Kenneth Copeland, Jesse Duplantis, Rodney Howard-Browne e Benny Hinn e il simbolo satanico della mano con le corna

Il clip comincia con una breve introduzione fatta da un credente di lingua spagnola (il video integrale e originale è distribuito da http://www.cristianismo-primitivo.org/) che spiega come il simbolo della mano con le corna è uno dei simboli più usati dai satanisti. Molti cantanti rock usano o hanno usato questo simbolo, come Ozzy Osbourne, i Kiss, gli AC/DC, e i Beatles. Il significato di questo simbolo – secondo la bibbia satanica di Anton LaVey – è che il Padre e il Figliuolo e lo Spirito Santo sono soggetti al diavolo (chi conosce l’Inglese può leggere questo articolo corredato da molte foto a questa pagina ). A questo punto vengono mostrati quattro predicatori evangelici che sono molto famosi nel mondo, i cui nomi sono Kenneth Copeland, Jesse Duplantis, Benny Hinn e Rodney Howard-Browne. Notate attentamente la mano sinistra di Copeland, quella destra di Duplantis, quella destra di Browne, e le due mani di Benny Hinn. Ora, non possiamo dire con assoluta certezza che questo segno è da loro fatto consapevolmente, certo è però che esso viene fatto, e la cosa non può non fare rimanere disgustati e preoccupati.  In merito a Benny Hinn, viene fatta notare verso la fine del video una scena a dir poco inquietante: una donna sta testimoniando e ad un certo punto uno dei collaboratori di Benny Hinn fa il gesto della mano con le corna, ma Benny Hinn, accortosi, con la sua mano destra gli dà un lieve colpo alla mano per fargli smettere di fare quel gesto. Una coincidenza tutti questi segni satanici o qualcosa di premeditato? Non lo so, ma sapendo che questi personaggi camminano secondo le concupiscenze della carne, se si scoprisse che hanno a che fare con l’occulto la cosa non ci sorprenderebbe più di tanto, perché da gente del genere ci si può aspettare qualsiasi cosa. (fonte: http://www.lanuovavia.org/va_cid_segno_satanico.html)

Articoli correlati:

Luterani e Cattolici Romani: dal conflitto alla comunione

LWF-audience-with-pope-francisQUESTO E’ IL DISCORSO CHE FRANCESCO HA FATTO ALLA DELEGAZIONE DELLA FEDERAZIONE LUTERANA MONDIALE E AI RAPPRESENTANTI DELLA COMMISSIONE PER L’UNITÀ LUTERANO-CATTOLICA IL 21 OTTOBRE 2013.
Leggetelo attentamente perché mostra come ormai non manca molto al ritorno dei Luterani in seno alla Chiesa Cattolica Romana ai piedi del cosiddetto papa. ‘Certo, le difficoltà non mancano e non mancheranno’ – ha detto Francesco, ma si supereranno con la pazienza, il dialogo, e la comprensione reciproca; per cui i Cattolici Romani non sono spaventati! La pazienza, il dialogo, e la comprensione reciproca, sono le stesse armi che la Chiesa Cattolica Romana sta usando da decenni nei confronti di tante altre Chiese Evangeliche, comprese le Chiese Pentecostali, e stanno portando già parecchi frutti …. malvagi! Scappate da tutte quelle Chiese che in una maniera o nell’altra sono coinvolte nel dialogo ecumenico con la Chiesa Cattolica Romana: HANNO RIGETTATO LA PAROLA DI DIO E PORTANO QUINDI LE ANIME ALLA ROVINA!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

————————

Cari fratelli e sorelle luterani, e cari fratelli cattolici,

do volentieri il benvenuto a tutti voi, Delegazione della Federazione Luterana Mondiale e Rappresentanti della Commissione per l’Unità luterano-cattolica. Questo incontro fa seguito a quello, molto cordiale e gradito, che ho avuto con Lei, stimato Vescovo Younan, e con il Segretario della Federazione Luterana Mondiale, Reverendo Junge, in occasione della celebrazione di inizio del mio ministero come Vescovo di Roma. Continua a leggere

