Non chiudete i vostri occhi davanti alle abominazioni!

“L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: ‘Dirai ai figliuoli d’Israele: Chiunque de’ figliuoli d’Israele o de’ forestieri che soggiornano in Israele darà de’ suoi figliuoli a Moloc, dovrà esser messo a morte; il popolo del paese lo lapiderà. E anch’io volgerò la mia faccia contro quell’uomo, e lo sterminerò di fra il suo popolo, perché avrà dato de’ suoi figliuoli a Moloc per contaminare il mio santuario e profanare il mio santo nome.E se il popolo del paese chiude gli occhi quando quell’uomo dà dei suoi figliuoli a Moloc, e non lo mette a morte, io volgerò la mia faccia contro quell’uomo e contro la sua famiglia, e sterminerò di fra il suo popolo lui con tutti quelli che si prostituiscono come lui, prostituendosi a Moloc.”(Lev 20:1-5)

In questo passaggio vediamo che il Signore volge la Sua faccia e stermina non solo quelli che praticano l’abominazione di offrire i propri figlioli a Moloc, ma anche quelli che chiudono i propri occhi e non mettono a morte quel tale come il Signore aveva comandato(Lev 20: 2b). Quindi colui che non toglie il malvagio di mezzo al popolo mettendolo a morte è colpevole quanto colui che ha compiuto l’abominazione, e pertanto è anche lui degno di morte. Il Signore voleva che tutto il popolo lapidasse e mettesse a morte coloro che compivano tali abominazioni.

Da questo passaggio impariamo un principio spirituale molto importante che è il seguente: chi chiude gli occhi vedendo ‘credenti’ che compiono abominazioni, che insegnano eresie, che operano scandali, che fanno biasimare la dottrina di DIO, che giacciono nel peccato e rimangono in esso, che si comportano in maniera disordinata, etc.. ; chi vedendo tali cose trattiene la propria bocca dal riprovare e si trattiene dall’emettere un giusto giudizio e togliere il malvagio di mezzo è colpevole davanti al Signore quanto coloro che fanno le cose dette sopra. Se un credente nato di nuovo vede dei ‘credenti’ che fanno le cose elencate sopra e non parla contro, non riprende, non corregge, e non esprime un giusto giudizio contro quel tale, si rende colpevole davanti al Signore. Chi trattiene “la propria spada dallo spargere il sangue” (cfr Geremia 48:10b), ovvero si trattiene dal riprovare, rigettare, denunciare, giudicare giustamente è maledetto, commette peccato ed è colpevole. Si, commette peccato perchè come DIO aveva comandato al popolo di Israele di lapidare coloro che commettevano abominazioni e di togliere il malvagio di mezzo al popolo; cosi oggi il Signore ci comanda di riprovare le opere infruttuose delle tenebre(cfr Ef 5:11) e di togliere il malvagio di mezzo a noi stessi(1 Co 5:13).

Perciò tutti i credenti hanno il dovere, come comandamento di riprovare le opere infruttuose delle tenebre, di riprendere, di ammonire e se costoro non si ravvedono di togliere il malvagio di mezzo a noi stessi.

Maledetto colui che vedendo i lupi sbranare le pecore del Signore trattiene la propria spada dallo spargere sangue.

Maledetto colui che vedendo i falsi ministri,i ministri di Satana,le eresie,i comportamenti sconvenienti e scandalosi, le opere delle tenebre, l’iniquità,le ingiustizie, il peccato trattiene la propria bocca dal riprovare o denunciare tali cose e coloro che le fanno.

Esorto chiunque legge a meditare, e se già osservate il comandamento del Signore e non trattenete la vostra spada, a continuare in questa battaglia perchè ciò è gradito al Signore. Se invece non osservate il comandamento, trattenendo la vostra spada dallo spargere il sangue, vi esorto a sguainarla dal fodero e cominciare a riprovare, giudicare giustamente ed ammonire facendo così ciò che è gradito nel cospetto di DIO. Siate buoni soldati di Gesù Cristo!

Se avete ripreso coloro che facevano le cose dette sopra ed essi si ravvedono e chiedono perdono con un cuore sincero davanti al Signore, perdonategli, accettatelo e mostrategli il vostro amore. Se non si vogliono ravvedere o togliete il malvagio di mezzo a voi stessi o vi ritirate da loro perchè questa è la volontà di DIO in Gesù Cristo.

“Maledetto colui che fa l’opera dell’Eterno fiaccamente, maledetto colui che trattiene la spada dallo spargere il sangue!”(Ger 48:10)

Haiaty Varotto

Un commento su “Non chiudete i vostri occhi davanti alle abominazioni!

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...