, dissero: Signore, vuoi che diciamo che scenda fuoco dal cielo, e li consumi, come anche fece Elia? Ma egli, rivoltosi, li sgridò, e disse: Voi non sapete di quale spirito voi siete.” (Luca 9:54,55 Diodati)

Quel passaggio dice che i discepoli chiesero a Gesù di mandare “fuoco del cielo” e non un fulmine! Infatti loro citarono l’episodio del profeta Elia dove fu proprio del fuoco a cadere dal cielo, e non un fulmine, secondo che è scritto:

“Elia rispose e disse al capitano dei cinquanta: ‘Se io sono un uomo di Dio, scenda del fuoco dal cielo, e consumi te e i tuoi cinquanta uomini!’ E dal cielo scese del fuoco che consumò lui e i suoi cinquanta.” (2° Re 1:10)

Ora, come può uno dire di essere un ministro di DIO e manipolare cosi le Scritture per propagare i suoi vani ragionamenti?

– COLLABORA CON CORRADO SALME’ CHE E’ ECUMENICO

luca-adamo-corrado-salmè

Costui collabora con Corrado Salmè che è un ecumenico. Basta andare sui loro profili pubblici su facebook per vedere la loro collaborazione.

Fratelli e sorelle nel Signore, vi supplico di guardarvi da quest’uomo che è oltremodo corrotto e che inganna e seduce i semplici con dolce e lusinghevole parlare. Non vi lasciate ingannare e sedurre da costui ma riprendetelo, rigettate le sue eresie e separatevi da lui per amor dell’anima vostra.

Haiaty Varotto

Tratto da:  http://destatevi.wordpress.com/2012/12/09/guardatevi-da-luca-adamo/

– Luca Adamo mente contro la verità

Dice le seguenti 3 menzogne contro la verità:

Fratelli, in uno scritto dal titolo ‘ A.A.A. GIGANTI CERCASI DISPERATAMENTE!’ firmato dal ‘pastore’ Luca Adamo, e da lui postato sulla sua pagina Facebook il 7 Dicembre 2012, si legge quanto segue:

——-

‘Spesso le persone temono i passi di fede solo perchè qualcuno gli ha detto che ci sono “i giganti”.
Questo è proprio quello che è successo al popolo d’Israele quando, prima di entrare nella terra promessa, ebbe paura per qualche gigante che vide, e preferì passare ben 40 anni nel deserto.
Dopo 40 anni, Giosuè decise di passare il Giordano, conquistare la terra promessa e combattere le sue lotte.
Ma, sorpresa delle sorprese, conquistò il Paese con una facilità imbarazzante..
Giganti incontrati?
Zero.
Vittime tra il popolo d’Israele?
Nessuna.
Battaglie perse?
Nemmeno una.
E allora, dov’erano tutte queste difficoltà?
Dov’erano questi temibili giganti?
Dov’erano questi terribili e giganteschi nemici?
Dov’erano i giganti, coraggio… che fine hanno fatto!?
Li ho cercati disperatamente in tutte le battaglie della conquista al tempo di Giosuè, da di loro neppure l’ombra.
A.A.A. Giganti cercasi disperatamente. Ahhhhhh
“Solo chiacchiere e distintivo!”, ecco cos’è il maligno, amici miei..
Sì, lui ci grida dietro dicendoci che scaglierà contro di noi i suoi più potenti giganti, giganti che ci fermeranno e bloccheranno la nostra conquista.
Ma sai una cosa?
Basta non credergli.
Già, perchè sebbene le sofferenze possano a volte intaccare le nostre vite, è però vero che nessuna di esse è così potente da fermare le vittorie e le benedizioni di Dio.
Nessuna di esse può definirsi “gigante”.. perchè, come abbiamo visto, i giganti del maligno, in realtà, non esistono più da un pezzo ^_^
“Avendo quindi spogliato le potestà e i principati, ne ha fatto un pubblico spettacolo, trionfando su di loro in lui” [Colossesi 2:15]
Con affetto, Pastor Luca

———-

luca-adamo-israele-post

In questo suo scritto ci sono tre EVIDENTI MENZOGNE, che sono le seguenti.

