Antony Flew, filosofo ateo, diventa credente

Antony Flew sostenitore e propugnatore per decenni dell’ateismo filosofico, nel 2004 ha annunciato pubblicamente la rinuncia ad esso per accostarsi a posizioni filosofiche vicine al Deismo, rinuncia motivata da riflessioni sulla complessità della realtà biologica

Continua a leggere

Le eresie dell’antitrinitariano Eliseo Bonanno

Fratelli, sappiate che Eliseo Bonanno, che risiede a Saponara (Messina), e che gestisce il sito Sana Dottrina’  (http://www.sanadottrina.altervista.org/) insegna le seguenti false dottrine (non escludo però che ne insegni altre e che con il tempo saranno aggiunte sul suo sito), per ognuna delle quali c’è una mia breve confutazione che segue. Continua a leggere

‘Il laccio delle ADI è stato rotto, ed io sono scampato’ – I motivi che mi hanno spinto a lasciare le ADI

INTRODUZIONE
Pace, fratelli. Mi chiamo Gian Michele Tinnirello e ho 20 anni. Per tre anni sono stato membro di una chiesa delle Assemblee di Dio in Italia, e precisamente di quella di Partinico (PA). Ho scritto questa lettera per spiegarvi i motivi per cui sono uscito e mi sono separato dalla Chiesa ADI di Partinico.

Mi sono convertito al Signore nel mese di luglio del 2008. Prima di entrare a far parte di quella Chiesa Evangelica alcuni fratelli e sorelle mi avevano parlato bene degli Evangelici. Infatti quando iniziai a frequentare la Chiesa di Partinico mi fidavo di tutti. Ero convinto che tutti erano convertiti e leggevano la Bibbia.

Il periodo iniziale dopo la mia conversione è indimenticabile. Trascorrevo le giornate pregando Dio. Mi ricordo che allora guidavo un motorino, e mentre guidavo pregavo e cantavo (lo faccio tuttora mentre guido la macchina). Mi ambientai subito nella Chiesa di Partinico perché desideravo stare con persone di cui mi potevo fidare. Il Signore mi liberò da molte cose tra cui giocare schedine, guardare la tv, e giocare ai videogiochi. Nessuno mi aveva detto che certe cose non si devono fare, però io sentii di fare così perché sia la tv che i videogiochi mi sembravano un perdi tempo: io preferivo pregare e leggere la Bibbia. Continua a leggere

Contro la festa di Halloween

Contro la festa di Halloween (45 minuti – mp3)


Fuggite Halloween, è la festa delle streghe

Il termine Halloween deriva dal fatto che il 31 di ottobre è la vigilia di Ognissanti, ovvero la vigilia del giorno in cui la Chiesa Cattolica Romana celebra tutti i santi. Questo giorno, ossia il 1° novembre, è chiamato in inglese All Hallows’ Day. Ora, la vigilia di Ognissanti in inglese è chiamata All Hallows’ Eve (dove “eve” sta per “vigilia”), ma anche All Hallows’ Even (even sta per evening che in inglese significa ‘sera’ ed esprime il concetto di “vigilia”); da questi termini è derivato Halloween. Continua a leggere

Il mito dei cerchi nel grano

La vicenda dei cerchi nel grano comincia sulla fine degli anni 70 nell’Inghilterra meridionale. Grandi fino a venticinque metri di diametro oppure piccoli come una ruota, questi misteriosi cerchi comparivano di notte, durante l’estate, e al loro interno le spighe erano piegate a spirale e non spezzate. Ci si accorse della loro presenza solo a partire dal 1980. Quando i giornali cominciarono a parlarne, i cerchi aumentarono progressivamente di numero (da 3 nel 1980 a 700 nel 1990) e cominciarono a presentare forme sempre più complesse. Non più semplici cerchi, ma cerchi collegati tra di loro, con tratti rettilinei, corone e appendici varie; triangoli, rettangoli e speroni combinati in modo da creare degli elaborati e spettacolari “pittogrammi”, come vennero definiti. Immediatamente, furono avanzate ipotesi di ogni tipo dai “cereaologi” – così, infatti, si facevano chiamare gli esperti nei cerchi di grano: “Campi di forza”, “vortici di plasma” e, naturalmente, “tracce di UFO”. Due di questi esperti in particolare, Pat Delgado e Colin Andrew, sostenitori dell’ipotesi ufologica, divennero i più noti studiosi di cerchi e pubblicarono una serie di libri che li resero ricchi.  Continua a leggere

Sergey Torop uno dei tanti falsi messia

Un falso cristo da cui guardarsi. Si chiama Sergei Torop è ha 47 anni e dice di essere la reincarnazione di Gesù Cristo. Circa 5000 mila persone l’hanno aiutato a fondare la città del sole nel bel mezzo della Siberia.
Da quasi 30 anni guida la cosiddetta chiesa dell’ultimo testamento.
La sua dottrina congiunge varie credenze delle religioni e vorrebbe unirle in un unica religione. Classico atteggiamento da falso cristo.

Notate che al min. 3:32 dice:

“Nella città del sole non si fuma, non ci si droga, non si bevono alcolici. In compenso il sesso è libero. Il denaro è abolito e ci si accontenta di quello che si produce direttamente con il lavoro nei campi e nell’artigianato.”

Ma questo insegnate, che si proclama Dio, non ha letto nella scrittura al proposito del matrimonio che sta scritto: Continua a leggere