Peres da Francesco: “Facciamo l’Onu delle religioni”

peres-francesco-272x300

Peres dal Papa: “Facciamo l’Onu delle religioni” – Per l’ex presidente israeliano servirebbe a evitare i conflitti odierni.

04 settembre 2014

CITTA’ DEL VATICANO – “Creare un organismo che raggruppi le principali confessioni e agisca come forza di interposizione nei conflitti”. È la proposta che l’ex presidente israeliano Shimon Peres ha fatto al Papa, in un incontro durato 45 minuti. Francesco non ha personalmente assunto impegni particolari ma si è dimostrato interessato all’iniziativa. “In passato, la maggior parte delle guerre erano motivate dall’idea di nazione. Oggi, invece, le guerre vengono scatenate soprattutto con la scusa della religione. Servirebbe a stabilire a nome di tutte le fedi che sgozzare la gente, o compiere eccidi di massa, come vediamo fare in queste settimane, non ha nulla a vedere con la religione”, ha spiegato il premio Nobel. Per l’ex presidente di Israele la guida perfetta di questa organizzazione sarebbe lo stesso papa Francesco perchè “forse per la prima volta nella storia, il Santo padre è un leader rispettato anche dalle altre religioni e dai loro esponenti”.
Fonte: http://www.repubblica.it/esteri/2014/09/04/news/

La Massoneria continua ad operare per creare una religione universale. Questa notizia lo conferma pienamente. Leggete il libro ‘La Massoneria Smascherata’ di Giacinto Butindaro per capire cosa è e quali sono i principi e gli obbiettivi della Massoneria.

Articoli correlati:

Gandhi discepolo di Gesù Cristo?

gandhi-fotoCi sono sedicenti Cristiani che sostengono che il famoso politico e filosofo indiano Gandhi (1869-1948), «è stato un discepolo hindu di Gesù Cristo», ossia che egli «intese farsi discepolo di Cristo pur rimanendo nella propria fede»! Per cui secondo costoro è possibile seguire Gesù Cristo senza diventare Cristiani!!!

Questo conferma che tanti cosiddetti Cristiani non sanno cosa significhi diventare o essere discepoli di Cristo. Non hanno proprio capito nulla!
Nessuno di costoro vi inganni con parole seducenti: Gandhi si rifiutò di credere in Gesù Cristo (ossia che Gesù, l’Unigenito Figliuolo di Dio, morì per i nostri peccati e risuscitò il terzo giorno a cagione della nostra giustificazione) e diventare così un Suo discepolo. Egli disse infatti: «Era più di quello che potevo credere che Gesù era l’unico figlio di Dio incarnato, e che solo chi credeva in lui avrebbe avuto la vita eterna. Se Dio poteva avere figli, tutti noi eravamo Suoi figli. Se Gesù era come Dio, o Dio Stesso, allora tutti gli uomini erano come Dio e potevano essere Dio Stesso. La mia ragione non era pronta a credere letteralmente che Gesù tramite la sua morte e il suo sangue redense i peccati del mondo. Metaforicamente potrebbe esserci della verità in ciò. Inoltre, secondo il Cristianesimo solo gli esseri umani avevano un anima, e non altri esseri viventi per i quali la morte rappresentava la totale estinzione, mentre io sostenevo una credenza opposta. Potevo accettare Gesù come un martire, come una personificazione del sacrificio, e come un insegnante divino, ma non come l’uomo più perfetto mai nato. La Sua morte sulla Croce fu un grande esempio per il mondo, ma che c’era qualcosa come una virtù misteriosa o miracolosa in essa, il mio cuore non poteva accettarlo» Continua a leggere

Un professore massone – ex «maestro venerabile» – alla Facoltà Pentecostale di Scienze Religiose di Aversa

cristallo-rinaldi-napolitanoGiancarlo Rinaldi – che è un massone appartenente al Grande Oriente d’Italia – è uno dei docenti della Facoltà Pentecostale di Scienze religiose di Aversa (Caserta) (http://giacintobutindaro.org/2014/03/19/attenzione-un-massone-maestro-venerabile-tra-gli-evangelici-in-italia/).