Il documento che attesta che l’Alleanza Evangelica Mondiale e la Chiesa Cattolica Romana si sono alleate

Launch of “Christian Witness in a Multi-Religious World: Recommendations for Conduct”L’Alleanza Evangelica Mondiale (di cui fa parte l’AEI) è molto ecumenica ed aperta al dialogo interreligioso, perchè sia l’ecumenismo che il dialogo interreligioso fanno parte dell’agenda della Massoneria, e l’Alleanza Evangelica Mondiale è nata in un tempio massonico.
A tale proposito faccio presente che il 28 Giugno 2011 presso il Centro Ecumenico di Ginevra (Svizzera), è stato presentato un documento dal titolo ‘Christian Witness in a Multi-Religious World: Recommendations for Conduct’, ossia ‘Testimonianza Cristiana in un mondo multi religioso: raccomandazioni per il comportamento’. Queste raccomandazioni sul comportamento rispettoso che devono tenere i missionari, gli evangelisti ed altri testimoni quando condividono la fede Cristiana sono state rilasciate dopo una serie di consultazioni durate cinque anni tra il Consiglio Mondiale delle Chiese (WCC), il Consiglio Pontificio per il Dialogo Interreligioso (PCID) della Chiesa Cattolica Romana e l’Alleanza Evangelica Mondiale (WEA). Geoff Tunnicliffe, il segretario generale dell’Alleanza Evangelica Mondiale, ha affermato: ‘Negli ultimi cinque anni noi stiamo costruendo un nuovo ponte’. ‘Il documento è un grande raggiungimento’, ha spiegato, in quanto esso rappresenta un accordo formale sull’ ‘essenza della missione Cristiana’, e nello stesso tempo dimostra che organismi cristiani diversi ‘sono capaci di lavorare assieme e parlare assieme’. In questo senso, dice lui, il rilascio di questo testo ‘è un momento storico’ nella ricerca dell’unità dei Cristiani. Il documento sulla testimonianza cristiana invita ad uno studio delle questioni della missione e del dialogo interreligioso, a costruire la fiducia e la cooperazione tra persone di tutte le religioni e la promozione della libertà religiosa dappertutto. I Cristiani sono incoraggiati a pregare per il benessere di tutti, a fortificare la loro identità religiosa e ad evitare di rappresentare erroneamente le credenze degli altri (notizie tratte da: http://www.oikoumene.org/).

Ecco il documento in italiano. Leggetelo attentamente perchè è la prova che l’Alleanza Evangelica Mondiale si è alleata con la Chiesa Cattolica Romana, e quindi è imperativo uscire dall’AEI. Continua a leggere

Il ‘padre’ del pensiero positivo è un massone

peale-pensiero-positivo-300x225Oggi molte Chiese Evangeliche – tra cui molte Chiese Pentecostali, come la Parola della Grazia, le Chiese Elim e molte altre – hanno accettato la dottrina del ‘pensare positivo’, che nella pratica afferma che tu devi pensare e parlare positivo se vuoi avere una buona salute, ricchezze e successo nella vita. Quindi un credente – dicono questi del Pensiero Positivo – deve sviluppare un insieme di affermazioni e visualizzazioni positive che lo terranno motivato e focalizzato sulla realizzazione dei suoi ‘sogni’ e obbiettivi. Nella sostanza il messaggio di costoro è ‘Tu puoi se vuoi’, ‘volere è potere’, e quindi essi esortano i credenti ad avere fiducia in sè stessi e nelle proprie abilità. Per costoro se tu pensi positivo e accompagni i pensieri positivi con un parlare positivo, le circostanze attorno a te cambieranno in tuo favore, e ti renderanno pieno di successo e felice. Ecco dunque la soluzione ad ogni problema dell’uomo! Ora, questo insegnamento è falso alla luce della Parola di Dio in quanto induce il Cristiano ad avere fiducia in sè stesso, cosa questa condannata dalla Scrittura secondo che è scritto: “Chi confida nel proprio cuore è uno stolto” (Proverbi 28:26) ed anche: “Non t’appoggiare sul tuo discernimento” (Proverbi 3:5), ed infatti ha prodotto dei danni enormi nella Chiesa di Dio facendo sviare tanti dalla fede. Continua a leggere

