Sola Scriptura? Magari

Molti teologi e credenti cattolici romani criticano continuamente gli evangelici perché dicono che l’unica fonte da tenere in considerazione in materia di dottrine è la Bibbia.

Costoro affermano codeste cose perché loro mettono la loro tradizione al pari della Parola di Dio.

Per attaccare gli evangelici prendono in considerazioni le varie denominazioni di cui la compongono per dire che la Sola Scriptura, senza la guida della tradizione della chiesa romana, provoca delle divisioni.

Purtroppo parlano senza conoscere bene l’ambiente evangelico. Molti non sanno come tante denominazioni vivono la fede. Non è vero che tutti gli evangelici mettono in atto il fatto della Sola Scriptura! Appunto perché non si basano su ciò che è scritto nella Bibbia ci sono delle divisioni. Molti evangelici quasi mai leggono direttamente la Bibbia perché leggono in gran parte altri libri o presunti commentari che manipolano il pensiero di Dio.

Io stesso provai ad leggere altri libri, ma mi accorsi che alcuni libri non si basano realmente su ciò che è scritto.

Tempo fa, quando ebbi a che fare con taluni delle Assemblee di Dio, mi rimproverano il fatto che io dovevo andare alla scuola biblica per capire la bibbia. Non potevo basarmi solamente sulla Bibbia perché ci vogliono le scuole bibliche che ti spiegano la Bibbia.

Tutto questo mi fu detto perché vedevo che molte cose che insegnavano non si basano solamente sulla Scrittura. Questo è il danno di molte chiese. Magari si basassero sulla Sola Scrittura per gli insegnamenti e le esortazioni.

Poi ci sono altre denominazioni evangeliche che purtroppo credono che Gesù verrà nella terra altre due volte che loro chiamano fasi. Questa dottrina anti-biblica si chiama rapimento segreto. Ma dando una attenta lettura della Bibbia con umiltà ci si accorgerà che tutta la Bibbia parla del Giorno (al singolare) di Cristo o del Signore e non di giorni; ed anche di una venuta (parousia, 2 Tessalonicesi 2:8) dopo l’anticristo, eppure taluni la insegnano. Questo perché NON si basano sulla Sola Scriptura!

Poi ci sono i Branhanamiti che rigettano la dottrina della Trinità dicendo che sulla croce è morto il Padre, il Figlio è lo Spirito Santo. Dando una lettura veloce della Scrittura ci si accorge che non è così. Gesù ovvero il Figlio di Dio è morto sulla croce. La Sola Scriptura questo insegna. Il problema è che molti seguaci di Branham non leggono direttamente la Bibbia. La leggono attraverso studi del falso profeta William Branham. Io stesso ho potuto appurare che citano spesso gli scritti di questo falso profeta,  a volte più delle Sacre Scritture. Dov’è questa Sola Scriptura? NON esiste assolutamente.

E di esempi ne potrei fare a decine, visto che il Signore mi sta dando la grazia di poter conoscere le Scritture.

E poi non è vero che tutti i cattolici romani la pensano nello stesso modo. Molti teologi hanno sullo stesso punto idee diversi. Addirittura diversi papi sullo stesso argomento hanno detto ed insegnato cose diverse. Perché questo i cattolici romani non lo dicono? Perché amano nascondere la verità. Del resto sono secoli che fanno così.

Ecco alcune contraddizioni dei cattolici romani:

Presunte contraddizioni su Papa Wojtyla nel seguente articolo intitolato: Tra di loro non sono d’accordo – DIFENDERELAFEDE

Oltre a questo articolo o pagina ne ho trovato un altro di un certo Don Luigi Villa che accusa l’ex papa di essere eretico e massone. Il titolo di questa pagina è: Una Beatificazione sacrilega

Poi ci sono le cosiddette contraddizioni papali. Ne cito solamente alcuni che ho tratto dal libro ‘La Chiesa Cattolica Romana’ di Giacinto Butindaro. (Queste cose le ho pubblicate in un articolo dal titolo ‘Le fallibilità papali’)

Liberio (352-366) aderì formalmente all’eresia ariana (che negava la divinità di Gesù Cristo)[1] , sottoscrivendo la professione di fede eretica del concilio di Sermio e giungendo perfino a scomunicare Atanasio che difendeva la divinità di Cristo. Sia i suoi predecessori che lui stesso avevano di già condannato l’eresia di Ario; in seguito, i suoi successori condannarono l’eresia ariana.

