Tre domande ai rappresentanti della teoria dell’evoluzione

Quando si leggono attentamente i giornali e le riviste, si nota facilmente che la storia dell’evoluzione non è quasi mai messa in discussione. Dagli articoli scientifici sulle questioni riguardanti le origini si ricava l’impressione che la teoria dell’evoluzione sia dimostrata e quindi indiscutibile! Quando però si approfondisce la questione, si nota subito che le cose non vanno per il meglio con le cosiddette “dimostrazioni” e che fino ad oggi non c’è nessuna definita dimostrazione per la teoria dell’evoluzione. Una semplice variazione di organi non significa di per sé che si sia sviluppato qualcosa di nuovo: dunque, non si tratta di evoluzione. Per evoluzione infatti s’intende solo la formazione di un nuovo organo, dunque l’aggiunta di una nuova informazione genetica. Per una tale aggiunta manca non solo il meccanismo, ma anche una dimostrazione sperimentale. Inoltre, le cosiddette “dimostrazioni” presentate nei libri scolastici sono state tutte confutate. Si deve dunque avere fede in una teoria che non è stata dimostrata. Il big bang viene messo in discussione da un numero sempre più alto di specialisti. Si parla, è vero, di autoorganizzazione della materia, ma mancano le dimostrazioni sperimentali. Colpisce il fatto che viene invocata sempre più la “natura”, che deve aver prodotto l’intera complessità della vita. In tal caso, la “natura” gioca manifestamente il ruolo del Creatore. La complessità della vita viene così ricondotta a strane e, fino ad oggi, sconosciute forze del leggendario caso. Si afferma, per esempio, che l’evoluzione ha fatto in modo meraviglioso il codice genetico o che l’evoluzione ha provveduto affinché si sviluppasse la vita, etc. Orbene, come può una “non-persona” fare qualcosa, creare qualcosa o provvedere a qualcosa?

Si parla sempre più delle dimostrazioni dell’evoluzione, tuttavia non conosciamo nessuna definita convincente dimostrazione! Al contrario, è noto che piante ed animali muoiono continuamente, e tuttavia non si è mai osservata la comparsa di un nuovo tipo fondamentale, e d’altra parte, stando ai fossili, i nuovi tipi fondamentali sono tutti comparsi all’improvviso. Morire è il contrario dell’evoluzione. E’ l’effetto dell’entropia, della legge naturale del decadimento. Molti scienziati sanno che la teoria dell’evoluzione fino ad oggi non ha potuto essere dimostrata, come mostrano le seguenti citazioni.

Il biologo britannico, Prof. D.M.S. Watson scriveva già nel 1929 in “Nature”: “La teoria dell’evoluzione è una teoria che viene generalmente accettata, non perché essa può essere dimostrata giusta attraverso una dimostrazione logicamente coerente, ma perché l’unica alternativa, vale a dire una creazione speciale, è manifestamente incredibile.

Anche Jacques Monod è convinto di ciò, quando scrive: “Il puro caso, nient’altro che il caso, l’ assoluta, cieca libertà, come principio del meraviglioso edificio dell’evoluzione – questa conoscenza centrale è oggi non più un’ ipotesi tra altre possibili o meno concepibili; essa è l’unica immaginabile.” Per Monod si tratta dell’unica ipotesi immaginabile – ma pur sempre ancora nient’altro che un’ipotesi in cui egli crede, perché rifiuta l’unica alternativa ad essa.

Il darwinista inglese, Sir Arthur Keith, ha formulato questa situazione in maniera ancora più appropriata: “L’evoluzione è indimostrata ed indimostrabile. Noi crediamo soltanto ad essa per il fatto che, altrimenti, dovremmo credere in una creazione, ciò che è impensabile.” Anche a Sir Arthur Keith non rimase nient’altro durante la sua vita che credere nell’evoluzione.

Da tutto ciò si può dedurre che il problema sta nei preconcetti filosofici di molti scienziati. La Chiesa ha rivendicato durante secoli il possesso della verità assoluta, così negli ultimi 200 anni, e soprattutto a partire da Darwin, la situazione si è ribaltata a 180°. Oggi è la scienza, orientata nel senso dell’evoluzione, che combatte, come una volta faceva la Chiesa, con altrettanto zelo religioso, tutte le alternative alla teoria dell’evoluzione. Essa è diventata così una religione fondamentalista che si presenta con una rivendicazione di verità assoluta. E i media si uniscono ampiamente al coro.