La Massoneria all’opera per creare una religione universale

Questa notizia è la conferma che la Massoneria è all’opera per creare una religione universale. Il cosiddetto dialogo interreligioso è infatti stato ideato dalla Massoneria per portare a compimento questo suo diabolico piano. Ed ecco qua a quali iniziative porta il dialogo interreligioso! Spero che questa notizia scuota tutti coloro che ancora dormono, e li spinga ad uscire da tutte quelle Chiese o denominazioni massonizzate, che sono coinvolte nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Berlin, Petriplatz. Quando il dialogo interreligioso incontra l’architettura

 

tempio-unico

Intervista a Simona Malvezzi di Nicola Missaglia

24 giugno 2014

Una nuova iniziativa, tedesca, potrebbe far sì che Berlino diventi il centro europeo del dialogo tra le religioni e le culture. Si chiama Bet-und Lehrhaus Petriplatz, letteralmente “casa di preghiera e scuola”, o anche House of One, l’edificio che sorgerà nell’antica piazza di San Pietro nel centro di Berlino e che riunirà, sotto un solo tetto, cristiani, ebrei e musulmani. I fedeli, insieme a chiunque altro voglia, potranno frequentarlo per pregare, studiare, conoscersi in un clima di prossimità e di dialogo, in uno spazio che salvaguarderà l’identità di ognuno favorendo allo stesso tempo l’incontro e la collaborazione di chi vorrà recarvisi. È una sfida di cui Reset-Dialogues non poteva non parlare, perché ha il grande merito di riaccendere la speranza e la buona pratica del dialogo, in un’Europa che minacciata dai populismi e dalla violenza di vecchi e nuovi razzismi, dialoga a stento e, complice la crisi economica, sembra asfissiata dalla paura e dalla sfiducia in tutto ciò che è altro e diverso. Di questa sfida abbiamo parlato con Simona Malvezzi, architetto e cofondatrice, con Johannes e Wilfried Kuehn, dello studio berlinese Kuehn Malvezzi, vincitore del bando di concorso per la realizzazione del Bet- und Lehrhaus. Continua a leggere

B’nai B’rith, il ramo ebraico della massoneria

B'nai_B'rith_International_-_logo_-_2017_to_PresentL’Ordine Indipendente B’nai B’rith (‘figli dell’alleanza’) fu fondato il 13 ottobre del 1843 a New York da Henry Jones e altri undici immigranti Ebrei tedeschi come società di mutuo soccorso per occuparsi della ‘deplorevole condizione degli ebrei’ in America. Un mese dopo la sua fondazione cambiò il nome dal nome tedesco originario ‘Bundes-Brueder’ (che significa ‘Lega dei fratelli’), in quello attuale che conserva le iniziali (‘BB’). Almeno quattro dei fondatori del BB erano massoni.

Il B’nai B’rith fu organizzato in logge con sei gradi gerarchici sul modello della Massoneria. E poco dopo, cominciò ad occuparsi di costruire ospedali, ospizi e orfanotrofi, e fornire servizi di assistenza sociale e scolastica per i nuovi immigrati. Nel 1913 il B’nai B’rith fondò la Lega Antidiffamazione ‘per fermare con appelli alla ragione, alla coscienza e, se necessario, alla legge, la diffamazione contro il popolo ebraico’. Ferruccio Pinotti nel suo libro Fratelli d’Italia, definisce l’Anti-Defamation League ‘una delle più influenti organizzazioni ebraiche americane, figlia del B’nai B’rith, una sorta di potentissima massoneria in rapporti con molti gruppi di potere’ (pag. 474), e cita una dichiarazione del massone Giuliano Di Bernardo che afferma: ‘La ricerca delle certezze lo porta [l'uomo] a vedere, sotto una luce nuova non più negativa, i poteri forti che, in modo più o meno occulto, hanno guidato le sorti dell’umanità. Si tratta di quei poteri secolari come, ad esempio, gli ordini preposti all’esercizio del potere temporale che esistono all’interno di alcune Chiese (l’Opus Dei nella Chiesa cattolica), la massoneria, certe organizzazioni ebraiche (l’Anti-Defamation League) e altre’ (pag. 465). Come potete vedere, un massone di alto grado come il Di Bernardo ha definito La Lega Antidiffamazione uno dei poteri forti.  Continua a leggere