[1] Liberio era stato mandato in esilio dall’imperatore Costanzo perché si era opposto alla deposizione di Atanasio, egli sosteneva infatti assieme ad Atanasio la identica natura tra il Padre e il Figlio (Ario invece sosteneva che il Figliuolo era stato creato e perciò non era della stessa sostanza e natura del Padre). Ma mentre era in esilio scrisse delle lettere in cui aderiva alla dottrina di Ario e scomunicava Atanasio, al fine di cattivarsi l’amicizia dell’imperatore e poter tornare così in Roma. Girolamo scrisse: ‘Liberio vinto dal tedio dell’esilio, sottoscrivendo alla pravità eretica, entrò vittorioso a Roma’. Anche Ilario e Atanasio rimproverarono a Liberio la sottoscrizione dell’eresia ariana.

Innocenzo I (401-417) scrisse al concilio di Milevis che i neonati erano obbligati a ricevere la comunione e che se fossero morti battezzati ma non comunicati, sarebbero ugualmente andati all’inferno. In seguito, questa dottrina è stata annullata dal concilio di Trento nel 1562 con la seguente dichiarazione: ‘Finalmente lo stesso santo sinodo insegna che i bambini che non hanno l’uso della ragione, non sono obbligati da alcuna necessità alla comunione sacramentale dell’eucarestia. Rigenerati, infatti, dal lavacro del battesimo e incorporati a Cristo, non possono, a quell’età, perdere la grazia di figli di Dio, che hanno acquistato’ (Concilio di Trento, Sess. XXI, cap. IV), e sempre il concilio tridentino ha anatemizzato chi la sosterrà con la seguente dichiarazione: ‘Se qualcuno dirà che la comunione eucaristica è necessaria ai bambini anche prima che abbiano raggiunto l’età di ragione, sia anatema’ (Concilio di Trento, Sess. XXI, can. 4).

Ormisda (514-523) nel 514 dichiarò eretici certi monaci della Scizia, perché sostenevano che uno della Trinità aveva sofferto la morte della croce; ma Giovanni II nel 532 dichiarò quei monaci ortodossi (cioè persone che sostenevano una dottrina retta).

Vigilio (537-555) nel 553 con una dichiarazione ufficiale definì conformi alla dottrina cattolica alcuni scritti denominati ‘Tre capitoli’ (che lui stesso aveva condannato nel 548). Ma il quinto concilio ecumenico (Costantinopolitano II) tenutosi a Costantinopoli dal 5 maggio al 2 Giugno 553 dichiarò solennemente che quegli stessi scritti dovevano essere considerati eretici. Ma Vigilio si risolse ad accettare il concilio e le sue conclusioni solo l’8 dicembre. Egli ritrattò le sue recenti posizioni contrarie alla condanna dei ‘Tre capitoli’ infatti scrisse al patriarca di Costantinopoli riconoscendo il proprio errore e concludeva dicendogli: ‘Pertanto ciò che ho fatto in difesa dei ‘Tre capitoli’ viene annullato con la definizione del presente nostro scritto’ (Epistola ad Eutichio, Patriarca di Costantinopoli, dell’8 Dicembre 553).

Gregorio I detto Magno (590-604) disse che i bambini non battezzati vanno diritti all’inferno e laggiù soffrono per l’eternità. Ora, questa dottrina è condannata dalla chiesa romana perché essa dice che i bambini se muoiono non battezzati vanno in un luogo detto limbo (dove secondo loro non c’é alcuna pena) e non più all’inferno come invece affermò Gregorio I. Sempre Gregorio affermò che chi si prendeva il titolo di vescovo universale era precursore dell’anticristo; mentre Gregorio VII (1073-1085) affermò che il vescovo di Roma è e deve essere chiamato vescovo universale; ecco le sue parole: ‘Solo il pontefice romano ha il diritto di essere chiamato universale’ (Dictatus papae, punto 2).

Poi c’è anche Girolamo il cosiddetto Padre della Chiesa che non reputava canonici i libri apocrifi. Infatti scrisse queste parole:

‘La Chiesa legge il libro di Tobia, di Giuditta, dei Maccabei, di Baruc, di Susanna, della Sapienza, dell’Ecclesiastico, l’inno dei tre giovani e le favole di Belo e del Dragone; ma essa non li riceve affatto nel novero delle Scritture autentiche’(Girolamo, Prologo a Graziano).

La Chiesa Cattolica dopo la riforma protestante incluse nel canone questi libri. Che contraddizione! Lo stesso redattore della Bibbia latina non considerava canonici i libri che ha inserito nella sua traduzione.

Queste ed altre cose la Chiesa Cattolica Romana le nasconde! Del resto da persone empie e malvagie non si ci può aspettare altro.

La verità è nella Sacra Scrittura! Il di più vien dal maligno.

Perciò leggete la Bibbia con uno spirito umile dopo aver passato molto tempo in preghiera. Dio che è Giusto è misericordioso aprirà la vostra mente come fece con i discepoli.

Chi ha orecchi da udire, oda

Gian Michele Tinnirello

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...