Angelo Maugeri. Credenti evangelici a Sanremo?

Sul sito internet di“evangelici.net” leggiamo:

“MILANO – Angelo Maugeri prova il grande salto della partecipazione a Sanremo Giovani 2012: l’artista, attivo nel settore della musica cristiana dal 2005, punta a cogliere l’occasione, offerta quest’anno da “Sanremo Social”, per accedere al Festival della canzone italiana in programma a febbraio nella località ligure, attraverso il voto su facebook del pubblico dei social network.

«Ho deciso di provarci – spiega Maugeri – perché la considero una grande opportunità per far conoscere la musica cristiana a un pubblico vasto come quello che propone il Festival italiano più significativo»

L’artista si presenta con un suo brano inedito, scritto a quattro mani con il produttore Marco Canigiula e promosso dall’etichetta discografica romana “Cantieri Sonori” con la quale ha prodotto il suo ultimo album “Aveva ragione”.

“Nel Suo nome”, questo il titolo del brano, riflette sullo straniamento provocato dalla tecnologia, uno «spazio utopico così affollato e privo di certezze», dove vivere un’identità virtuale tra «vuoti e sospensioni e false direzioni»; un circolo vizioso da cui è possibile uscire, rinascendo «nel suo nome e nella sua Parola».

Il brano può essere votato fino a domenica 8 gennaio collegandosi su facebook alla pagina “Sanremo Social”, e dal numero di voti ricevuti dipenderà la partecipazione alla finale sanremese, in cui Maugeri spera ma che non interpreta come una priorità: «sono già felice – conclude – per avere avuto l’opportunità di sperare in un palco prestigioso come quello dell’Ariston di Sanremo»..”  (da: http://www.evangelici.net/notizie/1325867448.html)

Ora, la notizia che un credente evangelico voglia esibirsi al festival della musica di Sanremo è di per sé già biasimevole solo per il semplice fatto che è risaputo che quel festival tratta un evento mondano dove chi partecipa lo fa cercando soprattutto successo e fama, cose che appartengono al mondo e che come credenti dobbiamo fuggire, secondo che sta scritto:

“Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l´amor del Padre non è in lui. Poiché tutto quello che è nel mondo: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita non è dal Padre, ma è dal mondo.” (1° Giovanni 2:15,16).

Ma Maugeri giustifica la partecipazione a questo evento mondano motivandolo così:“Una grande opportunità per far conoscere la Musica Cristiana ad un pubblico cosi vasto come quello che propone il Festival più importante Italiano più significativo”.

Purtroppo però non è la prima volta che un credente evangelico partecipa a Sanremo, infatti già nel 1999 il cantautore Albino Montisci e la sua band si esibirono col brano: “Le Tue Parole”.

Ecco il video di quella esibizione:

Poi ci fù il caso di un brano dell’autore cristiano e leader dei livingospel, Franco Muggeo, intitolato “fuoco e cenere” e cantato da Micaela Foti nell’edizione 2011 (qui il link dell’articolo di “evangelici.net”), di cui fece poi scandalo la notizia che fosse un plagio (vedi qui e qui per un approfondimento).

Ora, anche ammettendo che “far conoscere la musica cristiana ad un pubblico così vasto”,  fosse qualcosa di lodevole, si rende conto Maugeri che l’uditorio dell’teatro Ariston di Sanremo e perciò anche quello della diretta televisiva su scala nazionale e internazionale dove, se passerà le selezioni quindi parteciperà alla finale sanremese, a cui lui propone il suo brano sarà composto principalmente da inconvertiti e perciò peccatori perduti nei loro peccati? E quale messaggio sarà veicolato loro attraverso le parole della sua canzone? Un messaggio di ravvedimento forse?

Tutt’altro invece, poichè come vedremo più avanti alcune parole contenute del suo brano sono false ed ingannevoli, soprattutto poichè rivolte a dei peccatori ancora morti nei loro falli e nei loro peccati.

Inoltre da cosa si dovrebbe capire che il brano di Maugeri sia proprio “musica cristiana” ? Dalla melodia del brano? No di certo, visto che sostituendogli le parole nessuno distinguerebbe quella canzone da una moderna canzone del mondo.

Dovremmo perciò concludere che il brano di Maugeri sia riconoscibile come “musica cristiana” dalle parole contenute nel testo…

E quali sono le parole del testo che lui presenta in vista di Sanremo che fa sì che si riconosca che il suo brano sia “musica cristiana” ? Parole con passi tratti dalla Scrittura? Versetti biblici? Una lode a Dio?