Il moderatore della Tavola Valdese scrive a Francesco I

EugenioBernardini-francescoBernardini scrive a Papa Francesco – “Caro fratello in Cristo”: Il Moderatore della Tavola valdese Eugenio Bernardini scrive a papa Francesco. Francesco e Valdo condivisero radicamento evangelico e servizio agli umili. “Un rinnovato cammino nell’unità di tutti i cristiani affinché il mondo creda”

Roma, 15 marzo 2013 (NEV-CS19) – Il moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini, ha scritto oggi un messaggio di saluto al papa Francesco: “Mi rivolgo a Lei nei giorni in cui assume il ruolo di vescovo di Roma – si legge – per rivolgerLe il saluto della Chiesa valdese. Possa il Signore benedirLa e illuminarLa nel suo ministero di annuncio dell’Evangelo”.

Rilevando che il nuovo papa ha scelto il nome di Francesco, il moderatore Bernardini ricorda che il povero di Assisi fu coevo di Valdo di Lione e che i due condivisero “l’idea di una chiesa al servizio degli umili e degli esclusi, ispirata e rinnovata dalla Parola di Dio”. Continua a leggere

Kenneth Copeland prega con il suo fratello Francesco

Il predicatore Kenneth Copeland ha affermato in merito al suo incontro con Francesco avvenuto il 24 giugno 2014 in Vaticano: ‘Papa Francesco è un uomo pieno dell’amore di Gesù. Tutti noi otto nel nostro incontro con lui siamo stati commossi dalla forte presenza dello Spirito Santo, e il nostro amore l’uno per l’altro si è rafforzato oltre misura’ (Pope Francis is a man filled with the love of Jesus. All eight of us in our meeting together with him were moved by the strong presence of the Holy Spirit, and our love for one another was strengthened beyond measure – http://kennethcopelandministries.org/2014/06/kenneth-copeland-reports-in-about-his-meeting-with-pope-francis/). In questa foto Copeland prega con il suo fratello Francesco.

francesco-copeland-pregano

Foto presa da http://kennethcopelandministries.org/2014/07/the-story-behind-brother-copelands-papal-visit/

Ricordo che in quegli otto c’era pure Geoff Tunnicliffe, segretario generale dell’Alleanza Evangelica Mondiale (di cui fa parte anche l’Alleanza Evangelica Italiana). Ecco come la Massoneria sta operando per portare Cattolici Romani ed Evangelici ad allearsi, o meglio ad unirsi nella diversità! Fratelli, guardatevi e ritiratevi da tutti quei predicatori che parlano e agiscono come Kenneth Copeland, perché sono dei ribelli, cianciatori e seduttori di menti.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Fonte: http://giacintobutindaro.org/2014/07/09/kenneth-copeland-prega-con-il-suo-fratello-francesco/

Articoli su Kenneth Copeland e il cosiddetto ‘messaggio della prosperità’

La casa del servo di mammona Kenneth Coopeland

Kenneth Copeland, Jesse Duplantis, Rodney Howard-Browne e Benny Hinn e il simbolo satanico della mano con le corna

