Le ADI e Giovanni 15

Come potete vedere questa immagine risale al 21-23 Maggio del 2011. Questa è la cartellina di un convegno over 40 delle ADI che si è svolto a Terrasini (PA). Il titolo di questo convegno, come ben vedete, era “Costituiti…..per portar frutto”.

Come ben sapete le ADI rigettano la dottrina del proponimento di Dio

Il testo che hanno preso per tema è il seguente:

Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi, e v’ho costituiti perché andiate, e portiate frutto, e il vostro frutto sia permanente; affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia.” (Giovanni 15:16).

In  questi versi si capisce in modo chiaro che è stato Gesù a SCEGLIERE i suoi discepoli.

Ovviamente quei versi sono rivolti a tutti i credenti perché è DIO che sceglie.

Le ADI quindi dicono che Giovanni 15:16 è rivolto a quelli che hanno il ministerio (cioè  Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi) e poi prendono una parte del passo, (“Costituiti…..per portar frutto”), e lo rivolgono anche a tutti gli altri, ovviamente omettendo il fatto che Gesù ci ha scelti! Questa non è una contraddizione? Io dico di si.

Poi continuando a leggere i versetti successivi c’è scritto: “Se foste del mondo, il mondo amerebbe quel ch’è suo; ma perché non siete del mondo, ma io v’ho scelti di mezzo al mondo, perciò vi odia il mondo”(Giovanni 15:19) il mondo odia ciò che non è suo quindi odia non soltanto quelli che hanno il ministerio ma anche tutti gli altri che sono stati tratti dal mondo. Non avrebbe senso dire che il mondo odia soltanto coloro che hanno il ministerio!

Quando c’è una pecora smarrita chi è che la va a cercare? Il pastore. È volontà del pastore cercare quella pecora e non è la pecora che dice al pastore: ‘Mi sono smarrita, quindi trovami!’. Gesù raccontò questa parabola “Chi è l’uomo fra voi, che, avendo cento pecore, se ne perde una, non lasci le novantanove nel deserto e non vada dietro alla perduta finché non l’abbia ritrovata? E trovatala, tutto allegro se la mette sulle spalle; e giunto a casa, chiama assieme gli amici e i vicini, e dice loro: Rallegratevi meco, perché ho ritrovato la mia pecora ch’era perduta.” (Luca 15:4-6). E se ne potrebbero fare molti altri di esempi. Ho voluto essere molto breve.

La grazia sia con tutti voi

Gian Michele Tinnirello

Articoli correlati: 

10 commenti su “Le ADI e Giovanni 15

  1. marco poli ha detto:

    Gesù ci ha scelti scegliendo di morire per tutti noi INDISTINTAMENTE…se il Signore ci avesse predestinato il suo sarebbe stato un sacrificio “ridimensionato” per quelli e basta….Gesù è morto per l’intera umanità di peccatori…Non sminuiamo il sacrificio di Cristo!!! Un’altra cosa volevo aggiungere: cercate di usare lo stesso metro con cui siete pronti ad accusare i fratelli…Perchè non si è sentita una parola di riprensione da parte vostra verso il fr. Zedde che da del Pedofilo ad un’altro fratello?? ma stiamo scherzando? Pace

    Mi piace

    • Allora non leggi bene i versetti della bibbia. Basta leggere Giovanni 15:16 per capire. Gesù è morto per coloro che nel corso dei secoli si pentono e si ravvedono. Gesù è morto per tutti ma solo alcuni beneficiano di questo sacrificio cioè gli eletti.

      Al riguardo del fatto di Zedde ti dico che sei ceco e ci vuoi anche rimanere. Io ho le immagini del fatto ed Angelo non ha dato del pedofilo a nessuno ha solo detto “Massimo volevo dirti una cosa….cosa penseresti se io adesso ti dicessi: con quella faccia assomigli ad un pedofilo !!.
      Ce ne di differenza tra le parole che ha detto Angelo Zedde e quelle che hai dette tu. Angelo stava difendendo il fratello Giuseppe Piredda da una frase che Massimo Calise disse. Gli aveva fatto un esempio infatti ha detto “Se ti dicessi” e non “sei uno sporco pedofilo”.

