Perché noi Cristiani siamo contro il registro delle unioni civili

registro-comunale-unioni-civiliSul sito del comune di Roma leggiamo a proposito del Registro Municipale delle Unioni Civili: ‘Nel Registro vengono iscritte le forme di convivenza fra due persone, anche dello stesso sesso, legate reciprocamente da vincoli affettivi, economici, di mutua assistenza e di solidarietà, che non accedano volontariamente all’istituto giuridico del matrimonio e/o che siano impossibilitate a contrarlo’ (fonte: http://www.comune.roma.it/).

Come discepoli di Cristo Gesù dunque non possiamo che essere contrari a tale registro perché le convivenze eterosessuali e quelle omosessuali sono peccati agli occhi di Dio, in quanto le prime sono peccato di fornicazione e le seconde peccato di omosessualità, e sia i fornicatori che gli omosessuali non erediteranno il Regno di Dio (1 Corinzi 6:9). E questa è la ragione per cui esortiamo sia i fornicatori che gli omosessuali a ravvedersi e convertirsi dai loro peccati a Dio, e a fare opere degne di ravvedimento. Se dunque li esortiamo a ravvedersi e convertirsi, come possiamo essere d’accordo che essi commettano fornicazione, o commettano uomini con uomini cose turpi? Come possiamo dare la nostra approvazione a ‘unioni’ illecite agli occhi di Dio? Andremmo contro la Parola di Dio se lo facessimo.

Dunque esorto la fratellanza a schierarsi con franchezza CONTRO il registro delle unioni civili, in quanto la Parola di Dio ci comanda di riprendere le opere infruttuose delle tenebre (Efesini 5:11) e non di approvarle o appoggiarle!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

Le autorità superiori

Busto di Tiberio Giulio Cesare, Museo Archeologico di Venezia

La sottomissione alle autorità

È scritto: “Ogni persona sia sottoposta alle autorità superiori; perchè non v’è autorità se non da Dio; e le autorità che esistono, sono ordinate da Dio; talchè chi resiste all’autorità, si oppone all’ordine di Dio; e quelli che vi si oppongono, si attireranno addosso una pena…” (Rom. 13:1,2).

Fratelli, le autorità che esistono in questa nazione (come anche nelle altre) sono stabilite da Dio e noi ci dobbiamo sottoporre ad esse; non importa di quale corrente politica esse siano, noi dobbiamo onorarle e mostrarci leali e rispettosi nei loro confronti. Pietro scrisse: “Siate soggetti, per amore del Signore, ad ogni autorità creata dagli uomini…” (1 Piet. 2:13), ciò significa che chi ama il Signore si deve sottoporre alle autorità e non deve mostrarsi nè sleale e nè irriverente in verso di esse affinchè, il nome del Signore che lui ama, non venga biasimato. Paolo disse: “Rendete a tutti quel che dovete loro: il tributo a chi dovete il tributo; la gabella a chi la gabella; il timore a chi il timore; l’onore a chi l’onore” (Rom. 13:7); ogni autorità ordinata da Dio deve essere onorata e temuta, e per ciò che ci riguarda, noi, come cittadini di questa nazione, dobbiamo onorare il Presidente della Repubblica, i deputati e i senatori, i ministri del governo, le forze dell’ordine, quali Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, e poi i giudici, i magistrati, i sindaci, gli assessori e i consiglieri comunali e qualunque altra autorità ordinata da Dio. L’autorità comanda ai cittadini di pagare i tributi (cioè le tasse) e questi devono essere dati all’autorità, perchè è scritto di dare “il tributo a chi il tributo” (Rom. 13:7) e perchè il Signor Gesù ha detto: “Rendete dunque a Cesare quel ch’è di Cesare” (Luca. 20:25). Oltre al tributo, anche la gabella (che è il diritto che il Comune e lo Stato esigono per l’introduzione di certe merci nel loro territorio o per il consumo di esse) deve essere pagata all’autorità preposta a riscuoterla. Quando Gesù cominciò anch’egli ad insegnare, Israele era sotto la dominazione romana; l’imperatore era Tiberio Cesare, il governatore della Giudea era Ponzio Pilato, e il tetrarca della Galilea era Erode (quell’Erode che aveva sposato la moglie di Filippo suo fratello), ma Gesù (che era Giudeo quanto alla carne) non istigò mai le turbe a ribellarsi alle autorità, non vietò mai di pagare i tributi a Cesare (benchè sapesse che parte dei tributi sarebbero stati impiegati per il mantenimento dell’esercito romano), non capeggiò nessuna fazione politica contro le autorità romane che governavano allora, e quando si trovò di fronte a Ponzio Pilato e ad Erode non ardì ingiuriarli e non si mostrò neppure irriverente in verso loro, ma mostrò loro il dovuto rispetto; Gesù Cristo ci ha lasciato l’esempio in ogni cosa onde seguiamo le sue orme, quindi faremo bene a stare soggetti alle autorità, a onorarle ed a pregare per loro affinchè Dio le salvi, le aiuti a governare con giustizia e le protegga, “affinchè possiamo menare una vita tranquilla e quieta, in ogni pietà e onestà” (1 Tim. 2:2). Continua a leggere