Ascoltate voi stessi il brano e le parole d’esso, tenendo ben presente che(sempre se passa le selezioni) lui canterà con quel testo rivolto a milioni di non credenti che l’ascolteranno anche in diretta televisiva in italia ed all’estero:

Come avete ascoltato né il nome di Gesù e nemmeno il nome di Dio vengono mai menzionati in tutto il brano, perciò non è sufficente intitolare una canzone: “Nel suo nome”, per reputarla “cristiana”, dato che non si sa nemmeno quale sia, questo “nome”!

Ma poi c’è dell’altro, che non mi convince affatto che si possa reputare “musica cristiana” la sua canzone, dato che il brano ripete più volte una strofa ambigua di difficile interpretazione dove non avendo mai chiarito di chi o cosa stia parlando non si può comprendere chiaramente a chi o cosa si riferisce (Gesù? Dio? La Sua Parola?) la frase che dice: “Gli appartieni, ti appartiene già…”.

Ora io chiedo a Maugeri, ma ti stai rendendo conto del messaggio che recepiranno i peccatori che ti ascolteranno? E cosa significa quella strofa ambigua: Ti appartiene già…”? Non ti riferirai a Dio spero?

Dico ambigua poichè è vero che tutti gli uomini appartengono a Dio, poichè sta scritto:

“All´Eterno appartiene la terra e tutto ciò ch´è in essa, il mondo e i suoi abitanti.” (Salmo 24:1),

… ma non è assolutamente vero che Dio appartiene ai peccatori, poichè Iddio è Santo e tra Lui ed essi v’è un muro di separazione dovuto al peccato che può essere abolito solamente mediante la croce di Cristo e solo dopo il loro ravvedimento, secondo che è scritto:

“Poiché è lui ch´è la nostra pace; lui che dei due popoli ne ha fatto un solo ed ha abbattuto IL MURO DI SEPARAZIONE con l´abolire nella sua carne la causa dell´inimicizia, la legge fatta di comandamenti in forma di precetti, affin di creare in se stesso dei due un solo uomo nuovo, facendo la pace; ed affin di riconciliarli ambedue in un corpo unico con Dio, mediante la sua croce, sulla quale fece morire l´inimicizia loro.”(Efesini 2:14,16).

Tantomeno si può dire che Gesù oppure Dio appartengano ai salvati, dato che la Parola di Dio rivolgendosi ai credenti dice che siamo noi ad essere di Cristo, e Cristo ad essere di Dio, non il contrario:

“… ogni cosa è vostra: e Paolo, e Apollo, e Cefa, e il mondo, e la vita, e la morte, e le cose presenti, e le cose future, tutto è vostro; e voi siete di Cristo, e Cristo è di Dio. (1° Corinzi 3:21,23).

Capite bene perciò che tutti quei peccatori presenti all’ariston di sanremo ascoltando le parole della canzone di Maugeri: “nel suo nome”, sentir ripetere loro la strofa: “Gli appartieni, ti appartiene già… sarà indotta a credere al messaggio ingannevole che Gesù (oppure Dio) appartenga già anche a loro, e perciò non hanno alcuna necessità di ravvedersi e chiedere a Dio il perdono dei loro peccati, quando invece le cose non stanno affatto così…

Vedi infatti gli articoli:

Gesù Cristo non è l’amico dei peccatori

Alcune domande per chi dice: “Dio odia il peccato, ma NON IL PECCATORE”…

Dunque non si può affatto dire che il brano da lui presentato possa definirsi “musica cristiana”, dato che non loda e non glorifica Dio, il nome di Gesù non viene mai menzionato e non si sa perciò a chi si riferisca il “nome” con cui lui intitola il brano. E poi non un verso biblico, neppure un’esortazione al ravvedimento rivolto agli increduli e cosa ancor più grave seduce l’uditorio dei peccatori che lo ascolteranno inducendoli a pensare che il Signore appartenga perfino loro…

Credo perciò di avere elementi sufficenti per sospettare che quello di sanremo sia invece anche per lui solamente una vetrina per potersi far conoscere al mondo e dar sfoggio delle proprie abilità canore. Non certamente per “far conoscere la musica cristiana” oppure “evangelizzare” o per dar gloria a Dio.

Angelo Maugeri, ascolta perciò il mio invito fraterno, declina Sanremo.

Applicati invece ad usare il bel dono della tua voce che hai ricevuto da Dio, per vera musica e cantici cristiani che glorifichino veramente Dio, edifichino la Chiesa e inducano i peccatori al ravvedimento per la loro salvezza.

Nicola Iannazzo

[Tratto da: nicolaiannazzo.org]

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...