Che cos’è la verità? La scienza non sarà mai nella condizione di fare dichiarazioni sulla verità relativamente a questioni riguardanti le origini, poiché la verità non si lascia esaminare con mezzi e strumenti scientifici. Dopo oltre 140 anni il darwinismo si trova in realtà sul punto di dichiarare che la teoria di Darwin, come del resto lo è sempre stata, non è ancora dimostrata. Apparentemente dipende dagli occhiali ideologici con cui si osserva il mondo. Gli uni vedono dappertutto l’evoluzione, gli altri vedono dappertutto la creazione. Questa è la libertà della fede e noi non abbiamo nulla da obiettare. Quando però qualcuno pretende che il proprio punto di vista sia l’unico giusto, e sostiene tale pretesa con argomenti senza dimostrazione, allora c’è qualcosa che non va. Le voci critiche contro la teoria dell’evoluzione in effetti si accumulano, ma esse vengono ignorate, passate sotto silenzio, emarginate e viene impedito loro l’accesso ai media. Un tale comportamento si oppone alla libertà di opinione e di stampa.

Noi di ProGenesis abbiamo riassunto i più importanti e più grossi problemi della teoria dell’evoluzione nelle seguenti “tre domande ai rappresentanti della teoria dell’evoluzione“.

1.-Come si è sviluppata l’energia?

La teoria del big bang afferma che prima del big bang tutta l’energia era presente in un punto in un’elevata concentrazione. La domanda senza risposta è come si è sviluppata questa energia in questo punto. L’energia non si sviluppa da se stessa poiché ciò contraddice il 1° principio della termodinamica: il calore, l’elettricità, la luce e il suono sono diverse forme di energia. La legge della natura della conservazione dell’energia afferma che l’energia non viene mai perduta ma si conserva. Essa non può nemmeno svilupparsi nuovamente o moltiplicarsi. Il 2° principio della termodinamica dice essenzialmente che l’energia dell’universo si uniformizza e che tutto tende in definitiva ad assumere la stessa temperatura (la cosiddetta morte termica). Poiché l’energia non può essersi sviluppata da se stessa, essa deve essere stata obbligatoriamente creata.

2.-Come si è sviluppata la vita?

Lo sviluppo spontaneo della vita dalla materia inanimata non è possibile. L’americano Miller ed altri cedettero di aver dimostrato attraverso degli esperimenti che la vita può svilupparsi in un “brodo primordiale”. Ma questi esperimenti produssero soltanto una piccola frazione dei mattoni necessari per la costruzione della vita. Inoltre, essi furono contaminati da molte sostanze indesiderate e dannose che impediscono l’ulteriore costruzione di molecole più grosse. Se la vita dovesse svilupparsi da tali mattoni, sarebbero necessarie molte tappe chimiche e fisiche addizionali e, perciò, delle informazioni intelligenti. Il 1° aprile 1864 Louis Pasteur dimostrò con esperimenti davanti ad una grande riunione di scienziati alla Sorbona, a Parigi, che la vita può svilupparsi soltanto dalla vita. Fino ad oggi non è stato possibile contfutare questa dimostrazione!

3.-Ha veramente avuto luogo un’evoluzione (uno sviluppo progressivo)?

La postulata evoluzione progressiva degli esseri viventi dalla “ameba a Goethe” non è documentato. Le forme intermedie che ci si attendeva (missing links) mancano sistematicamente nei reperti fossili degli strati della terra. Inoltre, i diversi tipi nei reperti fossili appaiono all’improvviso, come se fossero stati creati. Neanche il postulato sviluppo dell’uomo da antenati animali è documentato, poiché l'”albero delle origini” dell’uomo si sviluppa piuttosto come un “arbusto delle origini”, nel quale mancano sistematicamente le necessarie ramificazioni. Del resto, le osservazioni si oppongono alla teoria dell’evoluzione poiché noi osserviamo che l’universo e la vita non si sono originati da un caos iniziale e non si sono sviluppati ulteriormente in un ordine superiore, ma piuttosto all’inizio esisteva un ordine superiore che, nel corso del tempo, decade nel caos attraverso l’effetto dell’entropia (2° principio della termodinamica)! Noi osserviamo dappertutto il decadimento (oltre al disordine), ma in nessun luogo uno sviluppo progressivo (così, per esempio, muoiono molti tipi fondamentali di esseri viventi, ma non abbiamo ancora mai osservato la comparsa di un nuovo tipo fondamentale).