La prima menzogna è che gli Israeliti non incontrarono i giganti: ‘Giganti incontrati? Zero’.

E questo perchè la Bibbia dice che gli Israeliti incontrarono i giganti, secondo che è scritto:

“A Caleb, figliuolo di Gefunne, Giosuè dette una parte in mezzo ai figliuoli di Giuda, come l’Eterno gli avea comandato, cioè: la città di Arba, padre di Anak, la quale è Hebron. E Caleb ne cacciò i tre figliuoli di Anak, Sceshai, Ahiman e Talmai, discendenti di Anak” (Giosuè 15:13-14),

e i figliuoli di Anak erano della razza dei giganti, infatti quando Mosè aveva mandato gli esploratori nella terra di Canaan è scritto:

“Quelli dunque salirono ed esplorarono il paese dal deserto di Tsin fino a Rehob, sulla via di Hamath. Salirono per il mezzogiorno e andarono fino a Hebron, dov’erano Ahiman, Sceshai e Talmai, figliuoli di Anak. Or Hebron era stata edificata sette anni prima di Tsoan in Egitto. E giunsero fino alla valle d’Eshcol, dove tagliarono un tralcio con un grappolo d’uva, che portarono in due con una stanga, e presero anche delle melagrane e dei fichi. Quel luogo fu chiamato valle d’Eshcol a motivo del grappolo d’uva che i figliuoli d’Israele vi tagliarono. E alla fine di quaranta giorni tornarono dall’esplorazione del paese, e andarono a trovar Mosè ed Aaronne e tutta la raunanza de’ figliuoli d’Israele nel deserto di Paran, a Kades; riferirono ogni cosa a loro e a tutta la raunanza, e mostraron loro i frutti del paese. E fecero il loro racconto, dicendo: ‘Noi arrivammo nel paese dove tu ci mandasti, ed è davvero un paese dove scorre il latte e il miele, ed ecco de’ suoi frutti. Soltanto, il popolo che abita il paese è potente, le città sono fortificate e grandissime, e v’abbiamo anche veduto de’ figliuoli di Anak. Gli Amalekiti abitano la parte meridionale del paese; gli Hittei, i Gebusei e gli Amorei, la regione montuosa; e i Cananei abitano presso il mare e lungo il Giordano’. E Caleb calmò il popolo che mormorava contro Mosè, e disse: ‘Saliamo pure e conquistiamo il paese; poiché possiamo benissimo soggiogarlo’. Ma gli uomini che v’erano andati con lui, dissero: ‘Noi non siam capaci di salire contro questo popolo; perché è più forte di noi’. E screditarono presso i figliuoli d’Israele il paese che aveano esplorato, dicendo: ‘Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo, è un paese che divora i suoi abitanti; e tutta la gente che vi abbiam veduta, è gente d’alta statura; e v’abbiam visto i giganti, figliuoli di Anak, della razza de’ giganti, appetto ai quali ci pareva d’esser locuste; e tali parevamo a loro’ ” (Numeri 13:21-33).

Notate come Sceshai, Ahiman e Talmai, che sono i figli di Anak che Caleb cacciò, sono gli stessi che la Scrittura dice in Numeri che erano a Hebron, e dei quali dieci esploratori dissero alla raunanza: “v’abbiam visto i giganti, figliuoli di Anak, della razza de’ giganti, appetto ai quali ci pareva d’esser locuste; e tali parevamo a loro”.

Le altre due menzogne sono che tra i figli di Israele non ci furono vittime e nessuna battaglia fu da loro persa: ‘Vittime tra il popolo d’Israele? Nessuna. Battaglie perse? Nemmeno una’.