La Facoltà Pentecostale di Scienze Religiose è allestita nei locali del movimento «Nuova Pentecoste», ed è gestita dalla Federazione delle Chiese Pentecostali, presieduta da Remo Cristallo (nella foto a sinistra). Preside della facoltà è Carmine Napolitano (nella foto a destra).

La presenza del Rinaldi tra i docenti di questa Facoltà è la dimostrazione che i massoni si sono intrusi anche in mezzo alle Chiese Pentecostali, e stanno diffondendo il loro pensiero diabolico in mezzo ai Pentecostali.

Fratelli, non iscrivetevi a nessuna scuola biblica o facoltà teologica. Sono tutte più o meno, direttamente o indirettamente, controllate e influenzate dalla Massoneria (con anche professori massoni al loro interno come nel caso della Facoltà Pentecostale di Aversa), che si usa di esse per distruggere il Cristianesimo e sostituirlo con quello finto che loro hanno deciso di creare in vista della religione universale che è l’obbiettivo della Massoneria e per il quale tutti i massoni combattono strenuamente, anche quelli che si definiscono Cristiani Evangelici ma che non sono altro che servi e figli del diavolo travestiti da Cristiani. Continua a leggere

Cattolici Romani e Protestanti: un atto ufficiale di riconciliazione nel 2017?

lutero-500-riformaCattolici e Protestanti starebbero preparando assieme qualcosa di molto importante per il 2017, per i cinquecento anni dallo scoppio della Riforma, che a quanto pare dovrebbe trattarsi di un atto di riconciliazione in vista della piena unità.

Sul sito dell’Osservatore Romano infatti in un articolo dal titolo ‘L’ecumenismo è sotto una buona stella’ leggiamo tra le altre cose quanto segue:

‘È auspicabile che nell’anno in cui commemoriamo il cinquantesimo anniversario della promulgazione del decreto sull’ecumenismo possano essere intrapresi coraggiosi passi ecumenici in entrambe le direzioni. Nella prospettiva di un superamento della divisione della Chiesa d’Occidente, si dovranno portare avanti in maniera più approfondita i preparativi per una commemorazione comune dei 500 anni della Riforma, prevista nel 2017, nello spirito del documento elaborato dalla Commissione luterana-cattolica per l’unità che s’intitola From Conflict to Communion e che si articola intorno a tre aspetti fondamentali: in primo luogo, la gratitudine e la gioia per il reciproco avvicinamento che, nella vita e nella fede, ha avuto luogo nel corso degli ultimi cinquant’anni; in secondo luogo, il rincrescimento e il pentimento per i fraintendimenti, il male e le ferite che cattolici e luterani hanno arrecato gli uni agli altri negli ultimi cinquecento anni; in terzo luogo, la speranza che la commemorazione comune della Riforma diventi un’opportunità per compiere ulteriori passi verso la piena unità’.

Fonte: http://www.osservatoreromano.va/it/news/lecumenismo-e-sotto-una-buona-stella#.U9kxK-bBCJQ

E sul sito della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia leggiamo quanto segue:

‘Roma (NEV), 9 ottobre 2013 – In queste ore si sta avviando alla conclusione la 5 giorni che a Zurigo (Svizzera) ha visto fianco a fianco più di 200 esponenti del protestantesimo europeo e mondiale intenti a tracciare un’agenda per il 2017, anno delle celebrazioni per il Cinquecentenario della Riforma. All’attenzione degli studiosi ed esponenti di varie chiese protestanti un fitto programma con temi quali la storia del protestantesimo, il significato della Riforma per le chiese e la società, le sfide attuali che coinvolgono le chiese evangeliche, la portata ecumenica del movimento protestante. E proprio di ecumenismo parla oggi pomeriggio il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, che a Zurigo interviene sul tema: “Prospettive ecumeniche del Giubileo della Riforma”.
Il Congresso, organizzato dalla Federazione delle chiese evangeliche in Svizzera (FCES) e dalla Chiesa evangelica in Germania (EKD), dopo il culto di apertura svoltosi domenica 6 ottobre nella Grossmünster, ha iniziato i suoi lavori con una prolusione tenuta dall’ex primate della comunione anglicana Rowan Williams sul tema: “L’eredità della Riforma”. Continua a leggere

La testimonianza di Andrea Farioli

2u7aqhk

QUELLA PAURA DI MORIRE

5 AGOSTO 2014

Andrea Farioli racconta brevemente la storia di come il Signore lo ha salvato, dopo averlo portato a conoscenza della verità tramite il libro “La Massoneria Smascherata”.

“Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.” (Matteo 24:35)

Mi chiamo Andrea Farioli, e questa è la testimonianza della mia conversione a Gesù Cristo, il Figlio di Dio.
Ero perso. Un uomo come tanti, senza alcun rispetto verso il Creatore. Non conoscevo chi fosse Iddio, e bestemmiavo il Suo santo nome in faccia al sole, quale povero illuso. Ora, al solo ricordo di quello che un tempo era il mio stile di vita, completamente dettato dal peccato, mi si raccapriccia l’animo, ma allora, di tutta la mia sozzura non ne scorgevo neppure l’ombra.

Tuttavia il Signore della grazia, nella Sua più infinita e inscrutabile misericordia, ebbe riguardo di me chiamandomi in un modo alquanto singolare. Di fatti in quel periodo, nonostante la mia condotta puramente mondana, stavo percorrendo il tratto più triste del mio cammino. Soffrivo di una forte depressione che aveva ormai raggiunto il culmine, la cui entità era diventata veramente grave, tanto da causarmi vari disturbi gastrointestinali e frequenti attacchi di panico che non riuscivo proprio a sedare, e che mi crucciavano fastidiosamente notte e dì. Stavo davvero male, piangevo e ridevo allo stesso momento. Questa malattia era alimentata per lo più da alcuni miei futili problemi privati e familiari, che mi alteravano parecchio, ma anche da un’altra questione sopraggiunta, che da quando la conobbi progredì solo a turbarmi maggiormente: la Massoneria. Si può benissimo dire che questa fu la goccia che fece traboccare il vaso. Continua a leggere

Francesco incontra la Chiesa Evangelica della Riconciliazione di Caserta

IPOCRITI, RAVVEDETEVI E CONVERTITEVI. Questo messaggio è rivolto sia a Francesco, che a Traettino e a tutti coloro che pensano, parlano e ragionano come Traettino. Chi ha orecchi da udire, oda. Giacinto Butindaro

trae-francesco

Bergoglio a Caserta in visita alla comunità evangelica: “Perdono per le leggi razziali” – Nuovo gesto di rottura di Francesco: “Tra quelli che hanno perseguitato e denunciato i pentecostali, quasi come fossero dei pazzi che rovinavano la razza, c’erano anche dei cattolici”

28 luglio 2014

Papa Francesco è atterrato per la seconda volta in pochi giorni all’eliporto della Reggia di Caserta presso la Scuola dell’Aeronautica, dopo la visita ufficiale di due giorni fa nel giorno della festa patronale di Sant’Anna. Bergoglio si è recato prima a casa del pastore (del quale è amico da anni, hanno partecipato insieme a incontri ecumenici in Argentina) per incontrare la sua famiglia. Da via Botticelli, Bergoglio e Traettino hanno viaggiato su una Focus blu, la stessa che Francesco utilizza abitualmente a Roma, per raggiungere via Feudo e incontrare la comunità pentecostale guidata dal pastore, la “Chiesa evangelica della Riconciliazione”, dove lo attendeva una piccola folla.
Il Papa aveva con sé una borsa nera da lavoro. Con la mano ha fatto un cenno di saluto ai fedeli che dai balconi dei palazzi circostanti lo hanno chiamato per poi entrare nell’edificio in costruzione accolto dall’applauso dei 350 evangelici presenti.
“Buon giorno a tutti, siamo felici di vedere papa Francesco tra noi e di applaudirlo, dobbiamo fare però un applauso ancora più forte a Gesù”, ha detto il pastore introducendo l’incontro tra Papa Francesco e i pentecostali, iniziato con la preghiera del Padre Nostro. Uno striscione con la scritta “Gesù è il Signore” è sulla parete di fondo dell’aula. Continua a leggere