Le superlogge (o Ur-Lodges)

superlogge-magaldiDice il massone Gioele Magaldi, «gran maestro» del Grande Oriente Democratico:

«Le superlogge sono ‘i cenacoli massonici protagonisti della storia contemporanea’, cioè ‘gruppi e soggetti a orientamento e vocazione strutturalmente sovranazionale e cosmopolita’ che hanno ‘abbondantemente surclassato l’influenza ormai modesta della massoneria ordinaria’ ….. nascono costitutivamente su base cosmopolita e vocazione identitaria e operativa sovranazionale. Queste superlogge, da quando sono nate, hanno affiliato sempre e soltanto i più eminenti e ragguardevoli membri della massoneria ordinaria, che si sono trovati così nella preziosa condizione di muoversi con disinvoltura in entrambi gli ambienti e di disporre dei migliori strumenti dell’uno e dell’altro circuito per conseguire le loro finalità. Aggiungiamoci l’iniziazione ex novo di donne e uomini profani ma di particolare prestigio politico, economico-finanziario, mediatico, ecclesiale, intellettuale, artistico, eccetera, alla sola condizione che in costoro si manifestassero i segni indubitabili di un desiderio autentico di perfezionamento sapienziale ed esoterico’ … Ci sono Ur-Lodges conservatrici – la ‘Edmund Burke’, la ‘Joseph de Maistre’, la ‘Compass Star-Rose’ e la ‘Pan-Europa’, la ‘Three Eyes’, la ‘White Eagle’, tanto per citarne alcune – e altre progressiste, a cominciare proprio dalla ‘Thomas Paine’, e proseguendo con la ‘Montesquieu’, la ‘Christopher Columbus’, la ‘Ioannes’, la ‘Hiram Rhodes Revels’ e la Ghedullah’. Tutte a vocazione internazionale, come internazionale è il loro campo di intervento nel mondo» (Gioele Magaldi, «Massoni. Società a responsabilità illimitata. La scoperta delle Ur-Lodges», Chiarelettere, Novembre 2014, pag. 22-23). Le superlogge sono «entità massoniche extraordinarie effettivamente segrete nelle proprie procedure, nei propri giuramenti e nelle proprie affiliazioni» (Ibid., pag. 187). Continua a leggere

La volontà dell’uomo e quella di Dio

img“E Giuseppe disse ai suoi fratelli: ‘Deh, avvicinatevi a me!’ Quelli s’avvicinarono, ed egli disse: ‘Io son Giuseppe, vostro fratello, che voi vendeste perché fosse menato in Egitto.” (Genesi 45:4)

“Ma Dio mi ha mandato dinanzi a voi, perché sia conservato di voi un resto sulla terra, e per salvarvi la vita con una grande liberazione. Non siete dunque voi che m’avete mandato qua, ma è Dio; egli m’ha stabilito come padre di Faraone, signore di tutta la sua casa, e governatore di tutto il paese d’Egitto.” (Genesi 45:7, 8)

Giuseppe, figlio di Giacobbe, fu venduto dai suoi fratelli a dei madianiti per invidia. Furono loro a decidere la vendita del proprio fratello con il loro ‘libero arbitrio’. I Madiani vendettero Giuseppe come schiavo in Egitto ad un certo Potifar. Poi venne incarcerato ingiustamente a causa delle false accuse della moglie di Potifar. E dopo due anni di prigionia divenne governatore di tutto l’Egitto. Era secondo solo a Faraone. Giuseppe, sicuramente, guardando la sua vita, capì che era stato Dio ha mandarlo in Egitto. Riconobbe che Dio porta sempre a compimento il suo piano. E lo fa mettendo in cuore alle persone il suo disegno affinché quella cosa che Dio aveva decretata avvenga.