E questo perchè una volta entrati nella terra promessa, gli Israeliti persero una battaglia e ci furono anche delle vittime. Ecco infatti cosa è scritto nel libro di Giosuè:

“Ma i figliuoli d’Israele commisero una infedeltà circa l’interdetto; poiché Acan, figliuolo di Carmi, figliuolo di Zabdi, figliuolo di Zerach, della tribù di Giuda prese dell’interdetto, e l’ira dell’Eterno s’accese contro i figliuoli d’Israele. E Giosuè mandò degli uomini da Gerico ad Ai, ch’è vicina a Beth-Aven a oriente di Bethel, e disse loro: ‘Salite ed esplorate il paese’. E quelli salirono ed esplorarono Ai. Poi tornarono da Giosuè e gli dissero: ‘Non occorre che salga tutto il popolo; ma salgano un due o tremila uomini, e sconfiggeranno Ai; non stancare tutto il popolo, mandandolo là, perché quelli sono in pochi’. Così vi salirono un tremila uomini di tra il popolo, i quali si dettero alla fuga davanti alla gente d’Ai. E la gente d’Ai ne uccise circa trentasei, li inseguì dalla porta fino a Scebarim, e li mise in rotta nella scesa. E il cuore del popolo si strusse e divenne come acqua. Giosuè si stracciò le vesti e si gettò col viso a terra davanti all’arca dell’Eterno; stette così fino alla sera, egli con gli anziani d’Israele, e si gettarono della polvere sul capo. E Giosuè disse: ‘Ahi, Signore, Eterno, perché hai tu fatto passare il Giordano a questo popolo per darci in mano degli Amorei e farci perire? Oh, ci fossimo pur contentati di rimanere di là dal Giordano! Ahimè, Signore, che dirò io, ora che Israele ha voltato le spalle ai suoi nemici? I Cananei e tutti gli abitanti del paese lo verranno a sapere, ci avvolgeranno, e faranno sparire il nostro nome dalla terra; e tu che farai per il tuo gran nome?’ ” (Giosuè 7:1-9).

Come potete vedere, la Scrittura afferma che Israele perse una battaglia, e la perse a motivo dell’infedeltà che Acan commise avendo preso dell’interdetto, e in quella battaglia morirono circa TRENTASEI Israeliti.

Queste menzogne dette da Luca Adamo credo siano l’ennesima prova di come quest’uomo che si professa pastore non conosce le Scritture e le contorce a suo piacimento per fargli dire quello che lui vuole.

Guardatevi e ritiratevi da lui, per il bene dell’anima vostra.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2012/12/07/luca-adamo-mente-contro-la-verita/

– ECCO COME LUCA ADAMO CONFERMA CHE I FULMINI LI MANDA IDDIO

Fratelli nel Signore, le sacre Scritture sono la Parola di Dio, e nessuno, chiunque esso sia, può manipolare la Parola di Dio per adattarla alle proprie esigenze e ai propri sermoni e studi, ma, piuttosto, è la Scrittura che ordina e spiega le cose che i predicatori devono insegnare alla Chiesa.

Giovanni avverte tutti gli uomini a non permettersi di modificare niente del libro di Apocalisse, ma possiamo dire tranquillamente che queste parole riguardano tutti i libri della Bibbia:

“Io lo dichiaro a ognuno che ode le parole della profezia di questo libro: Se alcuno vi aggiunge qualcosa, Dio aggiungerà ai suoi mali le piaghe descritte in questo libro; e se alcuno toglie qualcosa dalle parole del libro di questa profezia, Iddio gli torrà la sua parte dell’albero della vita e della città santa, delle cose scritte in questo libro.” (Apocalisse 22:18,19)

Anche l’apostolo Pietro, ben sapendo che sarebbero venuti degli uomini che sono ignoranti e instabili in tutte le loro vie e avrebbero contorto la Parola di Dio, mette in guardia da tali cose con le seguenti parole:

“.. e questo egli fa in tutte le sue epistole, parlando in esse di questi argomenti; nelle quali epistole sono alcune cose difficili a capire, che gli uomini ignoranti e instabili torcono, come anche le altre Scritture, a loro propria perdizione.” (2 Pietro 3:16)

Fratelli nel Signore, purtroppo stiamo constatando quasi ogni giorno che ci sono persone che torcono, manipolano, falsificano le Scritture, sia riportandone i passi in modo errato, sia inserendo delle note e delle referenze nelle Bibbie che sono sbagliate o omettendone talune con un intento fraudolento; oppure, quando predicano o scrivono ne falsificano il significato e il senso di Dio, proprio come facevano anticamente, come ci ricordano le parole del profeta Geremia:

“Come potete voi dire: ‘Noi siam savi e la legge dell’Eterno è con noi!’ Sì certo, ma la penna bugiarda degli scribi ne ha falsato il senso.” (Geremia 8:8)

Diletti, a conferma che le cose stanno ancora in questa maniera come abbiamo scritto sopra, porgo al vostro esame e giudizio il seguente caso specifico.