Secondo la nostra opinione, non c’è nessuna risposta soddisfacente a queste tre domande. Poiché a queste tre domande i rappresentanti della teoria dell’evoluzione non possono rispondere in modo convincente, mancano le fondamenta alla teoria dell’evoluzione. Per il creazionismo queste tre domande non presentano nessun problema. Al contrario, dalla mancanza di risposta alle tre domande da parte della teoria dell’evoluzione possono essere dedotti i seguenti tre forti argomenti per una creazione speciale.

1.-L’esistenza dell’energia

Come abbiamo visto, alla domanda come si è sviluppata l’energia non si può rispondere. Comunque, poiché l’energia esiste e non può essersi sviluppata da se stessa, essa deve essere necessariamente stata creata.

2.-L’esistenza della vita

L’esistenza dell’informazione biologica (DNA) nelle cellule degli esseri viventi ci costringe all’accettazione di un Creatore intelligente, poiché l’informazione non è un’entità materiale ma intellettuale e perciò non può essersi sviluppata dalla materia inanimata. Poiché lo sviluppo spontaneo della vita dalla materia inanimata non è possibile, la vita deve essersi sviluppata attraverso una creazione speciale.

3.-L’esistenza dell’intelligenza

Noi oggi non sappiamo come e quando la nostra mente personale, la coscienza di sé, e con ciò la nostra intelligenza mentale, sono nate. Il noto studioso del cervello John C.Eccles giunse, dopo decenni di studio del cervello umano, alla convinzione che la coscienza deveessere di natura spirituale: “Poiché l’approccio materiale fallisce nel chiarire la nostra reale unicità, io sono costretto a ricondurre l’unicità del sé, ovvero dell’anima, ad una creazione soprannaturale, spirituale (John C.Eccles)“. Questo significa che lo spirito non ha nessuna “sede” nel corpo. Poiché noi non possiamo localizzare lo spirito in nessun posto nel corpo, ciò significa che lo spirito non può essersi sviluppato né da ciò che è materiale, né da ciò che è biologico! L’intelligenza richiede perciò obbligatoriamente una sorgente intelligente.

E’ molto interessante notare che il verbo ebraico <bara> – che viene utilizzato esclusivamente per la capacità creativa di Dio, vale a dire sempre e dovunque Dio crea qualcosa di completamente nuovo, che non esiste ancora in nessuna forma – viene usato in tutto soltanto tre volte. Noi troviamo questa parola in Genesi 1:1 alla creazione dello spazio e della materia dal nulla, in Genesi 1:21 alla creazione degli animali (dunque dei primi esseri viventi) e in Genesi 1:27 alla creazione dell’uomo come essere spirituale. Nelle Bibbie tedesche questa parola viene tradotta con “creare”, al contrario dell’altro verbo ebraico <asah> che viene reso con “fare” e che significa che qualcosa di nuovo viene prodotto da qualcosa di già esistente.
Ogni creazione di Dio è per la nostra comprensione umana una meraviglia. Soltanto Dio può creare qualcosa da niente, noi uomini abbiamo sempre bisogno di materia prima per produrre (per fare) qualcosa.

L’esistenza dell’energia, della vita e dell’intelligenza sono forti argomenti per una creazione intelligente. Un’alternativa al creazionismo dovrebbe potere chiarire in modo convincente lo sviluppo dell’energia, della vita e dell’intelligenza. Ad ogni modo, nei libri di scuola si cerca invano la risposta a queste domande.

[Tratto da: origini.info]

5 commenti su “Tre domande ai rappresentanti della teoria dell’evoluzione

  1. Già il titolo del blog “non tollero jezabel” rappresenta in sé una bestemmia contro DIO, cioé contro la sua parola, la Bibbia. Infatti, nella sua parola c’è scritto che DIO è amore e per questo tollera ogni cosa e così ci insegna a fare. Invecem, questo blog è esattamente il contrario di quanto ci insegna: contende, si irrita, mostra se stesso, cerca le proprie cose, addebita il male ora a questo ora a quello, dà perle ai porci. Il nostro combattimento non è contro sangue e carne, ma contro gli spiriti celesti, contro l’immondizia che si nasconde dentro di noi e ci inquina ogni volta che esce da noi, etc etc. Siate furbi come i serpenti e semplici come le colombe.
    Ciao a tutti

    • Mi sa che sei tu contro la Parola di Dio. Forse neanche la leggi bene. Se leggi in apocalisse Gesù rimprovera l’angelo della chiesa, che sarebbe il pastore, perché TOLLERAVA Jezabel una profetessa che insegnava ad fornicare ed a mangiare il cibo sacrificato agli idoli. Il Signore c’è l’aveva con lui. Altro che Dio tollera tutto. Sei tu che bestemmi in quanto fai un dio buonista che ama e tollera il male. Ravvediti dalle tue insensatezze.

