L’inferno ti sta aspettando

Ascolta, o uomo o donna che vivi lontano da Dio, tu stai vivendo incurante di quello che ti avverrà quando esalerai l’anima tua, cioè quando morirai. Tu infatti non sai che quando finirai di respirare per te si aprirà la gola dell’inferno che è un luogo spaventevole e terribile situato nel cuore della terra, dove arde un fuoco non attizzato da mano di uomo e dove le anime di coloro che vi dimorano sono avvolte nelle fiamme di questo fuoco e gridano, piangono e stridono i loro denti del continuo a motivo dei fortissimi tormenti da loro provati in quel posto. Questo è quello che insegna la Parola di Dio in svariate maniere e che è stato confermato anche da alcuni a cui Dio ha permesso di vedere l’inferno.

Sei forse uno di quelli che mi dirà: ‘Ma che vai dicendo? Una volta morti, si è davvero morti. Con la morte finisce tutto’? Sappi che non è così, ti stai illudendo nel pensarlo. Tu hai un anima all’interno del tuo corpo che è immortale e che continuerà a vivere dopo la morte, appunto in questo terribile luogo.

Sei forse invece chi sostiene che dopo morti si va in un luogo di purificazione dove dopo avere scontato una certa pena per i propri peccati si potrà accedere al paradiso? Anche in questo caso ti stai illudendo. I propri peccati possono essere perdonati solo in questa vita, se si muore con essi non ci sarà più la possibilità di ottenerne la purificazione. C’è la condanna eterna.

Ma forse sei fra quelli che sostengono invece che una volta morti ci si va a reincarnare nel corpo di qualche animale o di un altro essere umano, per continuare a vivere ed espiare così le proprie colpe? Non c’è niente da fare, anche in questo caso ti stai illudendo. La reincarnazione è una menzogna.

Tu allora mi dirai: ‘Ma che male ho fatto perché devo andare in questo terribile luogo di punizione nell’aldilà?’ Il male lo hai fatto; la Parola di Dio dice infatti che tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, che non v’è alcun giusto, che tutti si sono sviati da Dio, che sotto le loro labbra c’è un veleno di aspidi, che i loro piedi sono veloci a spargere il sangue. La condanna quindi è anche sopra di te. Sei quindi tra i peccatori, tra coloro che sono perduti, e su cui dimora l’ira di Dio, di questo Dio che non conosci ma che esiste e che è fortemente indignato contro tutti coloro che prendono piacere nel fare il male. Dovessi morire in quest’istante, sappi che in questa condizione te ne andresti subito all’inferno, i tuoi peccati testimoniano la tua perversione, la tua ribellione a Dio il quale non può far altro che farti discendere nelle fiamme del fuoco.

Ma ascolta anche queste altre cose che voglio dirti. C’è la maniera per scampare a questa orribile fine, c’è una via di scampo a questa infame sorte che attende tutti i peccatori come te. L’unica maniera che hai per scampare alle fiamme dell’inferno è quella di ravvederti dei tuoi misfatti, e credere nel Signore Gesù Cristo che è il Figlio di Dio mandato in questo mondo da Dio appunto per salvare il mondo. Come? Morendo sulla croce per i nostri peccati e resuscitando per la nostra giustificazione. Devi sapere infatti che Gesù Cristo, dopo avere vissuto una vita immacolata e senza colpa, dopo avere fatto tanto bene ai suoi contemporanei, fu messo a morte, appeso al legno di una croce, quasi fosse stato uno dei tanti malfattori di quei giorni. Ma quelli che lo condannarono a morte ingiustamente e che lo trafissero sempre ingiustamente, ignoravano che quella morte era una morte propiziatoria che aveva decretato Dio per compiere la propiziazione dei nostri peccati. E così egli morì, e fu seppellito. Ma il terzo giorno Dio lo resuscitò e si fece vedere a coloro che egli aveva scelto come suoi testimoni.

Non è questa una buona notizia? Certo che lo è: perché soltanto mediante la fede in Gesù Cristo tu puoi ottenere la remissione dei tuoi misfatti, la cancellazione di tutti i debiti che hai contratto verso Dio. Non devi compiere opere buone, o compiere sacrifici, ha già compiuto ogni cosa Cristo Gesù versando il suo sangue, offrendo la sua vita anche per te.

Ti scongiuro ad accettare questa buona notizia, a farla tua, subito. Non indugiare, domani, ma che dico, tra pochi istanti, potrebbe essere troppo tardi. Perché come ti ho detto moriresti sotto l’ira di Dio e andresti immediatamente all’inferno senza potere più essere salvato per l’eternità. Adesso, quindi, umiliati davanti a Dio, confessagli i tuoi peccati e credi nel suo Figliuolo Gesù Cristo. All’istante ti sentirai lavato di tutti i tuoi peccati, ti sentirai una nuova persona perché nascerai di nuovo spiritualmente. E la tua vita sarà una vita completamente diversa da quella senza senso da te vissuta fino adesso al servizio del peccato. Una vita che come meta avrà al termine il paradiso celeste che è la dimora delle anime di coloro che muoiono perdonati, salvati da Cristo.

[Tratto da: lanuovavia.org]

4 commenti su “L’inferno ti sta aspettando

  1. alberto ha detto:

    credo in dio e nel suo figliolo ma a volte dubito perchè sono tanti i problemi che affliggono la mia vita e nella preghiera mi distraggo facilmente da non riuscire a concluderla

    Mi piace

    • Pace a te Alberto, sappi che chi nasce di nuovo non dubita. Anch’io avevo tante afflizione alle spalle quando il Signore mi convertì. Però non mi distraevano quando pregavo perché quando si nasce di nuovo cambia tutta la tua vita e la tua mente. Ti concentri su Dio perché è diventato il tuo tutto. E riesci ad affrontare le difficoltà perché Gesù vive dentro di te.

      Comunque un nato di nuovo può arrivare a dubitare SOLO quando si allontana da Dio. Io non ti conosco e non so se ti sei realmente convertito. Esaminati e vedi se sei realmente nato di nuovo, quindi adesso sei lontano, oppure hai aderito al Cristianesimo solo mentalmente, quindi devi immancabilmente nascere di nuovo.

      Se mi vuoi contattare privatamente questa è la mia e-mail: gian_michele_tinnirello@hotmail.com

      Dio ti benedica

      Vai in questo link

      [Audio Streaming] La nuova nascita
      http://illuminatobutindaro.org/2008/03/04/audio-streaming-la-nuova-nascita/

      Mi piace

  2. Romano De Simone ha detto:

    Egregio Gianmichele Tinnirello, io credo che per arrivare alla pace di Dio, bisogna vivere come un filo d’erba in un grande prato. Il filo d’erba occupa lo spazio necessario per lui, e vive la sua vita, lasciando agli altri fili d’erba il loro spazio vitale, senza appropriarsene lui. VIVI E LASCIA. VIVERE. Questo motto presuppone onestà, sincerità, modestia è rispetto per gli altri e per le leggi di Dio.

    Mi piace

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...