Passarono molti anni, quasi 15, tra la vendita di Giuseppe e l’incontro con i suoi fratelli. Tutto fu guidato da Dio. Dio agisce in questo modo. Sembra che tutto non sia sotto il suo controllo. Poi, dopo molti anni, il credente riconosce che l’Eterno ha diretto i suoi passi. Infatti la sapienza dice: “Il cuor dell’uomo medita la sua via, ma l’Eterno dirige i suoi passi” (Proverbi 16:9). Ecco perché Gesù disse che senza il volere di Dio non cade nemmeno un passero a terra (cfr. Matteo 10:29). Dinanzi a tale verità, il cuore del credente è fidente in Dio e non si preoccupa del domani.

Gian Michele Tinnirello

Lo vedi anche tu come lo vedo io?

Man-under-tree-300x199Il proponimento dell’elezione di Dio lo si vede chiaramente non solo nella Bibbia, ma anche nella propria vita. Se ognuno di noi infatti va a ritroso con la sua mente vedrà che Dio ha guidato i suoi passi in maniera perfetta e mirabile per portarlo a Cristo, quando lui ancora camminava nelle tenebre senza sapere dove andava. Io quando scoprii nella Bibbia il proponimento dell’elezione di Dio, mi misi a fare questo, e non solo, mi feci raccontare dai miei genitori ed anche da mia nonna (la madre di mio papà), cose che riguardavano la loro vita prima che essi si convertissero e quindi di un tempo precedente al mio concepimento. E mettendo assieme il tutto sono arrivato a questa conclusione, e cioè che “non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia” (Romani 9:16) in quanto Dio ha detto a Mosè: “Farò grazia a chi vorrò far grazia, e avrò pietà di chi vorrò aver pietà” (Esodo 33:19). Per quanto mi riguarda quindi posso anzi devo dire che sono salvato perché Dio ha voluto salvarmi nella Sua grande misericordia, in quanto mi ha eletto a salvezza fin dal principio. A Lui quindi voglio dare la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

«Pastore» costringe le donne ad abortire e gli uomini a sottoporsi a vasectomia

angleyErnest W. Angley (nella foto), «pastore» di una Chiesa Evangelica nello stato dell’Ohio (USA), che si definisce profeta, è accusato da ex membri della Chiesa di essere omosessuale, e di costringere le donne ad abortire, e gli uomini a sottoporsi a vasectomia per non avere figli, in quanto «lui non vuole che le persone abbiano dei figli perché essi sottrarrebbero il loro tempo e il loro denaro [alla Chiesa]» (He doesn’t want people to have kids because it would take their time and money away from [the church]). Le testimonianze di questi ex membri sono veramente inquietanti e sconcertanti. Come ha detto uno di questi ex membri ‘Questo uomo è un mostro’ (“This man is a monster”), che esercita un potente lavaggio del cervello e un controllo mentale sui membri.http://www.ohio.com/news/local/ernest-angley-s-grace-cathedral-rocked-by-accusations-involving-abortions-and-vasectomies-1.531094?utm_medium=twitter&utm_source=twitterfeed&localLinksEnabled=false#.VDqOVe-we8U.twitterhttp://www.rawstory.com/rs/2014/10/ohio-pastor-forced-vasectomies-abortions-because-kids-divert-money-away-from-church-report/

Fratelli, ci sono sedicenti pastori come costui che sono degli uomini malvagi che odiano il Signore e il Suo popolo e le loro parole e opere lo testimoniano chiaramente. Se fate parte di una di queste Chiese condotte da uno di questi ‘mostri’, uscite e separatevi da essa immediatamente.

Spero che questo ulteriore scandalo vi mostri come dovete sempre esaminare quello che dice il vostro pastore mediante le Sacre Scritture, ed essere pronti a dire NO alle sue menzogne.

“Perché molti camminano (ve l’ho detto spesso e ve lo dico anche ora piangendo), da nemici della croce di Cristo; la fine de’ quali è la perdizione, il cui dio è il ventre, e la cui gloria è in quel che torna a loro vergogna; gente che ha l’animo alle cose della terra” (Filippesi 3:18-19).

“Or io v’esorto, fratelli, tenete d’occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l’insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro. Poiché quei tali non servono al nostro Signor Gesù Cristo, ma al proprio ventre; e con dolce e lusinghiero parlare seducono il cuore de’ semplici” (Romani 16:17-18)

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/

Il Guardian denuncia le falsità contenute nel libro ‘Domare la tigre’

Tony AnthonyIl Guardian (famoso quotidiano britannico) ha pubblicato il 28 luglio scorso un articolo – vedi sotto – in merito al libro di Tony Anthony “Domare la Tigre” denunciando la la storia falsa raccontata dall’autore. E in Italia invece le librerie evangeliche continuano a vendere questo libro come se niente fosse accaduto. Vergognatevi, ipocriti. Ma il Giudice è alla porta, e a suo tempo fa giustizia ad ognuno. Continua a leggere

Tony Anthony espulso dalla Chiesa Evangelica Battista di cui era membro

Fratelli nel Signore, questo è il comunicato con cui la Chiesa Battista (la Leigh Road Baptist Church) di cui erano membri Tony Anthony e sua moglie, ha fatto sapere di averli espulsi dopo avere riconosciuto la fondatezza delle accuse di falsità mosse a Tony Anthony dalla commissione di inchiesta indipendente in merito al suo libro ‘Domare la tigre’.

comunicato-battisti-tony

Fonte: http://www.lrbc.org.uk/news/2013/09/24/leigh-road-baptist-church-statement-regarding-tony-anthony/

Come è scritto nel comunicato: ‘La direzione della LRBC e l’insieme dei membri di Chiesa hanno accettato le note scoperte dell’indagine e conseguentemente la LRBC non può più appoggiare in alcuna maniera alcun ministerio di Tony Anthony’ (The LRBC leadership and church membership have accepted the known findings of the enquiry and consequently LRBC can no longer support in any way any ministry of Tony Anthony). Continua a leggere

Le decisioni dell’assemblea di Gerusalemme

Nel libro degli Atti degli apostoli è scritto quanto segue: “Or alcuni, discesi dalla Giudea, insegnavano ai fratelli: Se voi non siete circoncisi secondo il rito di Mosè, non potete esser salvati. Ed essendo nata una non piccola dissensione e controversia fra Paolo e Barnaba, e costoro, fu deciso che Paolo, Barnaba e alcuni altri dei fratelli salissero a Gerusalemme agli apostoli ed anziani per trattar questa questione. Essi dunque, accompagnati per un tratto dalla chiesa, traversarono la Fenicia e la Samaria, raccontando la conversione dei Gentili; e cagionavano grande allegrezza a tutti i fratelli. Poi, giunti a Gerusalemme, furono accolti dalla chiesa, dagli apostoli e dagli anziani, e riferirono quanto grandi cose Dio avea fatte con loro. Ma alcuni della setta de’ Farisei che aveano creduto, si levarono dicendo: Bisogna circoncidere i Gentili, e comandar loro d’osservare la legge di Mosè. Allora gli apostoli e gli anziani si raunarono per esaminar la questione. Ed essendone nata una gran discussione, Pietro si levò in piè, e disse loro: Fratelli, voi sapete che fin dai primi giorni Iddio scelse fra voi me, affinché dalla bocca mia i Gentili udissero la parola del Vangelo e credessero. E Dio, conoscitore dei cuori, rese loro testimonianza, dando lo Spirito Santo a loro, come a noi; e non fece alcuna differenza fra noi e loro, purificando i cuori loro mediante la fede. Perché dunque tentate adesso Iddio mettendo sul collo de’ discepoli un giogo che né i padri nostri né noi abbiam potuto portare? Anzi, noi crediamo d’esser salvati per la grazia del Signor Gesù, nello stesso modo che loro. E tutta la moltitudine si tacque; e stavano ad ascoltar Barnaba e Paolo che narravano quali segni e prodigi Iddio aveva fatto per mezzo di loro fra i Gentili. E quando si furon taciuti, Giacomo prese a dire: Fratelli, ascoltatemi. Simone ha narrato come Dio ha primieramente visitato i Gentili, per trarre da questi un popolo per il suo nome. E con ciò s’accordano le parole de’ profeti, siccome è scritto: Dopo queste cose io tornerò e edificherò di nuovo la tenda di Davide, che è caduta; e restaurerò le sue ruine, e la rimetterò in piè, affinché il rimanente degli uomini e tutti i Gentili sui quali e invocato il mio nome, cerchino il Signore, dice il Signore che fa queste cose, le quali a lui son note ab eterno. Per la qual cosa io giudico che non si dia molestia a quelli dei Gentili che si convertono a Dio; ma che si scriva loro di astenersi dalle cose contaminate nei sacrifici agl’idoli, dalla fornicazione, dalle cose soffocate, e dal sangue. Poiché Mosè fin dalle antiche generazioni ha chi lo predica in ogni città, essendo letto nelle sinagoghe ogni sabato. Allora parve bene agli apostoli e agli anziani con tutta la chiesa, di mandare ad Antiochia con Paolo e Barnaba, certi uomini scelti fra loro, cioè: Giuda, soprannominato Barsabba, e Sila, uomini autorevoli tra i fratelli; e scrissero così per loro mezzo: Gli apostoli e i fratelli anziani, ai fratelli di fra i Gentili che sono in Antiochia, in Siria ed in Cilicia, salute. Poiché abbiamo inteso che alcuni, partiti di fra noi, vi hanno turbato coi loro discorsi, sconvolgendo le anime vostre, benché non avessimo dato loro mandato di sorta, è parso bene a noi, riuniti di comune accordo, di scegliere degli uomini e di mandarveli assieme ai nostri cari Barnaba e Paolo, i quali hanno esposto la propria vita per il nome del Signor nostro Gesù Cristo. Vi abbiam dunque mandato Giuda e Sila; anch’essi vi diranno a voce le medesime cose. Poiché è parso bene allo Spirito Santo ed a noi di non imporvi altro peso all’infuori di queste cose, che sono necessarie; cioè: che v’asteniate dalle cose sacrificate agl’idoli, dal sangue, dalle cose soffocate, e dalla fornicazione; dalle quali cose ben farete a guardarvi. State sani. Essi dunque, dopo essere stati accomiatati, scesero ad Antiochia; e radunata la moltitudine, consegnarono la lettera. E quando i fratelli l’ebbero letta, si rallegrarono della consolazione che recava. E Giuda e Sila, anch’essi, essendo profeti, con molte parole li esortarono e li confermarono” (Atti 15:1-32). Continua a leggere

Contro lo Yoga

YogaIl significato di questa parola sanscrita è ‘unione’ e indica una vasta gamma di pratiche orientali che hanno come scopo quello di unire il praticante yogi con la Realtà ultima, con l’Assoluto che nell’Induismo porta il nome di Brahman. Nel libro Aforismi yoga di Patanjali troviamo scritta questa definizione sullo yoga: ‘E’ una parola usata per intendere un metodo di unione spirituale. Lo yoga è un metodo – uno dei tanti – con cui un individuo può unirsi con la divinità, la Realtà che sta alla base dell’universo apparente ed effimero. Raggiungere una tale unione significa raggiungere lo stato dello yoga perfetto’ (Aforismi yoga di Patanjali, a cura di Swami Prabhavananda e Christopher Isherwood, Roma 1984, pag. 11). Prima di passare a descrivere i diversi tipi di yoga, vogliamo parlare dello yoga, facendo riferimento al libro appena citato; e questo per capire meglio in che cosa esso consiste, perché spesso molti ne parlano o ne sentono parlare senza saper in effetti che cosa esso è realmente. Lo yoga si compone di otto parti, diverse regole e pratiche, che hanno come scopo quello di liberare la mente dell’uomo dalle sue impurità che costituiscono gli ostacoli che gli impediscono di realizzare e di conoscere l’Atman che sta al suo interno. Ora, questo Atman, per l’Induismo, è ‘il Dio all’interno delle creature’ (ibid., pag. 12); che non è altro che ciò che viene chiamato anche Brahman (l’Atman universale che pervade l’universo) perché ‘l’Atman e il Brahman sono una cosa’ (ibid., pag. 24). Quindi quando si sente parlare dello yoga (non importa di che tipo) si deve sempre tenere presente che alla sua base c’è questa dottrina; e cioè che all’interno dell’uomo esiste la divinità e per realizzarla occorre che la sua mente sia purificata (o liberata) da tutte quelle impurità che ostacolano questa realizzazione. E lo yoga è il mezzo che l’uomo possiede per liberarsi da queste sue impurità e realizzare così l’Atman, in altre parole per realizzare di essere Brahman (che viene falsamente chiamato Dio). Inoltre va detto che lo yoga è strettamente collegato alla reincarnazione perché costituirebbe il mezzo tramite cui l’uomo otterrebbe la liberazione dal ciclo delle reincarnazioni. Liberazione che avverrebbe quando lui si congiunge con Brahman. Che poi l’enfasi in uno yoga sia messa sulla meditazione, in un altro sulla devozione, in un altro sulla conoscenza, e in un altro ancora sulle azioni, ha un’importanza relativa, perché in definitiva ogni yoga ha gli stessi obbiettivi. Veniamo dunque alle otto parti sopra menzionate; esse sono: le varie forme di astensione dal male (yama), le varie osservanze (niyama), posizioni (asana), controllo del prana (pranayama), ritiro della mente dagli oggetti dei sensi (pratyahara), concentrazione (dharana), meditazione (dhyana), assorbimento nell’Atman (samadhi).

aforismi yoga di patanjali

Foto: Swami Prabhavananda e Christopher Isherwood

Lo yama è l’astenersi dal danneggiare gli altri, dalla falsità, dal furto, dall’incontinenza e dall’avidità.