      Ti cito solo alcuni versi per farti capire che Dio non tollera il male.
      Lettera alla chiesa di Tiatiri – Apocalisse 2
      18 E all’angelo della chiesa di Tiatiri scrivi: Queste cose dice il Figliuol di Dio, che ha gli occhi come fiamma di fuoco, e i cui piedi son come terso rame: 19 Io conosco le tue opere e il tuo amore e la tua fede e il tuo ministerio e la tua costanza, e che le tue opere ultime sono più abbondanti delle prime.
      20 Ma ho questo contro a te: che tu tolleri quella donna Jezabel, che si dice profetessa e insegna e seduce i miei servitori perché commettano fornicazione e mangino cose sacrificate agl’idoli.
      21 E io le ho dato tempo per ravvedersi, ed ella non vuol ravvedersi della sua fornicazione.
      22 Ecco, io getto lei sopra un letto di dolore, e quelli che commettono adulterio con lei in una gran tribolazione, se non si ravvedono delle opere d’essa.
      23 E metterò a morte i suoi figliuoli; e tutte le chiese conosceranno che io son colui che investigo le reni ed i cuori; e darò a ciascun di voi secondo le opere vostre.
      24 Ma agli altri di voi in Tiatiri che non professate questa dottrina e non avete conosciuto le profondità di Satana (come le chiaman loro), io dico: Io non v’impongo altro peso. 25 Soltanto, quel che avete tenetelo fermamente finché io venga. 26 E a chi vince e persevera nelle mie opere sino alla fine io darò potestà sulle nazioni, 27 ed egli le reggerà con una verga di ferro frantumandole a mo’ di vasi d’argilla; come anch’io ho ricevuto potestà dal Padre mio. 28 E gli darò la stella mattutina. 29 Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese.

      Se leggi attentamente noterai che Gesù getterà Jezabel in un letto di dolere e quelli che commettono adulterio con lei in una gran tribolazione se non si ravvedono dalle loro opere.

      Mi sa che tu non sai cosa significhi la parola amore. Quel dio che descrivi tu è un falso dio. In quanto se Dio ci ama e ci tollera la nostra perversione e malvagità senza dirci niente vuol dire che non ci ama realmente. Meno male che Dio non è così.
      La Scrittura afferma che Dio castiga, punisce e flagella chi lui ama.

      Ebrei 12
      5 Figliuol mio, non far poca stima della disciplina del Signore, e non ti perder d’animo quando sei da lui ripreso;
      6 perché il Signore corregge colui ch’Egli ama, e flagella ogni figliuolo ch’Egli gradisce.
      7 È a scopo di disciplina che avete a sopportar queste cose. Iddio vi tratta come figliuoli; poiché qual è il figliuolo che il padre non corregga?
      8 Che se siete senza quella disciplina della quale tutti hanno avuto la loro parte, siete dunque bastardi, e non figliuoli.
      9 Inoltre, abbiamo avuto per correttori i padri della nostra carne, eppur li abbiamo riveriti; non ci sottoporremo noi molto più al Padre degli spiriti per aver vita?
      10 Quelli, infatti, per pochi giorni, come parea loro, ci correggevano; ma Egli lo fa per l’util nostro, affinché siamo partecipi della sua santità.
      11 Or ogni disciplina sembra, è vero, per il presente non esser causa d’allegrezza, ma di tristizia; però rende poi un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati per essa esercitati.

      p.s. La prossima volta attieniti al tema dell’articolo. Cosa centra commentare nell’articolo sull’evoluzione. Vai in scopo del blog e non qui.

    • Hai anche detto:
      “Siate furbi come i serpenti e semplici come le colombe.”

      Ma in quale versione della Bibbia hai trovato simili cose? Gesù che ci insegna ad essere FURBI? Ma non è il diavolo che è così?

      Prendo in esame tre versioni della Bibbia al riguardo del versetto di Matteo 10:6

      Nuova Riveduta
      “siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.”
      Riveduta
      “siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.”
      Diodati:
      “siate dunque prudenti come serpenti, e semplici come colombe.”

      Gesù ci ha detto di essere prudenti e non furbi.

      Tortorici Maurizio Ernesto è chiaro che non leggi bene la scrittura. Hai il coraggio di venire a commentare nel mio blog, facendo anche una brutta figura. Ti esorto a ricercare Dio con un cuore sincero investigando ogni giorno le sacre scritture.

I commenti non saranno approvati se sono anonimi, offensivi, volgari e insensati.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...