      Alcune immagini dei fatti li trovi su Facebook in questo link
      https://www.facebook.com/media/set/?set=oa.260444050698946&type=1

      e anche qui
      https://www.facebook.com/media/set/?set=a.200543340051093.34512.105700672868694&type=3

      Angelo Zedde gli ha fatto un esempio anche se è un po troppo pesante, ma era semplicemente per fargli capire la gravità della cosa. Non era il fatto che gli ha dato del prete a Giuseppe ma semplicemente che il suo commento era fuori luogo visto che tutti i fratelli stavano commentando una foto, dove alcuni fratelli si erano riuniti per stare insieme.

      Mi piace

    • Gian Michele Tinnirello ha detto:

      Ma poi la parola di riprensione dobbiamo dirtela a te o al diretto interessato. Non ti preoccupare che noi non facciamo finta di niente. Chi l’ho doveva rimproverare ci ha pensato.

      Mi piace

  2. marco poli ha detto:

    …e ti sembra poco??? scherzo o non scherzo, per dire o non per dire… ma ti sembra un paragone da fare?? “UN PO’ PESANTE” me lo chiami?? ti sembra un modo di parlare condito con sale?? ha risposto ad una provocazione è chiaro…ma questo ci dà il diritto di usare un linguaggio così…non saprei nemmeno come dire…Non è la parola di sè per sè, ma tutto quello che evoca alla mente….cose che fanno rabbrividire il mio spirito…cosa c’entra questa cosa tra i fratelli…ed invece di correggerlo di riprenderlo lo giustifichi?? Un intervento fuoriluogo su tutta la linea…”e se ti dicessi con quella faccia assomigli ad un p…..” Perchè, che faccia ha un p…?? è forse possibile riconoscerlo dai tratti somatici? ASSOLUTAMENTE NO!!! un parlare a vanvera per difendere un torto subito ke crea sconcerto e turbamento per chi può ascoltare…STIAMO MOLTO ATTENTI AL NS PARLARE…sono molto deluso…
    Pace

    Mi piace

    • Gian Michele Tinnirello ha detto:

      Ma chi ti ha detto che l’ho giustifico per aver fatto quel paragone. Io giustifico il fatto che lui non ha detto quelle parole per offendere come dicono alcuni. Secondo te noi facciamo finta di niente dinanzi a ciò. Anche se è più grave affermare che ha detto parole per offendere. Quando ha cercato solo di fare un paragone. Che io al suo posto non l’avrei fatto così.

      Mi sconcerta più il tuo commento che altro.

      Ti ripeto perché vedo che non intendi. C’è una grande differenza tra dire cosa penseresti se io adesso ti dicessi e ‘hai una faccia da sporco pedofilo’ non credi oppure fai finta di niente? Stanno dicendo che Angelo ha oltraggiato Massimo Calise quando tutto ciò non è vero. L’unico errore di Angelo è aver fatto quel paragone.

      L’ho sai perché ha fatto quel paragone? Adesso te l’ho spiego. Il fratello Giuseppe Piredda ha pubblicato un immagine con altri fratelli. Molti fratelli hanno commentato citando versetti dicendo che quanto è bello che i fratelli dimorano insieme. Arriva Massimo Calise è dice al fratello Giuseppe che sembra un prete. Io gli avevo semplicemente detto che chi ama non dice quelle cose che per altro erano fuori tema e per me è finita lì. Ma Calise ha continuato scrivendo nella sua bacheca che Giuseppe si era offeso ecc.. Così è intervenuto Angelo Zedde dicendogli ‘se ti dicessi ecc’ (che io non ho mai giustificato). Adesso Calise va dicendo che noi l’abbiamo bloccato da Facebook (quando è stato lui a bloccarmi), che non amiamo, che l’ho calunniamo e l’ho oltraggiamo.