I niyama (osservanze) sono: purezza, appagamento, austerità, studio e devozione a Dio. Vogliamo soffermarci brevemente su queste ultime tre. Per quanto riguarda il risultato dell’austerità ‘sono rimosse le impurità. Quindi, il corpo e gli organi dei sensi acquisiscono poteri speciali’ (ibid., pag. 107) quali chiaroveggenza, telepatia, levitazione ed altri che poi vedremo meglio. Per quanto riguarda lo studio, che oltre allo studio degli scritti considerati sacri dagli indù comprende la ripetizione del mantra (una formula ‘sacra’ che il guru affida al suo discepolo al momento della sua iniziazione), per mezzo di esso ‘si ottiene la visione di quell’aspetto di Dio scelto per l’adorazione’ (ibid., pag. 107). Per quanto riguarda la devozione, per mezzo di essa ‘si raggiunge il samadhi’ (ibid., pag. 108). Queste due osservanze sono molto enfatizzate nel bhakti yoga.

Le asana sono delle posizioni che occorre fare assumere al corpo; tra di esse la più famosa è quella del loto, in cui lo yogi siede con le gambe incrociate e con i piedi che appoggiano sulle cosce. Esse servono ad assumere la padronanza del corpo, a fare dimenticare il proprio corpo, e a fare pensare più chiaramente.

Il pranayama è il controllo del respiro che occorre praticare nella posizione assunta; esso consiste nell’arrestare i movimenti di ispirazione ed espirazione. ‘L’obbiettivo del pranayama è di svegliare la kundalini e controllare il prana, l’energia vitale’ (ibid., pag. 117). A questo punto è necessario spiegare che cosa è la kundalini e dire qualcosa sul prana. La kundalini è una grande riserva di energia che starebbe al fondo della spina dorsale; e viene rappresentata da un serpente attorcigliato (per questo viene chiamata ‘il potere del serpente’). Quando questa kundalini si risveglia viene detto che passa nella spina dorsale attraverso i sei centri della coscienza raggiungendo il settimo che si troverebbe al centro del cervello. Questi centri sono chiamati chakras. Quando il settimo centro è raggiunto allora si verifica l’illuminazione, si ottiene il samadhi, si diventa conoscitori del Brahman e ci si unisce con lui. L’autore del libro afferma anche che ‘il potere tremendo della kundalini non è cosa con cui scherzare’ (ibid., pag. 118), e mette in guardia dal mettersi a praticare esercizi avanzati di pranayama senza la supervisione costante di un maestro esperto, e dal praticarli in ogni circostanza finché non si conduca una vita assolutamente casta e dedicata interamente alla ricerca di Dio ‘altrimenti essi possono portare facilmente a disturbi mentali del tipo più pericoloso’ (ibid., pag. 117-118). Questo cosiddetto risveglio della kundalini, come hanno affermato i coniugi Grof che sono esponenti del New Age, ‘può essere accompagnato da manifestazioni fisiche e psichiche drammatiche, denominate kriyas’ Queste manifestazioni possono determinare ‘sensazioni potenti di calore e di energia che risale la spina dorsale e che si associa con tremori, spasmi, tremiti convulsi, e movimenti di estrema contorsione’ (Christina and Stanislav Grof, ‘Spiritual Emergency: The Understanding and Treatment of Transpersonal Crisis’ Revision 8 No. 2 Winter/Spring 1986, pag. 9). Per quanto riguarda l’importanza data al controllo del respiro, ossia del prana, occorre dire che esso si fonda sul concetto che prana significa energia vitale di cui viviamo e che ‘tutti i poteri del corpo e tutte le funzioni della mente e dei sensi sono considerati espressioni della forza del prana’ (Aforismi yoga di Patanjali, pag. 113). Quindi il controllo del respiro servirebbe allo yogi per controllare tutte le funzioni del corpo e della mente. Va detto che lo hatha yoga si fonda sull’asana e sul pranayama. Continua a leggere