Antony Flew, filosofo ateo, diventa credente

Antony Flew sostenitore e propugnatore per decenni dell’ateismo filosofico, nel 2004 ha annunciato pubblicamente la rinuncia ad esso per accostarsi a posizioni filosofiche vicine al Deismo, rinuncia motivata da riflessioni sulla complessità della realtà biologica

Antony Flew sostenitore e propugnatore per decenni dell’ateismo filosofico, nel 2004 ha annunciato pubblicamente la rinuncia ad esso per accostarsi a posizioni filosofiche vicine al Deismo, rinuncia motivata da riflessioni sulla complessità della realtà biologica.
Ritenuto, dal biologo connazionale Richard Dawkins nel saggio The God Delusion, ormaj impacciato da decadenza senile, Flew rispose descrivendo i passi della sua evoluzione dall’ateismo proclamato al teismo convinto: egli aveva superata la fase marxista già al tempo de patto Molotov-Ribbentrop (1939), e sempre più le scoperte in campo biologico lo spingevano a riconsiderare l’osservazione di Charles Darwin che aveva scritto: “La ragione mi parla dell’impossibilità quasi di concepire l’universo e l’uomo come il risultato di un mero caso o di una cieca necessità. Questo mi costringe a ricorrere ad una Causa Prima dotata di intelligenza”. Tutto questo portava Flew a collimare con il pensiero Francis Collins, colui che completò la mappatura de genoma umano e autore de bestseller The Language of God. E confermò di non potere non riaffermare: “Credo che una intelligenza infinita ha creato l’universo le cui leggi manifestano ciò che alcuni scienziati hanno chiamato la “Mente di Dio”.
Antony Garrard Newton Flew (Londra, 11 febbraio 1923 — 8 aprile 2010) è stato un filosofo inglese.
Ha studiato alla Faith’s Preparatory School di Cambridge e alla Kingswood School di Bath. Durante la seconda guerra mondiale ha studiato il giapponese ed è stato intelligence officer dell’Aeronautica britannica.
Dopo la guerra, Flew ottenne un titolo in Literae Humaniores presso il St John’s College, di Oxford. È stato poi dottorando di Gilbert Ryle e uno degli esponenti più in vista del gruppo che si occupava di filosofia del linguaggio.
È stato Lecturer in Filosofia presso il Christ Church di Oxford dal 1949 tal 1950 e, in seguito, per quattro anni presso l’Univerità di Aberdeen, e per venti anni professore di Filosofia presso l’Università di Keele. Tra il 1973 e il 1983 è stato professore di Filosofia presso l’Università di Reading e, dopo il suo pensionamento, per alcuni anni tenne un incarico a metà tempo presso la York University di Toronto.
Nel campo della filosofia politica, Flew ha spostato tesi libertarie, scrivendo analisi molto critiche – in particolare – delle tesi di John Rawls (soprattutto in The Politics of Procrustes: contradictions of enforced equality del 1981).

Articoli correlati:

Link esterni:

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...