      Pace Dio ti apra gli occhi

      Mi piace

  3. marco poli ha detto:

    Non mi interessa sapere chi ha ragione o chi ha torto, non si usano simili paragoni fra fratelli, nemmeno per modo di dire o per portare paragoni..NON SI PARLA COSI’..punto e basta!!! Tu dici che il fratello è stato ammonito…dove , quando, da chi??certamente nn lo è stato fatto pubblicamente…e di questo me ne rattristo, nn perkè godo nel vedere un fratello messo alla gogna, ma la frase “infelice” è stata resa pubblicamente e pubblicamente va condannata…se usate una misura sappiatela applicare in maniera uguale per tutti!!
    Ti invito poi a rileggerti attentamente il tuo primo post di risposta…prima dici che “Gesù è morto per coloro che nel corso dei secoli si pentono e si ravvedono” subito dopo tu stesso dici “Gesù è morto per tutti ma solo alcuni beneficiano di questo sacrificio cioè gli eletti”….una bella contraddizione!! GESU’ E’ MORTO PER TUTTI…PER TUTTI..PER TUTTI!!!! per farti comprendere la gravità della tua contraddizione ti porto un esempio estremo…e se nel corso dei secoli nessuno si fosse pentito o ravveduto???non è stato così e noi ne siamo la testimonianza….per chi sarebbe morto Cristo…per nessuno??? NON SIA MAI!!!
    Pace

    Mi piace

    • Gian Michele Tinnirello ha detto:

      Effettivamente io non ho detto niente pubblicamente. Che per altro non è da condannare perché non ha oltraggiato nessuno. Ha solo usato un paragone forte. Ad Angelo Zedde l’ho vedo quasi ogni giorno e sinceramente non ci avevo pensato a scriverlo pubblicamente visto che ho il piacere di dirglielo a tu per tu.
      Comunque ho provveduto a scrivere pubblicamente il mio dissenso verso quel paragone dicendo che anche se non l’ha detto per offendere ha sbagliato.

      Marco, vedo che cerchi in tutti i costi di condannare Angelo Zedde. Quando quello da riprendere veramente è Massimo Calise perché sta spargendo calunnie e oltraggi facendoci passare per degli imbroglioni. Secondo te chi deve essere ripreso. Angelo che ha usato un paragone forte oppure Calise che oltraggia, gira le parole per darsi ragione chiamandoci imbroglioni?

      Se tu ami Dio e la chiesa dovresti intervenire pure tu a difendere la verità e a riprendere la menzogna. Mi sa che solo qui vieni a commentare.

      Pace

      Mi piace

  4. Gian Michele Tinnirello ha detto:

    Correggo il mio primo commento.
    Ho detto:
    Gesù è morto per coloro che nel corso dei secoli si pentono e si ravvedono. Gesù è morto per tutti ma solo alcuni beneficiano di questo sacrificio cioè gli eletti.

    L’affermazione giusta è la seconda ovvero che Cristo è morto per tutti ma solo alcuni beneficiano di questo sacrificio. Ringrazio il fratello Giuseppe e Marco per avermi corretto.

    Mi piace

  5. marco poli ha detto:

    …io non condanno nessuno perchè nn spetta a me farlo…non conosco ne il fr. zedde ne il fr. scalise..io mi sn soffermato solo sulle espressioni usate dai due…e certamente sn rimasto colpito spiacevolmente da quella più forte usata dal fr. angelo…ciò nn toglie che anche scalise si sia rivolto in maniera irrispettosa e pretestuosa nei suoi confronti…Amiamoci gli uni con gli altri e teniamo a freno la ns lingua…la pace sia con te!

    Mi piace

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...