Il pastore Luca Adamo, nella copertina della sua pagina su facebook, riporta un passo biblico in questa maniera:

“Signore, vuoi che FACCIAMO CADERE UN FULMINE SU DI LORO? Ma Gesù li sgridò e disse: “Voi non sapete di quale spirito voi siete!” Luca 9:54-55

copertina-luca-adamo-bibbia-manipolata1

Ora confrontiamo quel passo citato in quella maniera contorta da Luca Adamo, con quello che dice realmente il passo delle Scritture dalla versione Diodati:

“E Giacomo, e Giovanni, suoi discepoli, avendo ciò veduto, dissero: Signore, vuoi che diciamo che scenda DEL FUOCO dal cielo, e li consumi, come anche fece Elia? Ma egli, rivoltosi, li sgridò, e disse: Voi non sapete di quale spirito voi siete.” (Luca 9:54-55 – versione Diodati)

La cosa più evidente è che ha sostituito la parola “FUOCO” con la parola “FULMINE”, le quali sono due parole diverse, con significati diversi. Trascrivendo le parole di Gesù in quel modo, ha cercato di indirizzare la mente dei credenti a sposare la tesi che Dio NON MANDA I FULMINI contro i suoi avversari, per annullare il seguente passo delle Scritture:

“S’empie di fulmini le mani, e li lancia contro gli avversari.” (Giobbe 36:32)

Pertanto, considerato che l’intento di Luca Adamo era quello di dimostrare a tutti che Dio non manda i fulmini contro i suoi avversari, ma non essendoci dei passi biblici che sostengono tale tesi sua personale, si è dovuto AGGIUSTARE un passo biblico che dimostrasse che Dio non manda i fulmini sopra i suoi avversari.

Fratelli nel Signore, ma se Luca Adamo avesse avuto ragione a dire che Dio non manda i fulmini contro i suoi avversari, non avrebbe forse trovato dei passi biblici per dimostrarlo, senza che ci fosse bisogno di MANIPOLARNE UNO? Certo, ci sarebbero stati, ma non ne ha trovati, perché non ci sono, in quanto Iddio veramente scaglia i suoi fulmini sopra coloro che sono suoi avversari e sono ribelli alla Sua Parola e alla Sua volontà.

In conclusione, se Luca Adamo ha avuto la necessità di manipolare quel passo biblico, dimostra chiaramente che non ci sono passi biblici che attestano ciò che lui dice e, quindi, questa manipolazione forzata del passo diventa una prova certa che nella Bibbia sta scritto che Iddio manda i fulmini sopra i suoi avversari.

Tale incapacità di Luca Adamo di dimostrare con prove certe e validi ragionamenti biblici ciò che crede e insegna agli altri, è diventata una prova certa che il passo della Bibbia che dice che Dio “S’empie di fulmini le mani, e li lancia contro gli avversari” è verità e così avviene ancora oggi, e non esiste niente nelle Scritture che lo annulli.

Fratelli nel Signore, giudicate da voi stessi ciò ch’è giusto, da persone intelligenti che siete, e traete da quanto è stato detto ciò che è buono per le anime vostre, affinché non diventiate preda dei lupi rapaci e dei seduttori di menti.

Chi ha orecchie oda ciò che la Parola di Dio “senza manipolazioni” dice alle Chiese.

Giuseppe Piredda

Tratto da: https://www.facebook.com

– COMMENTI FATTI SU FACEBOOK E CANCELLATI DA ADAMO LUCA

luca adamo commento mio luca adamo2

Guardatevi e separatevi da costui perché oltre a non conoscere le scritture è un buffone.

Gian Michele Tinnirello

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...