L’invocazione dei santi è dal diavolo

devoto-statua-pioLa Chiesa Cattolica Romana insegna che i Cristiani si devono rivolgere in preghiera ai santi che sono in cielo (nella lista dei santi stilata dalla Chiesa papista però ce ne sono tanti che non sono in cielo perché erano dei peccatori che poi sono stati canonizzati santi dai papi) perché essi intercedono per loro presso Dio, infatti il concilio di Trento ha decretato quanto segue: ‘Il santo sinodo comanda a tutti i vescovi e a quelli che hanno l’ufficio e l’incarico di insegnare, che (…) prima di tutto istruiscano diligentemente i fedeli sull’intercessione dei santi, sulla loro invocazione (….) insegnando che i santi, regnando con Cristo, offrono a Dio le loro orazioni per gli uomini; che è cosa buona ed utile invocarli supplichevolmente e ricorrere alle loro orazioni, alla loro potenza e al loro aiuto, per impetrare da Dio i benefici, per mezzo del suo figlio Gesù Cristo, nostro Signore…’ (Concilio di Trento, Sess. XXV). E questo è quello che fanno i preti infatti insegnano ai cattolici: ‘Preghiamoli di intercedere per noi’.

Questo è un insegnamento falso in quanto la Scrittura ci ordina di pregare Dio Padre, e lo dobbiamo fare questo nel nome di Gesù Cristo, ossia appoggiandoci sulla sua mediazione perché lui è il solo mediatore tra Dio e noi secondo che è scritto: “V’è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo..” (1 Timoteo 2:5), e: “Quel che chiederete nel mio nome, lo farò” (Giovanni 14:13), ed anche: “In verità, in verità vi dico che quel che chiederete al Padre, Egli ve lo darà nel nome mio. Fino ad ora non avete chiesto nulla nel nome mio: chiedete e riceverete, affinché la vostra allegrezza sia completa” (Giovanni 16:23,24), ed ancora: “…affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia” (Giovanni 15:16). Quindi è contrario alla sana dottrina sia rivolgersi in preghiera ai santi che sono in cielo e sia pregare Dio appoggiandoci sulla loro mediazione. Continua a leggere

Kenneth Copeland, Jesse Duplantis, Rodney Howard-Browne e Benny Hinn e il simbolo satanico della mano con le corna

Il clip comincia con una breve introduzione fatta da un credente di lingua spagnola (il video integrale e originale è distribuito da http://www.cristianismo-primitivo.org/) che spiega come il simbolo della mano con le corna è uno dei simboli più usati dai satanisti. Molti cantanti rock usano o hanno usato questo simbolo, come Ozzy Osbourne, i Kiss, gli AC/DC, e i Beatles. Il significato di questo simbolo – secondo la bibbia satanica di Anton LaVey – è che il Padre e il Figliuolo e lo Spirito Santo sono soggetti al diavolo (chi conosce l’Inglese può leggere questo articolo corredato da molte foto a questa pagina ). A questo punto vengono mostrati quattro predicatori evangelici che sono molto famosi nel mondo, i cui nomi sono Kenneth Copeland, Jesse Duplantis, Benny Hinn e Rodney Howard-Browne. Notate attentamente la mano sinistra di Copeland, quella destra di Duplantis, quella destra di Browne, e le due mani di Benny Hinn. Ora, non possiamo dire con assoluta certezza che questo segno è da loro fatto consapevolmente, certo è però che esso viene fatto, e la cosa non può non fare rimanere disgustati e preoccupati.  In merito a Benny Hinn, viene fatta notare verso la fine del video una scena a dir poco inquietante: una donna sta testimoniando e ad un certo punto uno dei collaboratori di Benny Hinn fa il gesto della mano con le corna, ma Benny Hinn, accortosi, con la sua mano destra gli dà un lieve colpo alla mano per fargli smettere di fare quel gesto. Una coincidenza tutti questi segni satanici o qualcosa di premeditato? Non lo so, ma sapendo che questi personaggi camminano secondo le concupiscenze della carne, se si scoprisse che hanno a che fare con l’occulto la cosa non ci sorprenderebbe più di tanto, perché da gente del genere ci si può aspettare qualsiasi cosa. (fonte: http://www.lanuovavia.org/va_cid_segno_satanico.html)

Articoli correlati:

Luterani e Cattolici Romani: dal conflitto alla comunione

LWF-audience-with-pope-francisQUESTO E’ IL DISCORSO CHE FRANCESCO HA FATTO ALLA DELEGAZIONE DELLA FEDERAZIONE LUTERANA MONDIALE E AI RAPPRESENTANTI DELLA COMMISSIONE PER L’UNITÀ LUTERANO-CATTOLICA IL 21 OTTOBRE 2013.
Leggetelo attentamente perché mostra come ormai non manca molto al ritorno dei Luterani in seno alla Chiesa Cattolica Romana ai piedi del cosiddetto papa. ‘Certo, le difficoltà non mancano e non mancheranno’ – ha detto Francesco, ma si supereranno con la pazienza, il dialogo, e la comprensione reciproca; per cui i Cattolici Romani non sono spaventati! La pazienza, il dialogo, e la comprensione reciproca, sono le stesse armi che la Chiesa Cattolica Romana sta usando da decenni nei confronti di tante altre Chiese Evangeliche, comprese le Chiese Pentecostali, e stanno portando già parecchi frutti …. malvagi! Scappate da tutte quelle Chiese che in una maniera o nell’altra sono coinvolte nel dialogo ecumenico con la Chiesa Cattolica Romana: HANNO RIGETTATO LA PAROLA DI DIO E PORTANO QUINDI LE ANIME ALLA ROVINA!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

————————

Cari fratelli e sorelle luterani, e cari fratelli cattolici,

do volentieri il benvenuto a tutti voi, Delegazione della Federazione Luterana Mondiale e Rappresentanti della Commissione per l’Unità luterano-cattolica. Questo incontro fa seguito a quello, molto cordiale e gradito, che ho avuto con Lei, stimato Vescovo Younan, e con il Segretario della Federazione Luterana Mondiale, Reverendo Junge, in occasione della celebrazione di inizio del mio ministero come Vescovo di Roma. Continua a leggere

Il documento che attesta che l’Alleanza Evangelica Mondiale e la Chiesa Cattolica Romana si sono alleate

Launch of “Christian Witness in a Multi-Religious World: Recommendations for Conduct”L’Alleanza Evangelica Mondiale (di cui fa parte l’AEI) è molto ecumenica ed aperta al dialogo interreligioso, perchè sia l’ecumenismo che il dialogo interreligioso fanno parte dell’agenda della Massoneria, e l’Alleanza Evangelica Mondiale è nata in un tempio massonico.
A tale proposito faccio presente che il 28 Giugno 2011 presso il Centro Ecumenico di Ginevra (Svizzera), è stato presentato un documento dal titolo ‘Christian Witness in a Multi-Religious World: Recommendations for Conduct’, ossia ‘Testimonianza Cristiana in un mondo multi religioso: raccomandazioni per il comportamento’. Queste raccomandazioni sul comportamento rispettoso che devono tenere i missionari, gli evangelisti ed altri testimoni quando condividono la fede Cristiana sono state rilasciate dopo una serie di consultazioni durate cinque anni tra il Consiglio Mondiale delle Chiese (WCC), il Consiglio Pontificio per il Dialogo Interreligioso (PCID) della Chiesa Cattolica Romana e l’Alleanza Evangelica Mondiale (WEA). Geoff Tunnicliffe, il segretario generale dell’Alleanza Evangelica Mondiale, ha affermato: ‘Negli ultimi cinque anni noi stiamo costruendo un nuovo ponte’. ‘Il documento è un grande raggiungimento’, ha spiegato, in quanto esso rappresenta un accordo formale sull’ ‘essenza della missione Cristiana’, e nello stesso tempo dimostra che organismi cristiani diversi ‘sono capaci di lavorare assieme e parlare assieme’. In questo senso, dice lui, il rilascio di questo testo ‘è un momento storico’ nella ricerca dell’unità dei Cristiani. Il documento sulla testimonianza cristiana invita ad uno studio delle questioni della missione e del dialogo interreligioso, a costruire la fiducia e la cooperazione tra persone di tutte le religioni e la promozione della libertà religiosa dappertutto. I Cristiani sono incoraggiati a pregare per il benessere di tutti, a fortificare la loro identità religiosa e ad evitare di rappresentare erroneamente le credenze degli altri (notizie tratte da: http://www.oikoumene.org/).

Ecco il documento in italiano. Leggetelo attentamente perchè è la prova che l’Alleanza Evangelica Mondiale si è alleata con la Chiesa Cattolica Romana, e quindi è imperativo uscire dall’AEI. Continua a leggere