Il clip comincia con una breve introduzione fatta da un credente di lingua spagnola (il video integrale e originale è distribuito da http://www.cristianismo-primitivo.org/) che spiega come il simbolo della mano con le corna è uno dei simboli più usati dai satanisti. Molti cantanti rock usano o hanno usato questo simbolo, come Ozzy Osbourne, i Kiss, gli AC/DC, e i Beatles. Il significato di questo simbolo – secondo la bibbia satanica di Anton LaVey – è che il Padre e il Figliuolo e lo Spirito Santo sono soggetti al diavolo (chi conosce l’Inglese può leggere questo articolo corredato da molte foto a questa pagina ). A questo punto vengono mostrati quattro predicatori evangelici che sono molto famosi nel mondo, i cui nomi sono Kenneth Copeland, Jesse Duplantis, Benny Hinn e Rodney Howard-Browne. Notate attentamente la mano sinistra di Copeland, quella destra di Duplantis, quella destra di Browne, e le due mani di Benny Hinn. Ora, non possiamo dire con assoluta certezza che questo segno è da loro fatto consapevolmente, certo è però che esso viene fatto, e la cosa non può non fare rimanere disgustati e preoccupati.  In merito a Benny Hinn, viene fatta notare verso la fine del video una scena a dir poco inquietante: una donna sta testimoniando e ad un certo punto uno dei collaboratori di Benny Hinn fa il gesto della mano con le corna, ma Benny Hinn, accortosi, con la sua mano destra gli dà un lieve colpo alla mano per fargli smettere di fare quel gesto. Una coincidenza tutti questi segni satanici o qualcosa di premeditato? Non lo so, ma sapendo che questi personaggi camminano secondo le concupiscenze della carne, se si scoprisse che hanno a che fare con l’occulto la cosa non ci sorprenderebbe più di tanto, perché da gente del genere ci si può aspettare qualsiasi cosa. (fonte: http://www.lanuovavia.org/va_cid_segno_satanico.html)

Articoli correlati:

Quando il cardinale Jorge Bergoglio impartì la sua benedizione al Parlamento argentino delle religioni

bergoglio-parlamento-argentinoVi ho mostrato giorni fa come il cardinale Jorge Bergoglio, ora ‘papa’ Francesco I, era ecumenico. Ora vi mostro come egli era a favore del dialogo interreligioso che si prefigge di unire tutte le religioni.

Sul sito del Parlamento Argentino de Religiones (http://www.par.org.ar/ – vedi anche qua http://www.guruom.com.ar/krishananda/bergoglio/bergoglio.htm) viene comunicata la notizia che il cardinale Jorge Bergoglio il 5 maggio 2006 ha impartito una benedizione speciale al Parlamento argentino delle religioni, e a supporto vengono mostrate diverse foto del cardinale Bergoglio durante un incontro in cui era presente Mahatma Krishananda (Prof. José Sergio Griffa) – quello con la camicia arancione – in rappresentanza del Parlamento. Continua a leggere

Francesco va a trovare il suo fratello Giovanni Traettino

MASSIMA ATTENZIONE A QUESTA NOTIZIA. Essa conferma quanto Francesco si stia impegnando per portare più ‘pentecostali’ possibili ai suoi piedi. SUONATE LA TROMBA! Chi ha orecchi da udire, oda. Giacinto Butindaro
———————————
Papa Francesco a Caserta, visita privata all’amico pastore evangelico Giovanni Traettinofrancesco-traettino-caserta

10 luglio 2014

Confermate in queste ore le parole di padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa del Vaticano, sulla prossima visita di Papa Francesco a Caserta.

Quelle che prima erano voci e ipotesi sono divenute adesso una certezza, e sarà il 26 luglio, con ogni probabilità, il giorno in cui il Santo Padre si recherà nel capoluogo per una visita privata all’amico pastore evangelico Giovanni Traettino, conoscenza di lunga data già dai tempi di Buenos Aires.

Essendo di natura privata, la visita di Papa Francesco non coinvolgerà direttamente la chiesa di Caserta, ma questa ugualmente pregherà affinché la sua presenza in Diocesi si manifesti come un segno forte per tutto il territorio, comprese le tante periferie che egli paternamente segue e per le quali prega costantemente.

Fonte: http://www.clarusonline.it/2014/07/10/papa-francesco-caserta-amico-giovanni-traettino/

Articoli correlati: